* La buona notizia del venerdì: Amore è un giardino profumato



darlin_husband-plants-flowers-blind-wife-kuroki-shintomi-2

Crea un enorme profumato giardino per la moglie non vedente

Una dolcissima storia d’amore lunga 56 anni e centinaia di fiori rosa a testimoniare l’affetto di un uomo per la sua compagna.

Teatro di questa tenera vicenda è il Giappone e protagonisti sono il signore e la signora Kuroki, proprietari di quella che oggi è anche un’attrazione turistica per veri romantici: una sconfinata distesa di fiori profumati, nata dalla perseveranza di Mr. Kuroki, determinato a far tornare il sorriso alla moglie privata della vista.

A raccontarla è il Telegraph.

Da 20 anni non vede più a causa del diabete.

La signora Kuroki ha perso la vista e per un periodo anche la voglia di vivere.

Ma il marito le ha fatto un bellissimo regalo: un enorme manto di fiori profumati, grazie ai quali la donna ha ritrovato il sorriso.

fiori_moglie_cieca2

I due coniugi, prima della malattia della moglie, avevano vissuto una vita felice. Guadagnando da vivere attraverso il proprio caseifico nelle campagne del Giappone, la coppia ha avuto due bei bambini.

Ma la loro esistenza è cambiata quando la signora Kuroki è stata colpita dal diabete e ha dovuto fare i conti con una delle complicazioni più terribili: la perdita della vista.

Nel giro di qualche settimana la donna non riusci a vedere più nulla.

Allora, cadde in depressione, chiudendosi in casa ed evitando anche di uscire all’aria aperta. Una tragedia per il marito che cercò allora di escogitare una soluzione per farla tornare a sorridere.

Fu la bellezza della Natura ad offrirgli l’idea: far crescere un bel giardino che potesse offrire alla donna il piacevole profumo dei fiori. Non un odore leggero ma una vera e propria nuvola floreale che inebriasse i sensi della moglie, aiutandola a superare la tristezza.

Dopo due anni di duro lavoro e migliaia di fiori apparsi, Kuroki è riuscito nell’intento di rendere felice la moglie. 

fiori_moglie_cieca1

La loro storia ha fatto il giro del mondo e l’enorme distesa di fiori è diventata una meta da visitare.

La coppia vive a Shintomi, nella Prefettura di Miyazaki.

Il loro giardino è oggi un vero e proprio museo a cielo aperto che fiorisce in primavera mostrando un tappeto di fiori rosa chiamati Shibazakura o Phlox.in italiano “muschio rosa”.

La Phlox subulata è una pianta perenne che sia in Giappone che nel nostro pianeta viene chiamata muschio rosa pur non essendolo in realtà.

I suoi fiorellini conquistano l’occhio per via del loro colore spesso acceso. A diversi esemplari corrispondono diverse colorazioni della fioritura con le quali giocare. Proprio come ha fatto il sig, Kuroki, in modo tale da arredare il giardino nel modo più creativo e divertente possibile.

In questo caso l’uomo ha deciso di disegnare tanti cuori per dimostrare amore alla propria compagna di vita. 

phlox_giappone6

Circa 7.000 persone visitano ogni giorno questo piccolo angolo di paradiso, simbolo dell’amore che come la Natura sa rinnovarsi e superare ogni difficoltà.


http://www.greenme.it/abitare/orto-e-giardino/19318-giardino-profumato-per-la-moglie

altre notizie:

L’uomo che ha piantato migliaia di girasoli in ricordo della moglie

Agricoltore britannico pianta un bosco a forma di cuore in omaggio alla moglie scomparsa

http://www.greenme.it/informarsi/natura-a-biodiversita/19687-donna-alberi-memoria-figlio

*La buona notizia del venerdì:” Equaazione – Tu ricicli, io ti pago”.

 

In Veneto, a Conegliano, Vittorio Veneto e Oderzo, la tassa rifiuti si paga con il riciclo

logo_equazione

Il cittadino che avrà riciclato più bottiglie in ognuno dei tre Comuni, verrà premiato con il pagamento della Tari annuale.

