ambiente · amore.autostima · buone notizie · Comunicazione · Energia · eventi · futuro · Leggere · Pace · pensare positivo · stare bene · Testimonianze · umanità

* La buona notizia del venerdì: Un contadino studia legge per 16 anni…

 

Il contadino studia legge per 16 anni per fare causa all’industria chimica che ha inquinato i suoi terreni




contadino_cina

 

Un’industria chimica ha inquinato i suoi terreni.

Perciò un contadino cinese ha deciso di studiare legge da autodidatta per 16 anni con l’obiettivo di trascinare l’azienda in tribunale.

E ora ha vinto la prima causa.

Wang Enlin proviene da una famiglia povera e da bambino aveva frequentato la scuola solo per tre anni ma ciò non gli ha impedito di informarsi sulle leggi che potevano essergli utili per difendere le proprie posizioni e per accusare l’azienda che ha inquinato i suoi terreni.

Si tratta della società statale Qihua Group.

Studiando legge l’uomo ha voluto scendere in campo in prima persona in nome della giustizia non soltanto per se stesso ma anche a favore dei propri vicini che non possono più coltivare i campi perché i terreni sono contaminati da sostanze chimiche inquinanti.

contaidno_cina_1

 

Wang ha 60 anni e vive nel villaggio di Yushutun nella provincia di Heilongjiang.

L’uomo ha spiegato che ricorderà per sempre il 2001, anno in cui i suoi terreni sono stati praticamente inondati dai rifiuti tossici scaricati da Qihua Group.

Le acque di scarico dell’industria chimica avevano raggiunto la sua casa, i suoi campi e i terreni dei vicini. A causa dell’inquinamento non è stato più possibile coltivare. Tra il 2001 e il 2016 l’azienda ha continuato a scaricare i rifiuti nel villaggio, dove i residenti si basano sull’agricoltura per il proprio sostentamento.

 

b3fff1ee3bb48f049157ffd77daf40e1

L’azienda rilascia da 15 a 20 mila tonnellate di rifiuti chimici ogni anno.

Non avendo ricevuto aiuto sufficiente dalle autorità locali, Wang ha iniziato a studiare legge da solo fino a poter fare causa all’azienda. All’inizio non aveva nemmeno i soldi per comprare i libri, dunque andava in libreria e copiava dai volumi più utili le informazioni più interessanti.

Studiando ha trovato il modo per avere a disposizione le prove dell’inquinamento dei propri terreni e dei terreni dei vicini. Per motivi inspiegabili il processo è iniziato solo nel 2015, ben otto anni dopo la prima richiesta.

Grazie alle prove raccolte negli ultimi 16 anni, Wang e i suoi vicini hanno vinto la prima causa. Il tribunale ha stabilito che gli abitanti del villaggio dovranno ricevere da Qihua Group un risarcimento danni pari a circa 100 mila euro.

Ovviamente la società ha presentato un ricorso contro la decisione del tribunale per evitare di pagare e ora il processo andrà avanti.

Wang ha promesso che continuerà a lottare fino a quando non otterrà la vittoria per sé e per tutti gli abitanti del villaggio.

20170216154425-4-wang-enlin-006-tantri-setyorini

 

“Tutto quello che l’uomo impara è già in lui. Tutte le esperienze, tutte le cose esteriori che lo circondano non sono che un’occasione per aiutarlo a prendere coscienza di quello che ha in se stesso.”

(Platone)

https://www.greenme.it/informarsi/agricoltura/22939-contadino-cinese-causa-azienda-inquinamento

http://www.dailydot.com/unclick/china-farmer-studies-law-sues-company-pollution/

 

 

ambiente · anima e corpo · armonia · buone notizie · Comunicazione · eventi · evoluzione · futuro · natura · pensare positivo · scienza · stare bene · Testimonianze · umanità

* La buona notizia del venerdì: Eliminare le microplastiche dagli oceani si può!

The Ocean Cleanup Array è il progetto ideato dal 19enne Boyan Slat  per eliminare le microplastiche dagli oceani.

