anima e corpo · buone notizie · donne · felicità · natura · pensare positivo · stare bene · Testimonianze

La buona notizia del venerdì: Il pistacchio ha poche calorie, fa bene e non fa ingrassare

pistacchi-1

È come le ciliegie: una tira l’altra. Nell’immaginario comune il pistacchio è quella piccola nocciolina da aperitivo, salatissima e stuzzicante che, dopo la prima, non si riesce più a smettere di mangiarne.

Studi recenti hanno evidenziato come il consumo di frutta secca, pistacchio compreso, favorisca la prevenzione dell’obesità. Il consumo moderato di frutta secca non comporta un aumento di peso all’interno di una dieta bilanciata e consente l’apporto a livello dell’organismo di acidi grassi benefici e proteine di origine vegetale, oltre che di sali minerali, tra i quali possiamo trovare calcio, ferro e magnesio, in quantità differenti a seconda della tipologia prescelta.

Secondo una ricerca condotta nel Regno Unito in collaborazione con l’Università di Messina i pistacchi rappresentano una fonte importante di antiossidanti e di polifenoli che vengono rilasciati da parte dell’alimento nel corso della digestione .

A parere degli esperti, pistacchi e frutta secca dovrebbero essere integrati regolarmente nella dieta, per poter godere dei loro benefici.

Il pistacchio è una miniera di vitamina E e carotenoidi ,un vero e proprio elisir contro l’invecchiamento, un antiossidante efficace nella lotta ai radicali liberi. E non solo: questa vitamina serve anche per combattere l’insorgenza del tumore al polmone, come hanno dimostrato di recente i ricercatori dell’università del Texas. Gli antiossidanti dei pistacchi, poi, servono anche a mantenere il cuore in salute.

Inoltre I pistacchi rappresentano una fonte di vitamine del gruppo B grazie all’alto contenuto di acido folico, riboflavina, tiamina, niacina, acido pantotenico (o vitamina B5) e vitamina B6.

L’assunzione di pistacchi contribuisce ad innalzare i livelli di colesterolo HDL (quello buono) nel sangue, oltre a fornire fibre vegetali, acidi oleici e grassi monoinsaturi necessari al corretto funzionamento dell’organismo.

Ma se a preoccuparvi rimangono i grassi del pistacchio, sappiate che quasi il 90 per cento di quelli che contiene sono mono e polinsaturi, i grassi “buoni”.

Uno a zero, quindi, nella lotta allo snack più sano, tra pistacchi e patatine.

Pistacia_napoletana_1

La coltura del pistacchio proveniente dalla Siria (probabile origine del pistacchio), sarebbe passata in Grecia a seguito di Alessandro Magno.

In Sicilia, la coltivazione in forma diffusa si fa risalire al periodo della dominazione araba (VII e IX secolo d.C.). Sono di origine araba i termini di “frastuca” (pistacchio) e “frastucara” (albero del pistacchio), termine arabo fustuq.

In Italia fu introdotta dai Romani sul finire dell’Impero di Tiberio tra il 20 ed 30 d.C. per opera di Lucio Vitellio, Governatore della Siria.

Nell’antichità il pistacchio era considerato un efficace rimedio contro gli avvelenamenti da morso di serpente e anche un potente afrodisiaco. Per questi scopi si preparava un’emulsione dalle caratteristiche simili a quello del latte di mandorla.

Un tipo di utilizzo del tutto particolare è invece quello che viene fatta delle galle che si formano sulle foglie, indotte dalla presenza di un insetto appartenente all’ordine degli Emitteri. Note come “galle di Bakhara” nome di origine persiana, contengono elevate quantità di tannini e sono perciò adoperate nella concia delle pelli, seppur in misura assai limitata.

La produzione del pistacchio un tempo ben distribuita nelle provincie di Caltanissetta, Agrigento e Catania, oggi pur sussistendo in altre aree, ha trovato in Bronte la sua capitale.

I terreni di origine vulcanica, i venti dominanti, l’umidità, il terebinto (Pistacia Terebinthus) antropizzato in tale area, conferiscono al pistacchio particolari caratteristiche di qualità (colore verde intenso, forma allungata e sapore aromatico), difficilmente riscontrabili in altre aree di produzione e nello stesso massiccio Etneo.

