* Luna piena in Ariete : Libera il Guerriero Interiore e prenditi il tuo posto ! Guarda avanti e procedi!Qualunque sia la soluzione che appare all’orizzonte sarà la migliore del momento!

I Noviluni ed i Pleniluni scandiscono le nostre prese di consapevolezza, mettendo in luce la modalità inconscia con cui creiamo la vita, attraverso le relazioni sentimentali, per esempio, o le relazioni in generale, quelle genitoriali (altro esempio), che derivano dalla storia della nostra stirpe e dai retaggi che essa trasporta, che sono inscritti dentro il nostro DNA. 

I Segni Fissi aprono un campo di manifestazione del Nuovo (l’Ariete è il primo Segno, portatore della Primavera, la Rinascita), e la Donna Luna si offre all’Uomo Sole che la accoglie per un confronto – la Guerriera (Luna in Ariete) può accettare di fare spazio all’Altro accanto a sé?

Ti ritroverai a lottare,e apparentemente ti sembrerà di farlo al di fuori di te. Ma guarda nel profondo..questo conflitto che emerge è solo interno.

Emergerà il caos dove ancora risiede, per mettere puntini sulle i.

Per ogni volta che non hai voluto affrontare una situazione, una persona, per paura, per non creare dissidio, per mancanza di forza..adesso è tempo.

Tempo di affermare la tua identità, la tua volontà, il tuo Fuoco.

Tempo di svelare

E ammettere a Te stesso ogni volta che non l’hai fatto; sentire quella rabbia emergere che ti si scatena contro e che era divenuta rancore nei tuoi confronti: per ogni volta che ti sei dimenticato (di te) .per ogni volta che ti sei messo all’ultimo posto.

Per ogni volta che non hai avuto il coraggio di andare oltre un tuo limite visto e ti sei arreso.e ti sei raccontato alibi che ora sono da tanare. Uno ad uno.

Resa dei conti con te stesso.
Resa con la Vita:
È Tempo di placare e trasformare il senso di ingiustizia che ti porti dentro. Che scolpisce e solidifica la vittima interiore.

Tutto ciò che è accaduto ha un senso. Puoi continuare a vedere nemici esterni, oppure colmare quella distanza tra te e il mondo, divenendo adulto e prendendo a pieno la responsabilità delle tue scelte o delle tue mancate scelte.

È Tempo di sentire dentro di te quel Guerriero che vuole erigersi sulla vera forza, e che ha occhi per vedere negli ostacoli passati le opportunità che in quel momento non sono state colte, ma subite come eventi avversi.

Questa ricapitolazione, può rendere questo, un momento di scelte senza più remore.
Un Momento di affermazione personale, senza compromessi, ma in linea con la tua verità profonda.

Una Spada che mette ordine, un richiamo al Cor-Aggio di travolgere quel sistema nato da ogni tuo gesto di sottomissione.

È il momento di alzare la testa, e risolvere gli irrisolti che conosci bene.

È una porta da attraversare con l’azione o perlomeno con l ammissione di tutto ciò che ti manca per compierla.

Le paure che ti dividono da affermare fuori ciò che senti dentro.

Emerge la sottomissione al sistema da te creato, per ristrutturarlo senza esserne più schiavo.
Sentirai prima la rabbia, e devi concedertela..

Ma Poi lascia che risalga fino al cuore dove può divenire forza, e intento lucido connesso alla tua anima. Non una mera reazione emotiva.

Emergi tu, che rinasci dal caos, che emergi dal dubbio, che Vinci la paura di affermarti e i giudizi che ne conseguono all’esterno.

Decidi di non chinare il capo.Di guardare avanti E procedere.
Portandoti dietro te stesso, finalmente.
Mettendoti al posto giusto, dove cominci ad esistere davvero.

Qualunque sia la soluzione che appare all’orizzonte, essa sarà la migliore possibile per noi in questo momento.

Si può solo respirare ed accettare ciò che ci è possibile vedere con lo stato di coscienza dentro cui siamo. Il resto avverrà a suo tempo, quando avremo acquisito un’altra maturità, se questo è il nostro cammino.

 

Nel frattempo che succede nel cielo?
In queste ore un cambiamento considerevole s’è compiuto!
Venere dalla Bilancia è passata in Scorpione!
Venere è il pianeta che governa l’amore, le relazioni, la nostra sete di bellezza ed è in esilio nell’acqua dello Scorpione …

L’Acqua dello Scorpione è fredda e sensuale, non si accorda con le note dolci di Venere: porta sessualità ma non affetto.

