* Incontri ravvicinati con i fiocchi di neve

 

neve-microscopio-5-700x525

*

Neve bella,
fatta a stella,
bianca neve,
lieve lieve
vienmi in mano,
piano piano
Sei per poco
dolce gioco,
dolce gioco
in mille fiocchi
che mi frullan
sotto gli occhi.

(Ada Negri)

Ma com’è la neve vista molto da vicino?

Sappiamo che non ci sono due fiocchi di neve identici, ma guardando da vicino si scopre una infinita varietà di forme e dimensioni.

neve-microscopio-22-700x526

Ecco una raccolta di questi primi piani ravvicinati, ottenuti da Alexey Kljatov, artista e fotografo di Mosca, Russia.

La serie, chiamata “Snowflakes and snow crystals“, è creata con una fotocamera Canon A650 insieme ad alcune aggiunte personalizzate, come un Helios 44M-5 proveniente da una vecchia camera russa chiamata Zenit.

neve-microscopio-18-700x524

Le immagini mostrano i fiocchi poggiati su lana scura, in colore naturale.

neve-microscopio-8-700x524

neve-microscopio-2-700x525

Ma questi sono soltanto alcuni esempi del suo originale lavoro.

Per vedere altre immagini seguite il link sotto:

http://chaoticmind75.blogspot.ru/2013/08/my-technique-for-snowflakes-shooting.html

*I Ciliegi innamorati

tutto interconnesso

 

 

Due ciliegi innamorati, nati distanti,

si guardavano senza potersi toccare.

Li vide una Nuvola, che mossa a compassione,

pianse dal dolore e agitò le loro foglie…

ma non fu sufficiente, i Ciliegi non si toccarono.

Li vide una Tempesta, che mossa a compassione,

urlò dal dolore e agitò i loro rami…

ma non fu sufficiente, i Ciliegi non si toccarono.

Li vide una Montagna, che mossa a compassione,

tremò dal dolore e agitò i loro tronchi…

ma non fu sufficiente, i Ciliegi non si toccarono.

Nuvola, tempesta e Montagna ignoravano,

che sotto la terra, le radici dei Ciliegi

erano intrecciate in un abbraccio senza tempo”

( Anonimo giapponese)

Tutto è interconnesso

fonte: dal Web

* I colori della natura: Il lago Kliluk

LAGO+KLILUK+(3)

Vicino a Osoyoos Okanogan Valley, in Canada, si trova il lago Kliluk, noto anche come “lago maculato” o “Spotted lake”; un lago tempestato da meravigliosi cerchi colorati, quasi come se costituissero la trama di un tessuto a pois.

Si tratta di un luogo sacro agli Indiani nativi del luogo. La popolazione che vive nelle sue vicinanze, ritiene che le acque di “Spotted lake” siano miracolose, in grado di guarire ferite, distorsioni, malattie cutanee e dolori muscolari e agli indiani basta immergersi nel lago e pregare il dio Kliluk, per guarire.

kliluk-imagen-de-infoturism.ro_-520x200

Queste straordinarie forme geometriche naturali, di color bianco latte, giallo pallido, verde o blu, a seconda delle stagioni e delle temperature, non sono il frutto di un arcano mistero, ma di un fenomeno naturale.

Il lago Kliluk è uno dei laghi più ricchi di minerali al mondo, contenendo alte concentrazioni di solfato di magnesio, solfato di calcio, sodio, e 8 minerali in quantità minori, tra cui argento e titanio.

Durante il periodo compreso tra giugno e settembre, in cu le precipitazioni sono scarse e le temperature sono davvero elevate, le sue acque, evaporando, cristallizzano i minerali che, con i loro colori, creano pozze con bordi bianchi, colorate all’interno, dalle sfumature indescrivibili e uniche al mondo.
Lo spettacolo del lago maculato, dando vita a passerelle e piscine colorate in cui si raccolgono i minerali, richiama turisti da ogni parte del mondo.

lago_kliluk

Come riporta un cartello vicino al lago, queste acque avrebbero anche proprietà terapeutiche tanto che, secondo una leggenda, nel corso di una battaglia tra le tribù locali venne dichiarata una tregua appositamente per farvi immergere i loro feriti.

Con i suoi poco più di 15 ettari, il lago continua a stupire i numerosi turisti che possono ammirarlo da diverse angolazioni ma non possono accedervi, poiché si trova su un terreno privato.