564x292xboyanslat3.jpg.pagespeed.ic.8G5yHans65vXm34LQoKR

 

Dal 2013, quando è stato annunciato per la prima volta, Ocean Cleanup Array ha fatto tanti passi avanti. Ma dal 2016 diventerà ufficialmente il primo sistema di pulizia degli oceani.

Un’idea semplice, ma in grado di raccogliere 7.250.000 tonnellate di rifiuti in soli 5 anni, comeconfermato dallo studio di fattibilità, lo scorso anno. Il dispositivo è formato da una piattaforma a cui sono collegate due lunghe panne, in grado di intercettare e trattenere i rifiuti galleggianti anche di piccole dimensioni.

L’ingegnosa soluzione del giovane Boyan potrebbe salvare centinaia di migliaia di animali acquatici ogni anno, oltre che consentire una riduzione degli inquinanti (tra cui PCB e DDT) che i accumulano nella catena alimentare. Si potrebbe anche risparmiare tantissimi milioni di euro ogni anno, grazie all’abbattimento dei costi di pulizia, di una ripresa del turismo e di una diminuzione dei danni alle navi marittime.

Sul suo sito l’inventore spiega: “uno dei problemi con il lavoro di prevenzione è che non vi è alcun immagini di queste” macchie “di spazzatura, perché i detriti si sono dispersi per milioni di chilometri quadrati. Utlizzando i nostri array, invece, si accumulerebbero lungo i bracci, rendendo improvvisamente possibile visualizzare effettivamente tutta la spazzatura oceanica . Abbiamo bisogno di sottolineare l’importanza del riciclo e ridurre il consumo di imballaggi in plastica”.

È stato lo stesso Boyan, oggi ventenne fondatore e CEO di The Cleanup Ocean, ad annunciare che il suo Array sarà il primo sistema al mondo utilizzato per ripulire passivamente l’inquinamento prodotto dalla plastica negli oceani. La conferma è arrivata in occasione della conferenza dedicata alla tecnologica più grande dell’Asia, il Seoul Digital Forum, in Corea del Sud.

Si parte proprio dall’Asia, precisamente dal Giappone, dove l’Array verrà distribuito e messo in funzione nella seconda metà del 2016. Le prime acque ad essere ripulite dalla plastica saranno quelle al largo della costa di Tsushima, un’isola situata tra il Giappone e la Corea del Sud, oggi oggetto di ricerca.

Come funziona?

ocean_cleanup_cover

 

L’Ocean Cleanup Array, lo ricordiamo, è formato da due lunghe braccia che si trovano a pelo d’acqua. Il dispositivo è profondo circa 3 metri, in modo tale da intercettare la maggior parte della plastica che si trova in mare.

I rifiuti vengono così catturati dalle panne che non si muovono dalla loro posizione ma che agiscono come una sorta di grande imbuto, dove la plastica viene spinta proprio dall’angolo dei bracci. Una volta fatta arrivare alla piattaforma di raccolta, viene filtrata, separata dal plancton e conservata per il riciclo.

Quello in funzione in Giappone, il prossimo anno, avrà le due braccia lunghe circa 2.000 metri, diventando così la più lunga struttura galleggiante mai stesa in mare (battendo il record attuale di 1000 metri detenuti dal Tokyo Mega-Float).

Ocean Cleanup Array sarà operativo per almeno due anni, durante i quali eliminerà la plastica prima che essa possa raggiungere le coste dell’isola di Tsushima. Quest’ultima sta anche valutando se i rifiuti raccolti possano essere utilizzati come fonte di energia alternativa.

boyanslat

Perché Tsushima? 

Una scelta non casuale visto che qui il problema dell’inquinamento in mare è molto grave. Ciò ha portato i il governo locale a cercare soluzioni innovative per risolverlo.

Prendersi cura del problema rifiuti degli oceani del mondo è una delle più grandi sfide ambientali che l’umanità si trova ad affrontare oggi” ha detto Boyan Slat, secondo cui si tratta del primo passo verso l’obiettivo di ripulire la Great Pacific Garbage Patch. “Questa distribuzione ci permetterà di studiare l’efficienza e la durata del sistema nel tempo”.