Scorpione è un segno fisso: tende ad ostinarsi, a chiudere a chi non la pensa come lui, vuole dominare. I domicili dello Scorpione sono Marte e Plutone, in esaltazione in Urano: la trasformazione e la morte, la battaglia e la sete di vendetta … davvero questo pianeta non porta dolcezza alla Venere! Siamo più propensi a cercare di comandare, vendicarci, sottomettere, che ad amare.
Scorpione è davvero in esilio in Venere!
Scorpione è esattamente l’opposto del Toro: come Toro è dolce e pacato e cerca intesa e tranquillità, condivisione e fiducia, così Scorpione è sempre in conflitto, sempre in trambusto … e questo conflitto e questo trambusto tende a farlo pagare a caro prezzo a chi è accanto a lui.
Con una Luna in Ariete, che non porta per nulla dolcezza, chi ha la Venere in Scorpione o è del segno o ha l’ascendente nel segno è pregato di moderarsi in queste ore!

Cercate di non esagerare con l’aggressività, la freddezza e il vostro essere pungenti.

Fonte : 

https://lasorgenteeladea.blogspot.com/2019/10/luna-piena-delle-foglie-in-ariete-lora

https://aprigliocchidelcuore.com/2019/10/11/luna-piena-in-ariete-a-tu-per-tu-con-te-stesso-comincia-ad-esistere-di-sara-surti

* Pace…è una parola!

” pace “… una parola o un parolone?

picassolacolombeavenir

Cercavo la colomba della pace di Picasso  ed ho trovato una serie di litografie di  colombe disegnate da lui…
Una mi ha colpito perchè l’ ho trovata la rappresentazione ideale di una mia recente riflessione:

la pace ha motivo in quanto è l’opposto della guerra.

E’ una prerogativa umana ragionare dualisticamente : a tutto c’è un opposto, o questo o quello, e si agisce “ contro questo” o “ contro quello”.
Quindi la pace si ha solo quando non c’è la guerra e si fa la guerra per ottenere la pace.
Può sembrare un semplice sillogismo.

Ci sono attendibili opinioni in ogni tempo:
Ubi solitudinem faciunt, pacem appellant. Dove fanno il deserto , quello chiamano pace”  Tacito
Facciamo la guerra per poter vivere in pace“ Aristotele.
Si vis pacem, para bellum . Se vuoi la pace prepara  la guerra” Vegezio
Essere preparati alla guerra è uno dei mezzi più efficaci di preservare la pace” George Washington.
La pace non è un assenza di guerra: è una virtù, uno stato d’animo,una disposizione alla benevolenza, alla fiducia, alla giustizia. Baruch Spinoza
Oppure ci si riempe la bocca per apparire schierati da una parte o dall’altra.

Io penso che  Pace è un valore insito nel’ Essere umani, uno stato d’animo interiore che è in ciascuno di noi e che prescinde da un suo opposto.
Pace è un atteggiamento mentale strettamente legato al cuore che determina il modo di interpretare il mondo in tutte le sue sfaccettature e di conseguenza il ciascuno agire.
Se sono in pace con me stessa allora la posso esportare agli altri, e solo allora.
Pace è solo una parola,  il più delle volte un parolone che accomuna la gente… e le coscienze? Vado alla manifestazione o alla marcia e …dentro di me sono in pace?
Ma che vuol dire essere in pace con se stessi?Una ricetta universale non l’hanno ancora inventata eppure se ne sono dette di tutti i colori e sono stati versati fiumi di inchiostro.

Altre attendibili opinioni:
La pace è un quotidiano, un settimanale, un processo mensile, a poco a poco cambiando opinioni, lentamente erodendo vecchie barriere, tranquillamente costruendo nuove strutture. John F. Kennedy
La pace non è un rapporto delle nazioni. Si tratta di una condizione mentale derivante da una serenità d’animo. E ‘anche uno stato d’animo. Pace duratura può venire solo a persone pacifiche“. Jawaharial Nehru, primo ministro dell’India

Il fatto è che la pace è una sensazione talmente personale che io non posso fare altro che raccontare la mia.
Io mi sento in pace quando mi sento al posto giusto al momento giusto. Giusto per chi?
Per me, ovviamente. Tu per te. Loro per loro.
Io mi sento in pace quando porto avanti con passione le mie scelte.
Io mi sento in pace quando sono in sintonia con la natura e con i ritmi dell’universo .
Io mi sento in pace quando penso che se oggi vedo nero domani è un altro giorno.
Io mi sento in pace quando vedo sorridere qualcuno che prima era cupo.
Io mi sento in pace quando in coda alla posta la fila va lenta e faccio amicizia con la signora accanto.
Io mi sento in pace quando piove e non ho l’ombrello, dopotutto il sole splende per tutti
Io mi sento in pace quando la bimba del vicino, che di notte piange, mi saluta per nome
Io mi sento in pace quando alla tv danno la  notizia che è nata una nuova stella.

Insomma per me Pace è vedere il bicchiere mezzo pieno, sempre.
Per me dire Pace, fare Pace, marciare per la Pace non è Pace.
Per me Pace è Essere Pace.

