ambiente · anima e corpo · animali · armonia · astronomia · cultura · evoluzione · Leggere · pensare positivo · scienza · Testimonianze

* Il mistero del cielo stellato

original-680x382

Quando contempliamo le stelle siamo alla ricerca di qualcosa, ma di che cosa?

Cerchiamo di intuire i colori, la brillantezza, le dimensioni, il significato.. cosa e se comunicano a noi così piccoli al confronto, così vulnerabili dall’alternarsi della vita e della morte.
Le stelle ci introducono al concetto di infinito che si dilata quanto più cresce la nostra conoscenza astronomica e cosmologica dell’universo
Di fronte all’infinito e al mistero del cielo stellato sentiamo qualcosa che evoca in noi l’abisso e  questo ci sgomenta e allo stesso tempo ci affascina .
Ma questo infinito che cosa è per noi? E che cosa ha a che fare con l’umanità?
Da una parte ci schiaccia la sua eternità, perchè è lì da sempre, dall’altra la curiosità di sapere cosa c’è oltre è la spinta alle conquiste  della scienza.


Un famoso scienziato( Bertrand Russel) tenne una volta una conferenza pubblica su un argomento di astronomia.
Egli parlò di come la Terra orbiti intorno al Sole e di come il Sole a sua volta compia una ampia rivoluzione al centro di un immenso aggregato di stelle noto come la nostra galassia.
Al termine della conferenza una piccola signora in fondo alla sala si alzò in piedi e disse:” quello che lei ha raccontato sono tutte frottole. Il mondo, in realtà, è un disco piatto che poggia sul dorso di una gigantesca tartaruga.”
Lo scienziato si lasciò sfuggire un sorriso di superiorità prima di rispondere:” E su che cosa poggia la tartaruga?” domandò.
“Lei è molto intelligente, giovanotto, davvero molto” disse la vecchia signora” Ma ogni tartaruga poggia su un’altra tartaruga!”
La maggior parte delle persone troverebbe piuttosto fantasiosa questa immagine del nostro universo che poggia su una torre infinita di tartarughe, ma perchè mai noi dovremmo pensare di saperne di più?

Che cosa sappiamo dell’universo e e come lo sappiamo?
Da dove è venuto l’universo e dove sta andando?
L’universo ebbe un inizio e, in tal caso, che cosa c’era prima?
Quale è la natura del tempo? Il tempo avrà mai fine?

Progressi recenti in fisica, resi possibili in parte da fantastiche nuove tecnologie, suggeriscono risposte ad alcune di queste domande che l’uomo si fa da sempre.
Un giorno queste risposte potrebbero sembrarci altrettanto ovvie del fatto che la Terra giri intorno al Sole, o forse altrettanto fantasiose di una torre di tartarughe.


Solo il Tempo ( qualunque cosa esso sia) ce lo dirà.

anima e corpo · arte · astronomia · cultura · evoluzione · Giordano Bruno · pensare positivo · Poesia · Religione · scienza · Testimonianze

* 17 febbraio 1600: “in Campo di Fiore fu abbruggiato vivo quello scelerato frate domenichino de Nola

Giordano Bruno (Nola, 1548 – Roma, 17 febbraio 1600)

«  io sorgo impavido a solcare con l’ali l’immensità dello spazio

senza che il pregiudizio mi faccia arrestare contro le sfere celesti

la cui esistenza fu erroneamente dedotta da un falso principio

affinchè fossimo come rinchiusi in un fittizio carcere ed il tutto

fosse costretto entro adamantine muraglie

Ma per me migliore è la Mente che ha disperso ovunque quelle nubi »

Giordano-Bruno-Nola-610x235

Lascia l’ombre ed abbraccia il vero.
Non cangiare il presente col futuro.
Tu sei il veltro che nel rio trabocca,
mentre l’ombra desia di quel c’ha in bocca.
Aviso non fu mai di saggio o scaltro
perdere un bene per acquistarne un altro.
A che cerchi si lungi diviso
se in te stesso trovi il paradiso?
Anzi, chi perde l’un mentre è nel mondo,
non speri dopo morto l’altro bene.
Perché si sdegna il ciel dare il secondo
a chi il primiero non caro non tenne;
così, credendo alzarti, vai a fondo;
ed ai piacer togliendoti, a le pene
ti condanni; e con inganno eterno,
bramando il ciel, stai ne l’inferno.

Che ci piaccia o no, siamo noi la causa di noi stessi. Nascendo in questo mondo, cadiamo nell’illusione dei sensi; crediamo a ciò che appare. Ignoriamo che siamo ciechi e sordi. Allora ci assale la paura e dimentichiamo che siamo divini”.

Verrà un giorno che l’uomo si sveglierà dall’oblio e finalmente comprenderà chi è veramente e a chi ha ceduto le redini della sua esistenza, a una mente fallace, menzognera, che lo rende e lo tiene schiavo

Giordano-Bruno_infinito_Universo

Leggi anche:

17 febbraio 1600

L’universo di Giordano Bruno

Invocazione al sole