Tutti gli altri potranno ottenere bonus da spendere nei negozi convenzionati o una riduzione sul costo della bolletta della luce.

TASSA RIFIUTI PAGATA CON IL RICICLO –

Tassa rifiuti annuale pagata e sconti sulla bolletta della luce per chi ricicla correttamente le bottiglie di plastica mediante gli appositi riciclatori incentivanti: succede in Veneto, nei comuni di Conegliano, Vittorio Veneto e Oderzo dove ha preso il via il progetto “Equaazione – Tu ricicli, io ti pago”.

IL PROGETTO “EQUAAZIONE – TU RICICLI, IO TI PAGO” –

Un’iniziativa unica nel suo genere a livello promossa dai riciclatori Savno, Consorzio Servizi di Igiene territorio TV1 e Ascotrade, con la collaborazione dei tre Comuni, che prova a incentivare la raccolta differenziata e il recupero dei materiali di scarto, premiando i cittadini.

tu-ricicli-io-ti-pago-08a4c107aedd0809bbcc4a19e2c3a9bb5

COME FUNZIONA IL PROGETTO –

I cittadini, in cambio di ogni bottiglia PET conferita correttamente, ricevono un bonus in euro da riutilizzare per effettuare acquisti nei negozi e supermercati convenzionati o soldi spendibili attraverso l’app 2Pay che permette di semplificare il processo di pagamento riducendo i costi delle transazioni.

E, a partire da gennaio 2017, il cittadino che avrà riciclato più bottiglie in ognuno dei tre Comuni, verrà premiato con il pagamento della Tari annuale da parte del consorzio Savno srl.

Ascotrade invece, sempre a partire da gennaio 2017, scalerà ai propri clienti i centesimi accumulati con il riciclo direttamente dalla bolletta della luce.

Il primo eco-compattatore del progetto Equaazione, è stato inaugurato il 19 novembre scorso a Conegliano: lo trovate in via Cristoforo Colombo 84.

 

ECCO DOVE, IN ITALIA, LA SPESA E LE TASSE SI PAGANO CON IL RICICLO:

  • Raccolta incentivante: alla Montagnola, a Roma, il riciclatore che distribuisce ecobonus
  • Raccolta incentivante: a Lamezia Terme la spesa si paga con la raccolta differenziata
  • Buoni sconto in cambio di rifiuti: a Nettuno la raccolta incentivante di plastica e alluminio
  • Raccolta differenziata incentivante: a Napoli buoni sconto per spesa e benzina per l’auto
  • Buoni spesa in cambio di rifiuti: a Pomezia gli eco-compattatori per la raccolta differenziata
  • Eco-point per la raccolta differenziata: inaugurato quello di Guidonia Montecelio
  • Buono scambio Euro Dusty: il progetto di San Giovanni La Punta per incentivare il riciclo
  • A Monselice coupon e bonus in denaro sul cellulare in cambio di bottiglie e lattine

 

Fonti:

http://quifinanza.it/tasse/svezia-ripari-ricicli-paghi-meno-tasse/100367/

http://www.ecoseven.net/ambiente/rifiuti/rifiuti-piu-ricicli-e-meno-tasse-paghi-il-progetto-equaazione-in-veneto

http://www.nonsprecare.it/come-risparmiare-con-il-riciclo

https://www.tomshw.it/riciclare-non-pagare-tassa-rifiuti-si-puo-fare-81637

* Uffa l’8 marzo!

oil-paintings-art-gallery-claude-monet-111968

Mi piacciono le mimose.

Il loro colore giallo dorato e luminoso è l’annuncio della primavera
Non mi piacciono le celebrazioni che accontentano la coscienza di chi di coscienza ne ha poca.

Mi piacciono le mimose.

Il giallo dorato si accende al primo calore del sole di stagione.
Non mi piace che si divida l’umanità in categorie.

