* La leggenda del sole e della luna e dell’eclissi


La leggenda del Sole e della Luna

Quando il sole e la luna si sono incontrati per la prima volta si sono innamorati perdutamente e da lì hanno cominciato a vivere un grande amore.

Il mondo non esisteva ancora e il giorno che Dio decise di crearlo, diede loro un tocco finale… il bagliore!


Dio decise che il sole avrebbe illuminato il giorno e che la luna avrebbe illuminato la notte e per questo motivo sarebbero stati costretti a vivere separati. Entrambi furono invasi da una grande tristezza e capirono che non si sarebbero mai più trovati…

La Luna era sempre più triste. Nonostante il bagliore dato da Dio, si sentiva sola.
Il sole a sua volta aveva vinto un titolo di nobiltà ” Astro re” ma neanche questo lo rendeva felice.

Dio allora li chiamò e spiegò loro:

– ” tu, luna, illuminerai le notti fredde e calde, piacerai agli innamorati e sarai spesso protagonista di bellissime poesie.”
–  “quanto a te sole, manterrai quel titolo perché sarai il più importante degli astri, illuminerai la terra durante il giorno, darai calore all’essere umano e solo questo renderà le persone più felici.”

La luna diventò ancora più triste con quel crudele destino e pianse amaramente e il sole nel vederla così triste, decise che non poteva essere debole, perché doveva darle forza e aiutarla ad accettare ciò che Dio aveva deciso.

Eppure era così preoccupato che decise di  chiedere qualcosa a Dio:
– Signore, aiuta la luna, per favore, è più fragile di me, non sopporta la solitudine…
E Dio… nella sua grande compassione… creò le stelle per fare compagnia alla bella luna.
Così la Luna ogni volta che è molto triste ricorre alle stelle che fanno di tutto per consolarla, ma quasi mai lo ottengono.

Oggi entrambi vivono così… separati, il sole finge di essere felice, e la luna non può nascondere la sua tristezza.
Il sole arde di passione per lei e lei vive nelle tenebre del suo dolore.

Dicono che la volontà di Dio fosse che la luna dovesse essere sempre piena e luminosa, ma non ce l’ha fatta… perché è donna e una donna ha fasi… quando è felice, riesce ad essere piena, ma quando è infelice è calante , non è nemmeno possibile apprezzare la sua luminosità.

Luna e sole seguono la loro strada.

Lui solitario ma forte e lei, accompagnata dalle stelle, ma debole.

Gli uomini cercano sempre di conquistarla, come se fosse possibile. Alcuni sono andati persino a lei, ma sono tornati sempre da soli. Nessuno è mai riuscito a portarla sulla terra, nessuno è mai riuscito a conquistarla, eppure molti ci hanno provato.

Ma Dio decise  che nessun amore in questo mondo doveva essere impossibile, nemmeno quello della luna e del sole…

e così lui creò l’eclissi.
Oggi sole e luna vivono in attesa di quel momento, quei momenti a loro concessi  e però tanto rari.

Quando guarderai il cielo, d’ora in poi e vedrai che il sole copre la luna, è perché il sole si sdraia su di lei e cominciano ad amarsi.

E ‘ a quell’atto d’amore che   è stato dato il nome di Eclissi.


È importante ricordare che la luminosità della sua estasi è così grande che si consiglia di non guardare il cielo in quel momento, i tuoi occhi possono accecarsi nel vedere tanto amore…

Fonte: dal web:
○ Leggenda popolare di Anonimo.

 Opera di Evelyn de Morgan (1855-1919)

* Eclisse di Luna poi Eclisse di Sole, Eclisse di Sole poi Eclisse di Luna…quali energie per noi?

I PORTALi DELL’ECLISSI 

 

Le eclissi seguono sempre i cicli e generalmente arrivano in coppia. Queste coppie includono un’eclissi lunare, che cade con la  luna piena e un’eclissi solare che cade con la luna nuova.

Il tempo tra queste due coppie di Eclissi è considerato il portale dell”eclissi ed è un periodo che di solito dura per circa 2 settimane.

