* Considerando i numeri: IL 9 e il mese di settembre,il 9 e la Luna Nuova, il 2 e il 20, e la somma della data di nascita…

Settembre nella Roma arcaica era nel calendario di Romolo il settimo di 10 mesi, quindi, il calendario durava 304 giorni e c’erano circa 61 giorni d’inverno che non venivano assegnati ad alcun mese: in pratica, dopo dicembre, si smetteva di contare i giorni per riprendere nuovamente il conteggio al marzo successivo.
Infatti i primi mesi prendevano il nome dalle principali divinità legate alle attività umane:
Marte (la guerra), Afrodite (l’amore), Maia (la fertilità della terra) e Giunone (la maternità e la procreazione); gli altri avevano il nome che ricordava la loro posizione nel calendario:
quintilis derivava da quinque, sextilis da sex, september da septem, october da octo, novemberda novem e
december da decem.
La prima forma storicamente accertata di un calendario romano di dodici mesi è attribuibile a Numa Pompilio, portandone anche il nome (“calendario di Numa”). In realtà l’equivoco nasce per la volontà storiografica di assegnare al secondo re di Roma l’organizzazione della vita religiosa. L’organizzazione dell’anno nei canonici dodici mesi è ascrivibile a un periodo più tardo, probabilmente alla monarchia etrusca.
La storia del nostro calendario fu piuttosto tribolata, per chi volesse approfondire esistono diverse fonti che ci aiutano, come Macrobio nei Saturnalia (1, 12-16) o Livio nelle Storie (1, 19), e Ovidio, che scrisse i Fasti, un calendario in versi, un’opera in dodici libri, uno per ogni mese, purtroppo giuntoci mutilo (se ne conservano sei).

Ormai da secoli per noi Settembre è un mese 9 e la Numerologia lo prende in esame come tale.
Il numero 9 rappresenta il compimento, infatti la pausa delle vacanze oltre che per riposare può essere utile per fare il punto della situazione. In questa pausa possiamo aver fatto chiarezza dentro di noi, su cosa vogliamo continuare ad accogliere nella nostra vita e su cosa non sentiamo più in sintonia con noi, per cui dovremmo apportare delle modifiche se vogliamo cambiare certe situazioni. Oppure, queste situazioni si ri-solvono o si trasformano perchè qualcosa si è già trasformato in noi; abbiamo fatto uno swich. Inutile rimpiangere e recriminare, alcune persone sono uscite dalla nostra vita anche per questo motivo e allora ringraziamo e proseguiamo il nostro cammino.
Da qui in poi vedremo senz’altro che alcune cose andranno a compiersi, si chiuderanno; altre arriveranno senza neppure chiedere, giungeranno ad Ottobre in un nuovo inizio. Non è per caso che nel periodo estivo ben 7 pianeti sono entrati in moto retrogrado, come per darci il tempo di rivedere e riflettere ed ora hanno ricominciato o stanno ricominciando il loro moto diretto. 

Le Eclissi di cui tanto si è parlato rappresentano eventi astronomici ed astrologici rilevanti, sono per noi portatori di novità e di nuova Luce che aiuta ad evidenziare le cose che sono rimaste inconsciamente celate, certe zone di comfort che non sono più supportate dall’energia del rinnovamento. Ben sappiamo che il libro della nostra vita è fatto di pagine che si girano e poi… la storia prosegue, dopo ogni ciclo scriviamo su una pagina nuova, bella bianca e sgombra dai vecchi pensieri, almeno così dovrebbe essere!

Se sommiamo il mese 9 all’anno 2018 otteniamo un 20 ovvero 2, numero legato alla sensibilità, che è notevole nell’archetipo del Fanciullo, potremo essere più inclini alla comprensione e alla percezione sottile; il momento migliore di centratura per il 2 è prendersi cura di sè, coccolarsi, magari con un bel bagno con profumi a lume di candela.

Il due rappresenta la dualità, luce e ombra, è ciò che anche l’astrologia vede nel cielo in questi giorni, fine e inizio, ritrovarsi nell’ombra per portarla alla luce, sonderemo ancora più profondamente dentro di noi.
Il Fanciullo nella sua ombra è l’Orfano, verranno portate alla nostra attenzione parti di noi che pensavamo di aver messo a posto, forse alcuni ultimi residui che ci condizionano ma che le energie di questo mese ci faranno vedere chiaramente e noi saremo pronti come sempre ad prenderne consapevolezza.
.
Il numero dell’Orfano è uno dei più diffusi, paura del tradimento e dell’abbandono, è questo il suo problema primario. Se saremo centrati in noi stessi, ben radicati, potremo sentirci più sicuri anche se ci trovassimo momentaneamente da soli, ci potremo dedicare esclusivamente alla cura di noi stessi, con attenzione e amore, dovremmo saper cogliere ogni situazione come preparatoria ad un nuovo ciclo, questo è fluire!
.