Il lago, durante la prima guerra mondiale, si è trasformato in cava mineraria, in cui i lavoratori estraevano sino ad una tonnellata di minerali al giorno, destinati alle fabbriche di munizioni, concentrate soprattutto nell’America dell’est.

http://www.meteoweb.eu/2014/05/canada-gli-spettacolari-colori-lago-maculatokliluk-sacro-agli-indiani-nativi-luogo/285727/

 

* I colori della natura: il turchese del lago Baikal

baikal

Ogni anno intorno a questo periodo dell’anno, la superficie ghiacciata del Lago Baikal, un’immensa distesa d’acqua dolce situata nella Siberia meridionale, inizia a mostrare le prime crepe.
In poche settimane, centinaia di imponenti lastroni di ghiaccio si staccano dal restante strato stagliandosi sul paesaggio come cristalli di un gigantesco vaso andato in frantumi.

Non solo il Baikal è il lago più antico esistente sulla Terra (si stima abbia tra i 20 e i 25 milioni di anni), ma è anche uno dei più grandi e più profondi al mondo: nella sua conca è contenuto circa un quinto dell’acqua dolce dell’intero Pianeta, dal 1966 patrimonio dell’Unesco.

images

I suoi blocchi di ghiaccio giganti, chiamati anche “hummocks“, si formano attraverso i forti venti e le temperature gelide e possono anche raggiungere un’altezza di 15 metri. Ed è proprio il ghiaccio e il suo lento divenire a rendere questo posto spettacolare.

article-0-195225D6000005DC-566_634x422

Durante l’inverno, per circa cinque mesi da gennaio fino a maggio, il lago gela, ma l’acqua rimane così chiara che, dalla superficie, è possibile vedervi sotto per metri e metri. Le sue acque, infatti, mai più calde di 14 °C, lasciano intravedere fino a più di 40 metri di profondità.

E ogni anno, con lo sbocciare della primavera, quei blocchi di ghiaccio si trasformano e paiono colorarsi. Di un turchese intenso, colori accesi nel freddo siberiano.

Il forte vento (quello che le popolazioni locali chiamano “sarma” e che può toccare i 150 km/h), le importanti escursioni termiche, il gelo e il sole insieme cominciano a provocare delle crepe nei lastroni di ghiaccio. Forse a causa della pressione e della temperatura diversa tra il corpo del masso di ghiaccio e l’esterno, i blocchi si staccano a uno a uno e divengono trasparenti, quasi fosse un brillante colore turchese.

7788543-esquirlas-de-hielo-roto-en-el-lago-baikal-rusia


Il turchese

Conosciuto anche con il nome di acquamarina, risulta dall’unione del blu con il verde. Ne esistono diverse tonalità, che vanno da un chiaro verde acqua (acquamarina) ad un bluastro tendente al verde (turchese).

Anche se non fa parte dei sette colori dello spettro, il Turchese vanta notevoli proprietà terapeutiche. Dalla mescolanza di blu e verde, i colori del mare combina le qualità di entrambi: la serenità del blu e l’armonia del verde.

3729cc881479bb7cc454037fc3b8a779

Per gli Indiani d’America, il Turchese era il simbolo del cielo e dell’aria per i cittadini di Atlantide e gli antichi egizi, questo colore aveva una valenza sacra e veniva indossato anche come protezione. Era considerato in contrapposizione con la carne, simbolo dunque del cielo e dello spirito.

Il Turchese ha un effetto calmante, sia da un punto di vista psicologico che fisico, è il colore della tranquillità e della dipendenza dagli affetti..

E’ anche il colore ideale per parlare in pubblico perché la combinazione del blu e del verde, non solo ha l’effetto di tenere aperti i canali di comunicazione ma è in grado di creare armonia fra voi e gli interlocutori. Vi aiuterà inoltre a parlare a cuore aperto, per come realmente pensate e sentite.

La pietra turchese è una pietra protettiva, ha un’azione disintossicante , antidolorifica ,tonica e ricostituente. Aumenta i livelli di energia e favorisce i processi di guarigione.

1296859002

Fonti:

http://www.greenme.it/spazi-verdi/guarire-con-i-colori/1416-il-colore-turchese-propriet%C3%A0-

http://www.focus.it/ambiente/natura/i-cristalli-di-ghiaccio-del-lago-baikal_C9.asp

foto di Alexey Trofimov