Il Portale dell’eclissi  è uno dei periodi più potenti e magici dell’anno perché l’energia di entrambe le Eclissi si fonde, formando un ponte tra uno stato di coscienza e l’altro.

Le eclissi sono sempre enormi punti di crescita, risveglio e cambiamento, quindi questo momento tra le due coppie di Eclissi rappresenta davvero un momento di trasformazione e di rinnovamento.

Esistono due diversi tipi di portale dell’eclissi : c’è il portale  tra un eclissi  lunare e un eclissi solare e vi è un portale  tra un’eclissi solare ed una  lunare.

A seconda dell’ordine delle Eclissi, l’energia può essere leggermente diversa. L’intensità del portale tra l’eclissi  dipenderà anche dall’intensità delle  eclissi su entrambi i lati.

Il portale tra l’eclissi  può anche avere un significato  leggermente diverso a seconda dei segni astrologici dove cadono le  eclissi.

Il Portale tra un’eclissi lunare e quella solare

Quando stai percorrendo il portale  tra un’eclissi lunare e un’eclissi solare, di solito c’è un tema di rilascio  da affrontare e lasciar andare per creare spazio al nuovo.

Le eclissi lunari hanno la capacità di tirare e portare in superficie , quasi come l’attrazione gravitazionale della Luna che  aiuta a tirare fuori cose che sono state sepolte profondamente dentro.

Questa energia che “tira” o “estrae” ti aiuta a liberarti di  cose che non ti servono più e può portare in superficie vecchi pensieri, schemi e convinzioni da ripulire e trasformare

Quando si cammina in un Portale tra le eclissi  dopo un’eclissi lunare, è probabile che si possa sentire svuotati e letargici. Potresti anche sentire il bisogno di entrare dentro di te , riflettere e trascorrere del tempo da solo.

Verranno anche alla luce verità e sentimenti nascosti, e potreste dover affrontare vecchie ferite che avete allontanato o dimenticato.

L’Eclissi lunare  ci sfida sempre a scavare un po ‘più a fondo e  a spingere in modo da poter creare più consapevolezza attorno ai nostri pensieri e abitudini, e questo è qualcosa che si intensifica decisamente mentre ci spostiamo attraverso il Portale

Le eclissi lunari possono anche portare a termine cose che   spesso si verificano durante il periodo del Portale  stesso.

Avvicinandoti all’Eclissi solare, di solito segue un senso di leggerezza e potresti anche iniziare a sentire lo spazio creato nella tua vita.

Concludendo con un’eclissi solare, ci indica che i mesi a venire saranno tutti incentrati sulla creazione del nuovo . riempiendo questo nuovo spazio nella tua vita con qualcosa di più positivo e allineato.

Indica anche che i prossimi mesi saranno pieni di azione ed energia, e voi sarete supportati per andare avanti.

Il Portale tra l’eclissi solare e l’eclissi lunare

Quando si cammina attraverso il Portale delle eclissi  tra un’Eclissi  solare e un’eclissi lunare, l’energia è leggermente diversa.

Mentre un’eclissi lunare tira fuori le cose, le eclissi solari attirano le cose nella tua vita e ti aiutano a creare e a  indirizzare la tua vita in un modo nuovo.

Cominciare con una Eclissi Solare è un segno che devi mettere in azione i tuoi sogni e cercare quello che vuoi veramente.

È un segno che devi avere più energia basata sull’azione nella tua vita e allinearti in modo che le tue parole corrispondano alle tue azioni.

Mentre percorri questo Portale dell’eclissi , c’è spesso una sensazione di supporto nell’iniziare nuove cose e la sensazione di essere guidati mentre fai il passo successivo.

Questo è un tempo di energia molto alta, ed è probabile che sentirete una raffica di energia e ispirazione dopo l’Eclisse solare.

Man mano che ti avvicini all’Eclisse Lunare, tuttavia, l’energia inizia a spostarsi e inizi a diventare consapevole di ciò che ti impedisce di essere in grado di andare avanti.