Il due è anche il numero della coppia, ed è importante per alcuni avere a fianco una persona con cui condividere le proprie giornate, in questo mese il 20 presenta lo zero che potenzia il due, lo rende più forte e può aiutare la coppia ad evolversi più facilmente a radicarsi nel rapporto a creare quella complicità che è vitale per un sano rapporto che sia anche reciprocamente evolutivo. Infatti le parole d’ordine del Due sono collaborazione e comprensione. 

Comprendere i nostri limiti e quelli dell’altro, condividerli nel dialogo con la complicità, grazie alla comprensione potrà esserci aiuto reciproco per vedere e integrare le ombre, accoglierle e guarirle.

Creare così un rapporto di vero Amore, il 9 è il numero dell’Amore totale, incondizionato. Mantenendo ognuno la propria individualità senza dipendenze ma con l’intento di condividere ogni cosa di sè, ogni emozione e stato d’animo anche negativo, accogliendo e amando per primi noi stessi anche l’altro potrà amarci ed accoglierci.

Comprendere significa:
contenere in sé, abbracciare, racchiudere, penetrarne l’animo, i sentimenti, la psicologia.


Luce e amor d’un cerchio lui comprende
Dante

Questi sono calcoli generici ma potrete calcolare anche il vostro numero personale del mese, vedere tramite gli articoli pubblicati nella categoria Numerologia quali energie vi influenzeranno a Settembre.

Dovrete prima calcolare l’anno personale, sommare il vostro giorno e mese di nascita con l’anno in corso (2018).

Esempio: nascita 25.03. = 25.03.2018 . 2+5+3+2+0+1+8= 21 ovvero 3
Questo risultato lo sommate al mese in corso:
Esempio: 3+9= 12 – 1+2=3

Nulla è per caso e vediamo che la luna piena cade il 9.9 alle ore 20 e 2 minuti nel segno della Vergine rispecchiando perfettamente i significati presenti in questa analisi. La Vergine è segno di Terra e porterà un’energia favorevole al radicamento, praticarlo in questo periodo porterà maggiori benefici.

Quale miglior prova, tutto accade per il nostro Bene Supremo!

.Augurandovi un Buon Settembre
Vi Abbraccio!

Patrizia Pezzarossa

Testi di Visione Alchemica

http://www.visionealchemica.com/il-9-e-la-luna-nuova-a-settembre/

* 29 Febbraio, un giorno in più …per fare e disfare!

Perché ogni quattro anni febbraio ha 29 giorni?

Il calendario basa la propria unità di misura su grandezze di durata fissa, (giorni, mesi, anni) riferite ad elaborazioni di calcoli basati sull’osservazione di fenomeni astronomici, tipo lunazioni e cicli solari. Tali calcoli hanno, nel corso delle epoche storiche, subito varie modifiche ed interpretazioni,dettate dal fatto che i cicli astronomici non sono esattamente formati da un numero intero di giorni.

L’ anno attico si componeva di 12 mesi lunari, costituiti alternativamente di 29 e 30 giorni , per complessivi 354 giorni . L’ inizio dell’anno è posto nel primo giorno del mese di Ecatombeone, corrispondente alla metà circa del moderno mese di luglio .

Nel 432 a.C. viene adottato dalle polis greche il ciclo metanico , dal nome dell’astronomo ateniese Metone ,che consisteva nell’intervallare variamente 7 mesi aggiuntivi in un arco temporale di 19 anni .

Poi durante il periodo romano Giulio Cesare decise di operare una radicale riforma del calendario istituendo il ciclo quadriennale composto da 3 anni di 365 giorni e un anno di 366 giorni . Quest’ultimo fu chiamato bisestile perchè il giorno in più veniva intercalato tra il 23 e il 24 febbraio , bis sexto die ante kalendas martias, in modo che si contasse due volte il sesto giorno giorno prima delle Calende di Marzo,che erano nel calendario romano i primi giorni del mese.

Fu grazie a Cleopatra, che Giulio Cesare attinse a tutte le conoscenze egiziane che lo misero in condizione di varare la riforma del Calendario Giuliano basato sull’anno solare.