Mi piacciono le mimose.

Spontaneamente offrono il loro profumo inebriante.
Non mi piace che si creino delle categorie incasellate per sempre  in un luogo senza sfumature.

Mi piacciono le mimose.

I fiori sono soffici, impalpabili eppure consistenti.
Non mi piace che si voglia ricordarmi chi sono e cosa faccio un giorno all’anno.

Mi piacciono le mimose.

Mi piacciono tutti i fiori e i loro colori, mi piace la natura che spontaneamente offre colori e profumi da sempre e per sempre.

Mi piace credere che l’umanità intera, pur con le sue diversità, cammini insieme in armonia
per costruire  il futuro.

Ieri, oggi e domani.

opera di Oscar-Claude Monet (1840-1926)

Leggi anche:” non solo mimose”

* Se sei intelligente, perché dovresti entrare in politica?

maxresdefault

 

 

La politica è per i mediocri.

La persona intelligente ha cose più importanti da fare, non è interessata a dominare gli altri ma a conoscere sé stesso.

Dominare gli altri è un modo per scappare dal proprio vuoto interiore, è una fuga da sé stessi e la persona intelligente non fugge.

La politica è una grande fuga, ti tiene così impegnato per tutto il giorno che non puoi neppure trovare qualche minuto per te stesso.

Perfino quando dormi pensi alla politica, continua nei tuoi sogni; essere un politico è un lavoro di 24 ore, non ti puoi rilassare, altrimenti rimani indietro: è pura violenza!

L’onestà non paga in politica e se un politico è onesto, lo è solo se questo gli è conveniente, non per amore dell’onestà.

Il proverbio che “L’onestà è la politica migliore” dev’essere stato inventato da un politico.

L’onestà non può essere politica, ma la politica rende ogni cosa politica.

Come può l’onestà essere politicizzata?

L’onestà è una religione, tu sei onesto per il puro piacere di esserlo, anche a rischio di perdere tutto, perché sarà giusto perdere tutto.

Una persona onesta in politica? Impossibile!

*****

Un politico di nome Strano era sul letto di morte e chiese al proprio avvocato: «come epitaffio sulla mia tomba voglio solo queste parole “Qui giace un politico onesto”».

L’avvocato però protesto: «ma come farà la gente a sapere chi è sepolto in quella tomba?».

Il vecchio politico sorrise: «non ti preoccupare, la gente guarderà la scritta e dirà “questo è strano!”».

E Strano era proprio il nome del politico!

*****

Per essere onesti ci vuole fegato, un politico deve indossare maschere, deve soddisfare le aspettative delle persone, così che qualunque cosa tu voglia che lui sia, lui pretenderà di esserlo; qualunque cosa tu desideri, lui è pronto a promettertela; ma promettendo cose contraddittorie a persone diverse, le sue promesse non hanno alcun significato.

E così tutto il mondo si lamenta di questi politici ma in qualche modo l’uomo è così stupido che quando riesce ad uscire dalla morsa di un politico, immediatamente entra nella gabbia di un altro.

L’uomo deve essere liberato dalla sua stupida mente, solo allora sarà libero dai politici; e infatti i politici non vogliono che tu sia intelligente.

Per migliaia di anni non hanno permesso alle persone di essere istruite perché era pericoloso e ora che gli permettono di essere istruiti, l’educazione è tale che ti fa meno intelligente.

Quando un bambino inizia la scuola è di gran lunga più intelligente di quando esce dall’università, quei 20 anni distruggeranno gran parte di ciò che è immensamente prezioso.

Egli conoscerà parole, lingue, teorie, ma avrà venduto la sua intelligenza e ottenuto in cambio una conoscenza morta.

La vecchia generazione cerca di forgiare la mente delle nuove generazioni; l’insegnante è solo un agente della vecchia generazione; egli corrompe le menti dei giovani ma in modo così subdolo che tu non te ne accorgerai, se non sarai sempre attento e vigile!

Osho