E come me tutti possono Essere Pace, dato che è dell’Essere uman0.

O no?

* La luna piena di ottobre ci dice: continua il processo di pace interiore, là fuori non c’è alcun nemico, questa è la vita che creiamo noi stessi

 

Osservo il Cielo Astrologico di questo prossimo Plenilunio in Ariete (05.10.2017, ore 18,40 UTC) e noto un disegno di grande perfezione rispetto al cammino che stiamo compiendo, nonostante tutto quello che apparentemente si sta manifestando fuori da noi.

Intanto vorrei precisare che i cicli lunari sono aperture e chiusure dello stato di coscienza all’interno di processi emozionali di rilascio molto potenti.

I Noviluni ed i Pleniluni scandiscono le nostre prese di consapevolezza, mettendo in luce la modalità inconscia con cui creiamo la vita, attraverso le relazioni sentimentali, per esempio, o le relazioni in generale, quelle genitoriali (altro esempio), che derivano dalla storia della nostra stirpe e dai retaggi che essa trasporta, che sono inscritti dentro il nostro DNA. 

Di questo si tratta nel Plenilunio in Ariete, dove la Luna si confronta con il Sole in Bilancia a 12°, lo stesso Asse zodiacale perno evolutivo di tutto il 2017 perché su di esso si sono confrontati in modo pressante Giove in Bilancia (l’importanza della coppia nella vita – ne ha per me? sto ubbidendo solo ad un condizionamento sociale?) e Urano in Ariete (quanta paura fa il lasciarsi andare ad un altro? mi fido? fuggo dall’amore, dal confronto?).

Ogni nostra relazione sentimentale affonda le sue radici sulla relazione con i genitori ed ora è importante prendere atto di ciò che è.

Già da gennaio 2017 queste domande si sono evidenziate nel sottofondo della vita quotidiana, costringendoci a guardare in faccia la realtà delle nostre relazioni. O ci si sta dentro con tutto quello che essa contiene, smettendo di lamentarsi, oppure si prende la via, perché non si riesce più a sostenere la tensione.

Qualunque sia la soluzione che appare all’orizzonte, essa sarà la migliore possibile per noi in questo momento.

Si può solo respirare ed accettare ciò che ci è possibile vedere con lo stato di coscienza dentro cui siamo. Il resto avverrà a suo tempo, quando avremo acquisito un’altra maturità, se questo è il nostro cammino.

Da gennaio 2017, un altro momento topico di questo percorso si è evidenziato ad aprile, con il Plenilunio in Bilancia ed il Sole in Ariete. In quel momento era probabilmente emersa la voglia di fuga.

Ora ci arriva una risposta di maggiore equilibrio, che nasce dalla spinta grintosa di questa Luna in Ariete, visto che essa mette in evidenza l’importanza dell’auto-determinazione (Io Sono).

Sapendo chi si è, ci si confronta con l’altro in piena libertà e rispetto, e questa deriva da tutto il lavoro di purificazione e successiva accettazione del sé a cui ci si è aperti negli ultimi mesi, anche nostro malgrado.

La particolarità di questo Plenilunio è anche un’altra. Calcolandolo all’orario di Greenwich, l’Ascendente del Plenilunio cade a 21° del Toro, Segno Fisso di radicamento e costruttività, e forma una Croce precisa con i Nodi Lunari a 21° dell’Asse Aquario/Leone – qui il LINK per approfondimenti – e la Parte di Fortuna a 21° dello Scorpione (ciò che ci dà gioia fare), creando una relazione numerologica specchiata, riflessa, palindroma, con i 12° della Luna e del Sole.

Tutto si manifesta in se stesso, riflette se stesso in tante rifrazioni diverse pur mantenendo la sua essenza.

Questo siamo noi e la vita che creiamo per noi stessi.

I Segni Fissi aprono un campo di manifestazione del Nuovo (l’Ariete è il primo Segno, portatore della Primavera, la Rinascita), e la Donna Luna si offre all’Uomo Sole che la accoglie per un confronto – la Guerriera (Luna in Ariete) può accettare di fare spazio all’Altro accanto a sé?

Questo Plenilunio è il proseguimento del Processo di Pace Interiore iniziato con l’Eclissi di agosto 2017, (Saturno, l’Antico Inquisitore, congiunto in Sagittario con la Strega Lilith ) che coincide con l’azzeramento dei conflitti esterni, nel momento stesso in cui decidiamo che non esiste alcun nemico, ma che siamo nella manifestazione di ciò che abbiamo dentro.

Allora con umiltà ci guardiamo intorno e nonostante tutto attingiamo alla frequenza della Gratitudine e lasciamo che essa diventi sempre più anche attraverso noi lo stato di coscienza principale nel quotidiano collettivo.


http://ashtalan.blogspot.it/