* La buona notizia del venerdì: un artista costruisce rifugi per i senzatetto con rifiuti abbandonati

Gregory Kloehn è un “esploratore” dei cassonetti della spazzatura, ma non per il motivo che tutti pensano!

Non è un senzatetto, bensì un artista di Oakland che cerca di aiutare i meno fortunati utilizzando i suoi lavori. Invece di realizzare sculture da vendere a ricchi collezionisti, preferisce concentrare le forze per regalare una casa ai poveri che vivono in strada in California.
Gregory si avventura tra i cumuli di rifiuti abbandonati in strada per recuperare materiali utili.

Con quello che trova, costruisce piccoli rifugi ad un posto destinati ad accogliere senzatetto: le “little homeless homes” sono della dimensione di un divano – non molto grandi, ma vitali per chi non ha un tetto sotto il quale ripararsi – e sono tutte fornite di tetto a spiovente, in modo da far drenare l’acqua in caso di pioggia, e di rotelle, così che ogni proprietario possa spostare il rifugio e portarlo con sè.

La struttura delle casette è realizzata con vecchi pallet , mentre il resto dei dettagli è affidato a materiali di recupero rivisitati dall’incredibile estro di Gregory.

 

L’idea di aiutare i più sfortunati gli venne quando un senzatetto un giorno si affacciò nel suo studio chiedendo una coperta per ripararsi; tutto quello che Gregory aveva però era l’ultima opera su cui stava lavorando: una piccola casa-mobile equipaggiata con cucinino, una cisterna d’acqua e una botola per smaltire rifiuti.

E’ così che Gregory ha capito come rendersi utile per aiutare la comunità.

 

Adesso il suo obiettivo è cresciuto: non solo continua a realizzare rifugi mobili per i senzatetto, ma insegna ai meno fortunati a costruirsi da soli queste originali abitazioni!


Un’iniziativa bellissima, che può essere sostenuta con donazioni effettuate sul profilo facebook di Gregory.

 

 Fonte:  www.bioradar.net

http://www.pianetacomefare.it/2014/07/01/artista-costruisce-case-ai-senzatetto-con-unidea-semplice-ed-unica/#more-16584

 

* La buona notizia del venerdì: Arriva il “giocattolo sospeso”

giocattolo_sospeso

Natale solidale a Napoli: arriva il “giocattolo sospeso”

 

Nella lista dei regali da fare questo Natale aggiungine uno in più ma “anonimo”:  l’iniziativa solidale promossa dal Comune di Napoli permette di lasciare un dono già pagato per un bambino bisognoso

Dopo il celebre “caffè sospeso” (usanza partenopea di pagare un caffè a un futuro avventore bisognoso del bar) per Natale a Napoli arriva anche il “giocattolo sospeso”. Il principio è lo stesso: compra un giocattolo e lasciane pagato uno per un bambino bisognoso.

L’iniziativa solidale di Natale è stata promossa dagli assessorati ai Giovani e alle pari opportunità del Comune di Napoli. Il progetto permette a tutti i bambini, anche quelli meno fortunati, di ricevere un dono da Babbo Natale.

Chiunque voglia lasciare un giocattolo sospeso può recarsi nei negozi che hanno aderito all’iniziativa. All’atto della donazione verrà rilasciato uno scontrino gift e il donatore verrà aggiunto al registro dei “benefattori”. Il ritiro del giocattolo è ancora più semplice: basta esibire al negoziante un documento d’identità valido. 

Padrini dell’iniziativa sono i due attori Adriano Pantaleo e Francesco Di Leva.
Per maggiori informazioni basta consultare il sito del Comune di Napoli

930

I negozi che hanno aderito all’iniziativa sono i seguenti:
Junior Giocattoli, via Pisciscelli 25
Casa mia, via Cilea 115
Natullo toys , via Nazionale 52
Natullo toys, Corso Garibaldi 301
Natullo toys, via A. Ranieri 51
Leonetti, via Toledo 350
Leonetti, via Crispi 82
La Girandola giocattoli, via Toledo 400
La Girandola giocattoli, via E.Nicolardi 158-162
Gerardi e Fortura, viale Kennedy 119
Baby bendrew, via Kerbaker 100/102
L’Etoile, via Stella 140
Arcobaleno toys, Viale Colli Aminei 72
Arcobalocchi. Via Pasquale del Torto 45

gettyimages-459265767

 

Anche Marcianise aderisce all’iniziativa “Giocattolo Sospesoe cioè una sorta di regalo “in più” pagato da chi può permetterselo e destinato ai bambini meno fortunati che, altrimenti, rischierebbero di passare le feste senza alcun dono sotto l’albero.

È l’idea promossa dall’Assessorato alla Integrazione Socio-Sanitaria del Comune di Marcianise, retto da Antonietta Paolella, per permettere a tutti i bambini di vivere la magia del Natale. Chiunque lo voglia può, come si fa tradizionalmente con il tradizionale rito partenopeo del “caffè sospeso”, acquistare un gioco da lasciare nei negozi che aderiscono all’iniziativa e permettere a chi ne ha bisogno di ritirarlo.

L’idea è nobile e semplice, tant’è vero che prende le mosse da una tradizione che, a Napoli, ha radici molto antiche: quella del caffè sospeso, in cui, in un bar, un cliente lascia un caffè pagato ad un avventore che non può permetterselo. Partendo da questo concetto, il Comune di Marcianise ha adottato la stessa  iniziativa promossa dal Comune di Napoli. Si entra in un negozio aderente all’iniziativa, si acquista un giocattolo e lo si dona ad un bambino meno fortunato, così che anche lui possa godersi l’atmosfera e la gioia del Natale. L’iniziativa di solidarietà terminerà il 5 gennaio 2017. Nei prossimi giorni sarà resa nota la lista dei negozi che aderiscono all’iniziativa.

http://d.repubblica.it/attualita/2016/12/15/news/giocattolo_sospeso_napoli_bambini_bisognosi_natale-3350669/?ref=fbpr&ch_id=sfbk&src_id=0001&g_id=1&atier_id=00&ktgt=sfbk0001100

http://www.marcianise.info/2016/12/anche-a-marcianise-lanciata-liniziativa-di-solidarieta-giocattolo-sospeso/