amore.autostima · anima e corpo · armonia · Astrologia · astronomia · cultura · Energia · evoluzione · futuro · Pace · pensare positivo · Riflessioni · stare bene · Testimonianze · umanità · universo

*4 giorni fa il mondo sarebbe dovuto finire. Siamo sopravvissuti? Per uno scopo!

4 giorni fa il mondo sarebbe dovuto finire.

 

Sulla base di interpretazioni di passi presi dal Libro della Rivelazione, l’Apocalisse, il 23 settembre 2017 era stato individuato come punto in cui il mondo, o ciò che ne percepiamo di esso, sarebbe arrivato ad un termine.

Il mentale collettivo di nuovo viene colpito da messaggi che portano senso di morte, distruzione, angoscia.

Molti di noi hanno sicuramente scartato il contenuto di questi stimoli a priori, eppure essi lavorano nell’inconscio, preparano il terreno a qualcosa d’altro, a ciò che in effetti è destinato a lasciare la nostra vita.

La fine sicuramente è arrivata ed ha portato una sua elaborazione interiore molto forte.

Il Cielo astrologico del 23 settembre presenta una configurazione netta di Opposizioni, dove le orbite planetarie mostrano un prima ed un dopo, la differenziazione tra ciò che era e ciò che è in divenire. Tutte queste Opposizioni espandono la visione ad accogliere Tutto ed il contrario di Tutto, situazione che può creare grande confusione dentro le nostre piccole vite fatte di tante scatole contenitive. Le scatole, le gabbie, le strutture, sono funzioni della mente umana che permettono di rimanere all’interno di contesti precisi, senza i quali non si riesce a mantenere la misura.

E se fosse arrivato il momento di superare la misura? Se la fine annunciata fosse relativa ad un modello di vita così come è sempre stato praticato qui nel mondo occidentale, produttivo, industrializzato? Se fosse arrivato il momento di aprire la visione ad una diversa modalità di vita?

Intanto in questi giorni (07.09/09.10) Giove in Bilancia – 23°/29° – (il ruolo della coppia nella vita di ciascuno) ripete la stessa Opposizione ad Urano retrogrado in Ariete – 28°/26° – (chi io sono rispetto a te), come si è verificato a gennaio 2017, mettendoci ognuno in confronto con l’altro, di nuovo (perché retrogrado), in maniera sempre più profonda, per entrare sempre più nella chiarezza.

Finché non viene fatta chiarezza, non si può pretendere di avere relazioni sane. Anche se ci siamo accorti che stare da soli è la nostra condizione migliore.

Non importa quale sia la posizione acquisita, purché ci si stia bene, oltre il rimpianto, oltre il rammarico, oltre i se ed i ma.

Questa Opposizione immette una fortissima carica elettrica dentro la vita, ci rende irrequieti, alla ricerca di soluzioni, della vera fonte del nutrimento.

E’ il momento di eliminare il superfluo, ricompattando ciò che c’è.

E’ così che si rivelano i Sogni e con essi la Forza di dare loro una forma.

La fine che si sta sviluppando è quella di una realtà creata senza sogni.

La Terra non riesce più a supportare l’assenza di questo tipo di vibrazione elevata che la nutre e la rinvigorisce, la scava nel profondo per portare in superficie tutte le potenzialità nascoste in Essa.

Questo sta accadendo anche in noi.

Un’altra Opposizione importante è quella tra Mercurio (19°/29° – rimane in Vergine fino al 30 settembre) e Chirone retrogrado a 27° dei Pesci; a cui fa seguito Venere e Marte in Vergine opposti a Nettuno retrogrado a 12° dei Pesci.

Se ci sentiamo regredire dal punto di vista emozionale è per gli stimoli che ci arrivano da questo Stellium tra il Segno di Terra di Purificazione, Vergine, ed il Segno d’Acqua simbolo dell’Oceano Divino.