L’assassinio di Cesare purtroppo impedì la piena realizzazione del calendario solare perchè già dai tempi di Ipparco, che apprese le sue conoscenze ad Alessandria d’Egitto, si sapeva che l’anno solare era pochi minuti inferiore a 365 giorni e 6 ore.
E si dovette attendere circa 1600 anni perchè venisse apportata la correzione con il taglio dei 10 giorni.

Ma nel 1582 papa Gregorio XIII attuò un ulteriore riforma al calendario giuliano .

Secondo i calcoli di Copernico, l’anno solare non era esattamente di 365 giorni e un quarto ma variava da un massimo di 365,2472 ad un minimo di 365,2381.

Questa differenza faceva si che il calendario giuliano si trovasse “in ritardo” di 10 giorni; perciò Gregorio XIII ordinò che si passasse dalla data di giovedì 4 ottobre alla data di venerdì 15 ottobre e si stabilì che di tutti gli anni centenari venissero considerati bisestili soltanto quelli multipli di 400.

Perciò soltanto l’ anno 2000 è stato bisestile mentre il 1700,1800,1900 hanno avuto soltanto 365 giorni.

La riforma gregoriana fu imposta non per un problema scientifico ma religioso.

Infatti nel 1572 il giorno dell’equinozio di primavera si era spostato di 10 giorni, dal 21 marzo all’11 marzo. Le meridiane mostravano, infatti, che il Sole si trovava all’equinozio con anticipo di 10 giorni. In questo modo sballava completamente la data per la Pasqua, da celebrare, secondo il dettame del Concilio di Nicea (325 d.C.),, “ la prima domenica che segue il plenilunio successivo all’equinozio di primavera”.

All’inizio venne applicata solo entro i confini italiani e iberici, ma la Francia si allineò quasi subito, e tolse i 10 giorni a dicembre; poi ci furono i Paesi Bassi, che si adeguarono all’inizio del 1583. La Germania e la Svizzera (solo le zone cattoliche) arrivarono nel 1584, Polonia e Ungheria nel 1586, la Prussia nel 1610.

I paesi protestanti (Germania, Olanda, Danimarca e Norvegia) si convinsero dopo un secolo, e nel 1750 adottarono il calendario anche la Svezia e la Gran Bretagna.

Nel 1873 fu la volta del Giappone e il 1911 quella della Cina. Restavano ancora fuori la Russia, che si convinse nel 1918, la Yugoslavia, la Romania e gli altri paesi ortodossi (1919), la Turchia (1927) e, ultima ad accettare la riforma, la Grecia (1928).

Ma perché è stato scelto proprio febbraio?

Perché mentre gli altri mesi hanno tutti 30 o 31 giorni, febbraio ne ha solo 28?

Bisogna risalire fino agli antichi romani.

Marzo rappresentava l’inizio del nuovo anno e febbraio, aveva 29 o 30 giorni, negli anni bisestili. In onore di Giulio Cesare, il Senato cambiò il nome del quinto mese: da Quintilis divenne Iulius (l’odierno luglio).

Quando poi salì al potere Ottaviano Augusto, questi decise di dedicarsi il nome del sesto mese. Sextilis divenne allora Augustus. Ovviamente Ottaviano non poteva accettare che il mese che ricordava il prozio avesse un giorno in più di quello in suo onore. Allora  prese un giorno a febbraio (che rimase con 28 giorni) e portò agosto a 31.

Ecco spiegato perché c’è un mese più breve degli altri, e due mesi consecutivi hanno 31 giorni. Resta un piccolo errore non corretto, per cui chi sarà su questa Terra nel 4900 dovrà togliere 1 giorno dal secolo (uno qualsiasi degli anni bisestili).

E chi nasce di  29 febbraio?

Un illustre musicista italiano di nome Gioacchino Rossini, nato a Pesaro il 29 febbraio 1792, festeggiava il suo compleanno ogni quattro anni.

L’anno bisestile ci dà un giorno in più per portare avanti i nostri progetti.

Un giorno in più non è poco: quante cose si fanno in un giorno?

In un giorno si può andare o venire, prendere o lasciare, cantare ad alta voce.
Si può dire ti voglio bene, abbracciarsi e baciarsi, una volta in più.
Si può decidere di vedere la vita con altri colori e dare inizio ad un sogno del cassetto.
Si può sentire il profumo dell’universo e ricordarselo per sempre.

Si può fare altro e altro ancora……

( es.scrivere un post sul 29 febbraio!)

Il tempo non esiste, è solo una dimensione dell’anima. Il passato non esiste in quanto non è più, il futuro non esiste in quanto deve ancora essere, e il presente è solo un istante inesistente di separazione tra passato e futuro!

Sant’Agostino

Fonti:

http//www.spazioautori.it

http//dailywired.it