E non è finita: i pistacchi sono anche una buona fonte di fibre e rispetto a molta frutta, ne forniscono addirittura di più. Certo, come sempre, la regola è la moderazione: per ogni 100 grammi di questo frutto secco si assumono circa 600 calorie.

Un consiglio dagli esperti per evitare di mangiarne comunque davvero troppi? Scegliete la varietà con il guscio: secondo lo studio della Eastern Illinois University, chi lo fa ne mangia il 50 per cento in meno, e si sente lo stesso soddisfatto.

P6_APG-BeautyPhoto

( per me è un’ottima notizia perché mi piacciono molto)

Fonti:

http://thatsgoodnewsblog.com/2014/07/14/il-pistacchio-ha-poche-calorie-fa-bene-e-non-fa-ingrassare/#more-4248

http://www.greenme.it/mangiare/altri-alimenti/9784-pistacchi-benefici

Altre buone notizie:

” Una scuola per migranti ecosostenibile in Thailandia” di Marisa Moles

anima e corpo · armonia · Comunicazione · donne · evoluzione · gatto con gli occhiali · pensare positivo · punti di vista · stare bene · Testimonianze · tutte le categorie

* La dieta degli angeli

La dieta degli Angeli

I biografi di Pitagora, tra cui Lamblicco e Diogene, descrivono la dieta personale del maestro.
Frutta fresca mattiniera, pane e miele, verdure crude e miglio a pranzo (anche altri cereali, ma il miglio era considerato superiore tra i cereali), frutta di stagione e frutta secca sul tavolo a portata di mano, radici e verdure cotte a cena.
Pitagora aveva definito la carne come cibo “intimamente lurido e rozzo” , mentre i frutti ci mantengono puliti fuori e dentro.

Dalle ricerche fatte nei villaggi paleolitici coi metodi del carbonio radioattivo, si è scoperto che che la dieta basilare di quei tempi verteva su 12 pasti di frutta e noci al giorno.
I bovini erano considerati sacri non solo in India ma in tutta la regione Mediterranea.

Il vegetarianismo ha costituito da secoli la base del Brahmanesimo e dei Veda, massimi vangeli della civiltà indiana ed orientale.
La Scuola Pitagorica fondata a Crotone fu la prima confraternita vegetariana nel mondo occidentale, se si eccettua quella di Orfeo, di alcuni secoli prima.

Precursori di guide all’alimentazione possono essere indicati gli Esseni, insediamento monastico ebraico che visse in prossimita’ del Mar Morto, fra il II secolo a.C. e il 68 d.C.
Le indicazioni del loro “Vangelo Esseno della Pace“, scoperto negli archivi Vaticani nel 1947 (forse) dal filosofo, psicologo e archeologo Edmond Bordeaux-Szekely, sono indirizzate oltre che allo spirito, anche al corpo.

Questo testo era utilizzato dagli Esseni per insegnare la dottrina e le regole agli adepti ed è giunto a fino a noi divulgato dagli iniziati nei vari secoli. Oggi  é “rinchiuso” negli archivi della Biblioteca Vaticana.( documenti degli archivi reali degli Asburgo)

Da fonti attendibili sappiamo che Gesù faceva parte della comunità essena ed era stato educato ai principi di unità di tutta la manifestazione.

Il termine esseno deriva dall’aramaico asya (“medico”) Gli esseni erano contadini, frutticoltori e profondi conoscitori delle proprieta’ delle erbe, dei cristalli e del colore con i quali curavano tutti coloro che richiedevano il loro aiuto.

Gli Esseni in Egitto erano chiamati i “terapeuti” dalla narrazione di Filone ed anche Gesù ed i suoi discepoli erano noti come “guaritori” miracolosi.


“…non uccidete ne’ uomini, ne’ animali, ne’ il cibo che va nella vostra bocca…se vi nutrite di cibi vivi questi vi vivificheranno, se uccidete il vostro cibo, il cibo morto vi uccidera’… la vita viene dalla vita, dalla morte viene sempre la morte…cio’ che uccide il vostro cibo, uccide anche le vostre anime… i vostri corpi diventano cio’ che mangiate, come le vostre anime diventano cio’ che voi pensate.
Percio’ non mangiate cio’ che il gelo e il fuoco hanno distrutto, perche’ i cibi bruciati, gelati e decomposti, bruceranno, geleranno e decomporranno il vostro corpo. Mangiate frutti e erbe… alimentati e maturati dal fuoco della vita”.