Diffondere il più possibile questa soluzione è un’importante pietra miliare della missione del Cleanup Ocean per eliminare l’inquinamento della plastica dagli oceani. Entro cinque anni, dopo una serie di installazioni, Cleanup Ocean prevede di implementare un sistema di 100 chilometri per ripulire circa la metà della Great Pacific Garbage Patch, tra le Hawaii e la California.

Fonte:

http://www.greenme.it/informarsi/ambiente/16708-plastica-ocean-cleanup-array-2016

ambiente · amore.autostima · armonia · buone notizie · cultura · evoluzione · futuro · natura · pensare positivo · stare bene · Testimonianze

* La buona notizia del venerdì:L’India pianta 2 miliardi di alberi creando lavoro per 300mila giovani

 piantare-alberi-300x336

Il governo indiano ha deciso di combattere la disoccupazione giovanile e la cattiva qualità dell’aria piantando 2 miliardi di alberi lungo le strade del Paese.

Secondo i dati diffusi dall’Organizzazione mondiale della sanità l’aria di Delhi sarebbe la più inquinata al mondo. Tra le cause principali l’enorme numero di automobili che sciamano per le strade della capitale e l’incuria degli spazi verdi, spesso sacrificati sull’altare dell’industrializzazione.

Il Ministero per lo sviluppo rurale dell’India ha trovato una soluzione per arginare due dei principali problemi che affliggono il Paese, l’inquinamento, appunto, e la crescente disoccupazione giovanile che ha raggiunto il 10,2 per cento. Il piano è quello di assumere fino a 300mila giovani per piantare due miliardi di alberi lungo le strade del Paese.

Non solo, due miliardi di alberi potrebbero contribuire a migliorare drasticamente la qualità dell’aria di una città, Nuova Delhi, che risulta essere tra le più inquinate al mondo.

rajpath

 

«Stiamo studiando un progetto per piantare due miliardi di alberi lungo le strade e autostrade che attraversano l’India – ha dichiarato il ministro dei trasporti Nitin Jairam Gadkari – questa iniziativa è destinata a creare posti di lavoro per i disoccupati e a proteggere l’ambiente e la nostra salute».

immagine-di-una-foglia-al-microscopio

Un recente studio condotto nel Regno Unito ha dimostrato che le foglie degli alberi sono in grado di catturare una notevole quantità di polveri sottili. Dai risultati della ricerca emerge che le abitazioni protette da uno “schermo” di alberi accumulano concentrazioni di particelle metalliche più basse del 52-65 per cento rispetto le case senza vegetazione.

Per accertarsene, gli scienziati hanno misurato la quantità di inquinamento atmosferico presente nei pressi di un centro abitato di Lancaster, attraverso l’uso di dispositivi di monitoraggio di polveri sottili e particolari tecniche di analisi delle informazioni.

Dai risultati della ricerca emerge che le abitazioni protette da uno “schermo” di alberi accumulano concentrazioni di particelle metalliche più basse del 52-65 per cento rispetto le case senza vegetazione.

Esaminando poi le betulle al microscopio, i ricercatori hanno confermato che le superfici pelose delle foglie avevano intrappolato le particelle inquinanti, derivanti molto probabilmente dalla combustione o dall’usura dei freni dei veicoli di passaggio sulle strade adiacenti le abitazioni.

Delhi, India

Questo progetto si aggiunge ad una serie di iniziative intraprese dall’India per sviluppare la propria economia e ridurre l’impatto ambientale. Il Paese sta infatti investendo con decisione nell’energia solare e ha dichiarato l’obiettivo di fornire elettricità a quattro milioni di famiglie che attualmente vivono senza di essa grazie al fotovoltaico.

L’India ha inoltre annunciato che sarà raddoppiata la tassa sul carbone e che cresceranno i finanziamenti statali a progetti per lo sviluppo di energie alternative e sostenibili.

http://www.lifegate.it/persone/news/lindia-pianta-2-miliardi-di-alberi-creando-lavoro-per-300mila-giovani

Altre buone notizie:

” Raccontare la Grande Guerra con un videogame” di Marisa Moles

Il decreto ” terre vive” mette in vendita terreni pubblici per coltivarli