Qui ci viene chiesto di abbandonare resistenze, ferite, identificazioni con i sé traumatizzati, ed andare avanti sul percorso prescelto arrendendosi. Totalmente. Mercurio è il bambino asessuato, il feto prima che sviluppi un genere sessuale.

A volte identifica nel tema natale un bambino non nato.

Chirone è il Bambino Interiore ed i talenti che esso trasporta. La loro opposizione ci chiama a manifestare in maniera concreta le potenzialità, le stesse con cui siamo atterrati qui, ma che, non appartenendo a questo mondo, abbiamo inconsapevolmente tenute celate per timore di perderle o di sporcarle o di sprecarle.

Ora è tempo di metterle a servizio.

Venere e Marte simboleggiano la Femmina ed il Maschio e Nettuno di fronte è la Dea che porta benedizione alla loro unione, affinché da una ricerca di benessere comune (Vergine) possa nascere un’integrazione profonda, sentita, vissuta, dei due opposti. Questo è il panorama che si può aprire in noi, nella nostra coppia, nella nostra interiorità tra le due parti opposte.

Il richiamo è quello di costruire pace dentro per portarla fuori.

Sempre. 

La fine dunque c’è stata ed è relativa alle barriere interiori.

La Nuova Gerusalemme di cui si parla nell’Apocalisse è lo stato di coscienza a cui possiamo vibrare imparando ad integrare una visione molto più ampia.

La Vergine con le Stelle in capo è la Dea che torna a risplendere nelle coscienze umane non più separate dalla Fonte o sclerotizzate dalla paura.

Accogliere la fine per dare vita ad un nuovo inizio è partorire.

Non è facile, può essere doloroso, ma questo è ciò a cui chiama l’Esistenza.

 

http://ashtalan.blogspot.it/2017/09/astrologia-intuitiva-il-cielo.html

anima e corpo · armonia · Astrologia · astronomia · Comunicazione · Energia · evoluzione · Giordano Bruno · punti di vista · Religione · Riflessioni · Testimonianze

* Habemus Papam

papa_680

Ebbene in soli due giorni, con un conclave breve – come lo stesso Vaticano aveva annunciato – hanno eletto il nuovo Papa che ha già compiuto due atti importanti: si è chiamato Francesco e ha chiesto la benedizione del popolo, su di lui. Il nome è un richiamo a S. Francesco d’Assisi e, secondo alcuni media latinoamericani, anche a San Francisco Xavier, uno dei fondatori dell’ordine dei Gesuiti al quale Bergoglio appartiene.

E’ un Papa nero, nel senso che è gesuita, il primo papa gesuita della storia.

E’ certamente una svolta importante per la chiesa ed è anche un segno della svolta epocale che la Natura sta annunciando con fatti concreti citati solo di sfuggita e spesso non compresi.

Il cielo e la terra stanno cambiando a ritmi ultraceleri, svelando verità finora nascoste.

Una nuova coscienza umana sta emergendo e svelando il suo significato universale.
La coscienza è la comunione diretta tra ogni essere umano e gli infiniti universi e, soprattutto con la Fonte della Vita che li anima tutti.

Le dimissioni di Benedetto XVI e la rapida elezione di Francesco I dimostrano che la chiesa è consapevole della fine dei tempi che, secondo molte profezie, è anche la fine del papato.

Comunque non è la fine del mondo, anzi, è l’inizio di una nuova era di pace e di prosperità alla quale tutti possiamo contribuire.

Stanno cambiando tante cose in poco tempo e siamo solo all’inizio di un mutamento grandioso che si profila morbido e forse privo di conflitti, un mutamento che ci dona la coscienza dell’immortalità e di cui noi, italiani, e in particolare noi romani, siamo i protagonisti principali.”