Questo antico manoscritto aramaico costituisce un vero e proprio trattato di Medicina Naturale (Argilla e fanghi, idro e balneoterapia, ecc.).

Insegnamenti antichissimi e nello stesso tempo, attualissimi per l’uomo di oggi:

Ritiratevi in solitudine e digiunate da soli e non mostrate ad altri il vostro digiuno. (…) Cercate l’aria pura della foresta e dei campi e lì troverete l‘angelo dell’aria.

Toglietevi le scarpe, alleggeritevi dei vostri abiti e lasciate che l’angelo dell’aria abbracci tutto il vostro corpo.

Poi respirate a lungo e profondamente, affinché l’angelo dell’aria possa entrare in voi.
In verità vi dico, l’angelo dell’aria allontanerà dal vostro corpo tutte le impurità che lo contaminano esternamente e internamente.

“In tal modo tutte le cose impure e maleodoranti risaliranno in superficie e usciranno da voi, come il fumo del fuoco si alza in alto in spire e si perde nell’oceano del cielo. (…)

Dopo l’angelo dell’aria, cercate l‘angelo dell’acqua.

Toglietevi le scarpe e gli abiti e lasciate che l’angelo dell’acqua abbracci tutto il vostro corpo.

Gettatevi completamente nelle sue accoglienti braccia e così come muovete con il vostro respiro l’aria, così muovete anche l’acqua con il vostro corpo.

In verità vi dico, l’angelo dell’acqua allontanerà dal vostro corpo tutte le impurità che lo contaminano esternamente e internamente.

“E tutto ciò che era impuro e maleodorante si allontanerà da voi, come le impurità degli abiti lavati nell’acqua si allontanano e si perdono nella corrente del fiume. In verità vi dico, santo è l’angelo dell’acqua che purifica tutto ciò che è impuro e rende in odore soave ogni cosa maleodorante. (…)

E se dopo di ciò rimanesse in voi traccia dei vostri passati peccati e impurità, cercate l’angelo della luce del sole.
Toglietevi le scarpe e gli indumenti e lasciate che l’angelo del sole abbracci tutto il vostro corpo.

“Poi respirate a lungo e profondamente in modo che l’angelo del sole possa entrare in voi e allontanare dal vostro corpo tutte le maleodoranti e impure cose che lo contaminavano all’esterno e all’interno.

E tutte le impure e maleodoranti cose usciranno da voi, come l’oscurità della notte svanisce davanti allo splendore del sole nascente.

Poiché, in verità vi dico, santo è l’angelo della luce del sole che purifica tutte le impurità e rende in odore gradevole tutto ciò che è maleodorante.


“… Gli angeli dell’aria e dell’acqua e della luce del sole sono fratelli.

Essi sono dati al Figlio dell’Uomo affinché lo servano e lui possa andare sempre dall’uno all’altro. 

“In verità vi dico, le vostre ossa saranno risanate. Non scoraggiatevi, ma cercate per curarvi il guaritore delle ossa, l’angelo della terra.

Perché da lì furono prese le vostre ossa e lì ritorneranno “. Egli indicò con la mano il punto dove l’acqua corrente e il calore del sole avevano ammorbidito in fango argilloso la terra lungo le sponde dell’acqua.


“Affondate i vostri piedi nel fango in modo che l’abbraccio dell’angelo della terra possa tirare fuori dalle vostre ossa tutte le impurità e tutte le malattie.

“E voi vedrete Satana e le vostre pene fuggire dall’abbraccio dell’angelo della terra.
Le nodosità delle vostre ossa spariranno ed esse si raddrizzeranno e tutte le vostre pene spariranno (…) Andate e non peccate più, affinché non vediate più malattia.

E lasciate che gli angeli guaritori divengano i vostri guardiani”.

“Gioite sempre, dunque, con gli angeli di Dio alla loro tavola regale, perché questo è gradito al cuore del Signore. E la vostra vita sarà lunga sulla terra, perché ogni giorno vi servirà il più prezioso dei servitori di Dio:

l’ Angelo della gioia.”


Fonti:

http://www.viviamoinpositivo.org

http//www.mednat.org

http://www.fiorigialli.it