* Qui Rosetta… siete ancora lì ?

La sonda Rosetta dell’ESA ha dato un segnale di risposta.
La sonda Rosetta era distante 807 224 610,74 km,

che corrisponde a 44 minuti e 53 secondi luce, a 673 milioni di km di distanza dal Sole.
La sonda Rosetta è diretta verso la Cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko.


MACRO

via-lattea-4-700x639

+

MICRO

2jdmk9f

+

ATOMO

hqdefault

=

Il  TUTTO

“Vedere un Mondo in un granello di sabbia,

E un Cielo in un fiore selvatico,

Tenere l’Infinito nel cavo della mano

E l’Eternità in un’ora.”

(William Blake)

* Arte e scienza

Arte e Scienza:

Alberi 3D Formati con Strati di Vetri Dipinti

Scultura di vetro di un albero 3D. Creazione e crediti ad @ Ardan Özmenoğlu


Usando delicatissimi materiali come vetri e carta, l’artista Ardan Özmenoğlu lavora sul decontestualizzare e ricreare oggetti comuni all’interno di complesse sculture. Il suo lavoro si basa molto sull’analisi geometrica e matematica della visione e percezione degli oggetti, della realtà, della luce e di come tutto questo gioca nel mezzo scelto. Uno dei più recenti lavori della giovane artista turca mostra una serie di lastre di vetro, dipinte a mano in modo che, insieme alla particolare tonalità dei vetri stessi, creino l’illusione ottica di un singolo oggetto: in questo caso un’albero. In questo medium, l’artista può anche giocare molto di più con la luce e l’albero sembra cambiare e muoversi in base alla posizione di chi visiona l’opera.

Particolare di una delle lastre dipinte. Notate anche i riflessi dietro e la tonalità del colore del vetro. Credit: Ardan Özmenoğlu

Scultura in vetro di un albero in 3D creato con la pittura. Credit: Ardan Özmenoğlu

Se si prende una singola lastra, non è altro che un dipinto astratto e richiama appunto la corrente artistica astratta, ma nell’insieme, quando si vedono tutti i frammenti in fila, la struttura dell’albero emerge dall’astratto, e cambia in base alla posizione di chi guarda.

In tutti i suoi lavori, Ardan Özmenoğlu narra ed investiga la permanenza e l’effimero delle immagini, e di come nella storia queste hanno influenzato la cultura umana. Sfidando le aspettative e combinando mezzi diversi con grande originalità, la scultrice riesce a mostrare il mondo sempre con occhi inaspettati, invitando anche alla riflessione sul ruolo umano di ricostruzione di struttura, dall’astratto.

Vista frontale degli alberi sospesi. Credit: Ardan Özmenoğlu

“Sia quando commento sulla durabilità storica o la transitorietà delle immagini, o quando scolpisco con mezzi fragili come il vetro, i fili, o rami di alberi, il mio approccio all’arte è le sue fonti è stato e sarà sempre contemporaneo nell’estremo: le mie investigazioni nell’immagini coesistono con i gesti estetici che sfidano, provocano ed invitano” ha spiegato infine Ardan Özmenoğlu.

http://ardanozmenoglu.net/

http://artruby.com/post/62659402938/glass-sculpture-by-ardan-ozmenoglu

* A proposito della Luna

prima-foto-luna-700x509

Primissima fotografia della Luna!

Oggi giorno, le macchine fotografiche sono diventate di uso estremamente comune, e scattare una foto della Luna non è più impresa memorabile, ma vi siete mai chiesti qual è stata la primissima fotografia che l’umanità ha registrato della Luna?

Siamo nel lontano 1839, ovvero 174 anni fa, e John W. Draper, professore di chimica presso l’Università di New York, usa alcune primordiali tecniche che fanno uso di piatti di platino e argento, insieme al suo telescopio privato, per ottenere un dagherrotipo della Luna. Più tardi mostrò la sua immagine all’Accademia delle Scienze, e da allora la foto è un po’ passata nel dimenticatoio. Ma eccola qui, digitalizzata in tutto il splendore storico.

La dagherrotipia fu il primo procedimento fotografico per lo sviluppo di immagini (tuttavia non riproducibili). Messo a punto dal francese Louis Jacques Mandé Daguerre da un’idea di Joseph Niépce e del figlio di questi, Isidore.

P8530005_DAGUERRE_FAM-XIAN-ALMANAC_1853
Si utilizzava una lastra di rame su cui veniva applicato elettroliticamente uno strato d’argento. Quest’ultimo veniva poi sottoposto alla luce e sensibilizzato da vapori di iodio. La lastra veniva esposta alla luce dell’oggetto per circa 10-15 minuti, dopo di che iniziava il lungo processo dello sviluppo.
Lo sviluppo avviene mediante vapori di mercurio a circa 60 °C, che rendono biancastre le zone precedentemente esposte alla luce. Il fissaggio conclusivo si ottiene con una soluzione di tiosolfato di sodio, che elimina gli ultimi residui di ioduro d’argento.

 

DAGapparatus

L’immagine ottenuta, il dagherrotipo, non è riproducibile e deve essere osservata sotto un angolo particolare per riflettere la luce in modo opportuno. Inoltre, a causa del rapido annerimento dell’argento e della fragilità della lastra, il dagherrotipo veniva racchiuso sotto vetro, all’interno di un cofanetto impreziosito da eleganti intarsi in ottone, pelle e velluto, volti anche a sottolineare il valore dell’oggetto e del soggetto raffigurato.

Sono sopravvissuti relativamente pochi dagherrotipi fino ai giorni nostri (relativamente al numero scattato), ed è quindi una gran fortuna che possiamo avere ancora traccia di una così antica foto astronomica di quell’epoca!

935888_573394182724805_1928950414_n

http://exp.lore.com/post/51512302598/the-very-first-photo-of-the-moon-taken-by-john

http://www.treccani.it/enciclopedia/tag/dagherrotipia/

* Arcobaleno sull’Everest

376366_544068498947499_2086229545_n

Questa straordinaria immagine mostra un arcobaleno tra le nuvole sul Monte Everest.

L’effetto arcobaleno è creato dalla presenza di piccoli cristalli di ghiaccio che riflettono nel vapore acqueo delle nuvole la luce del sole.

Questo è un effetto molto raro e non è mai stato fotografato, solo due o tre volte ne tempo,

Immagine di credito: Oleg Bartunov