Giuliana Conforto

<http://www.giulianaconforto.it/?page_id=10>


Prossimo Seminario a Roma, il 17 marzo 2013, sull’Arte della Memoria
<http://www.giulianaconforto.it/?page_id=16&lang=it#roma-17-febbraio-2013-seminario-sullarte-della-memoria>

anima e corpo · armonia · Astrologia · astronomia · evoluzione · Testimonianze

* 3 dicembre 2012: messaggi dal cielo

3 dicembre 2012 e le piramidi di Ghiza

Un appassionato di astronomia che non crede che le previsioni Maya annuncino la fine del mondo, ha attentamente studiato come per tutti i popoli antichi fosse importante l’osservazione del cielo e i rapporti tra le varie configurazioni planetarie.

Ha condotto diversi studi sull’allineamento delle stelle della costellazione di Orione che a suo tempo avrebbe determinato la costruzione delle Piramidi di Ghiza.

Ha inoltre indagato sugli allineamenti previsti nel 2012 ed ha scoperto che ai primi di dicembre 2012, esattamente il 3 dicembre, l’allineamento previsto corrisponde esattamente con quello indicato dalle piramidi egiziane di Ghiza.

Dal momento che i Maya ben molti anni fa predissero questo allineamento visibile a tutti, ossia l’allineamento del sole con la terra e la costellazione di Orione, l’astronomo ha continuato ad esplorare il cielo notturno cercando altre indicazioni.

Mi sentivo come se le Piramidi di Ghiza fossero davvero state costruite per testimoniare quell’allineamento e che ci sarebbe potuta essere una convergenza planetaria di quel tipo nel cielo del 2012.
Così, quando ho iniziato a guardare il cielo notturno ed utilizzando un programma gratuito online …”
Stellarium
“… la mia mente era già alla ricerca di indizi.
Dopo aver visto un video in rete riguardante le camere interne della Grande Piramide, e come queste sembrano indicare altre stelle nel cielo notturno, ho deciso vedere se c’era qualcosa da segnalare sull’ allineamento dei pianeti nel 2012.
Ciò che ho scoperto spiega che le piramidi sono state costruite per testimoniare  il periodo della convergenza planetaria sopra di esse.

Convergenza planetaria che si ripete nel cielo notturno sopra Ghiza e che corrisponde alle previsioni del calendario Maya per l’anno 2012, cosa che rende questa scoperta ancora più interessante e plausibile …soprattutto perché … coincide con la fine ed il riavvio della progressione dell’Equinozio (l’oscillazione naturale della Terra che termina un ciclo completo solo una volta ogni 26.000 anni c.a.

Sia che crediate o no che qualcosa succederà nel 2012, non è importante, Il fatto è che l’allineamento planetario del 3 Dicembre 2012 corrisponde con la disposizione delle Piramidi di Ghiza e questo accadrà solo 18 giorni prima del 21.12.12. … 6 + 6 + 6 = 18 …

Anche gli scettici più accaniti devono ammettere che è una coincidenza insolita.

2012_planets_Giza

L’allineamento planetario che avverrà il 3 Dicembre 2012 con le piramidi di Ghiza un’ora prima che il sole compaia all’orizzonte. L’immagine e’ stata creata con “Starry Night Pro” .
Risulta che la convergenza planetaria capita solo ogni
2.737 anni, e che questo non si ripeterà per oltre 28.000 anni se si consulta  il programma a ritroso nel tempo!

Le Posizioni dei pianeti possono essere usati come un orologio perfetto.
Tale orologio può segnare la data nel tempo (nel passato e / o in futuro) e possono essere letti da esseri intelligenti indipendentemente dalla loro lingua dal  calendario che usano.

Le seguenti immagini rappresentano il perfetto allineamento dei pianeti con le piramidi, con un sondaggio di precisa triangolazione (come si vede dalla foto satellitare)

Immagine del cielo notturno in Ghiza: Egitto, 3 dicembre 2012, ora locale … un’ora prima del sorgere del sole rispetto al disegno delle Piramidi di Ghiza. Il risultato dell’allineamento è perfetto!

Il complesso delle piramidi di Ghiza è un orologio cosmico con la Sfinge posizionata ad Est da dove il sole nasce ed indica esattamente la configurazione del cielo del 3 dicembre 2012.

Per saperne di più:

http://blog.world-mysteries.com/