Potresti avere i tuoi sogni e tutti i tuoi piani predisposti, ma l’eclissi lunare  ti avviserà se ci sono cose che devono essere chiarite prima di poter andare avanti.

Concludendo con  un’eclissi lunare, ci indica che il tema  da affrontare sarà venire a patti con ciò che deve andare e ciò che deve rimanere per rendere i tuoi sogni una realtà.

Per navigare attraverso tutto  questo, i prossimi mesi potrebbero richiedere di entrare dentro di te  e riflettere, in modo da poter estrarre e rilasciare tutto ciò che ti impedisce di condurre la vita che desideri.

 

Date per i Portali dell’eclissi

2018 

Portale  tra l’eclissi  lunare e l’ eclissi solare 

31 gennaio-16 febbraio 

Portale tra l’eclissi solare  e l’eclissi lunare  

12 luglio – 27 luglio

Portale tra l’eclissi lunare e l’eclissi solare 

27 luglio – 11 agosto

2019

Portale tra l’eclissi solare e l’eclissi lunare 

5 gennaio-21 gennaio 

Portale tra l’eclissi solare e l’eclissi lunare 

2 luglio-17 luglio

Portale tra l’eclissi solare e l’eclissi lunare 

2020

26 dicembre – 11 gennaio 

 

fonte:

http://foreverconscious.com/eclipse-gateway-time-eclipses

*L’energia dell’eclissi totale di super luna blu in Leone del 31-01-2018 è carica di tutte le esperienze di libertà e cambiamento delle superlune del passato nella stessa data e nello stesso segno del Leone e ci spinge ad essere padroni assoluti della nostra vita

.

L ‘eclissi totale della Super luna blu di sangue  del 31 gennaio 2018 ha un’anima cosi antica  che vi perdereste nei  millenni per ritrovarla …

Io l’ho fatto…  forse sarò stata una folle ma una voce dentro di me la mattina del 27 gennaio  mi ha spinto  a fare questa ricerca …

Ho trovato un sito che archivia tutte le eclissi di luna dal 2000 avanti cristo  al 2000 dopo cristo e insieme ad un altro sito che dà  le lune piene nei millenni  e la distanza della luna dal perigeo e dall’ apogeo …ho cominciato a cercare…

A dir il vero ho iniziato la ricerca  anche perchè all’ approssimarsi dell’ eclissi si è risvegliato un sintomo che avevo da piccolissima ..ne soffrivo già all’ età di due anni e così ho pensato tra me e me 

Questa è una memoria antichissima che mi porto chissà da quale vita …voglio scoprirne di più !!!”…E adesso vi dirò cosa ho scoperto

Dal 2018 dopo Cristo al 2000 avanti Cristo ci sono state ben 6 eclissi di super luna blu di sangue in Leone

1) Il 31 gennaio 2018 dc

2) Il 31 gennaio 1646 dc

3) Il 31 gennaio 1580 dc

4) Il 31 gennaio del 485 ac

5) Il 31 gennaio del 1573 ac

6) Il 31 gennaio del 1592 ac

Tutte eclissi totali  di super lune blu  in Leone ma l’unica eclissi che si avvicina per dati  matematici… scientifici  e astrologici all’eclissi del 2018 è quella del 1573 avanti cristo…in quanto in entrambe  la luna ha quasi la stessa distanza dal perigeo:  in quella del 2018 dopo Cristo   la distanza è di 358994 chilometri e in quella del 1573 avanti cristo di 357142 km …tutte le altre rispetto ai dati del 2018 superano i 360000 Km …

Ma proviamo a fare un po’ di conti, proviamo a sommare  2018 a 1573   troviamo  così che sono passati circa 3591 anni dalla prima eclissi  avanti cristo  di super luna blu di sangue in leone  alla quale sono riuscita a risalire …

Quasi 3600 anni …un ciclo di anni che sa di ere… di  antichi calendari… di tante cose dette dai più svariati studiosi a partire da SITCHIN… migliaia di anni che potrebbero nascondere una storia tramandata da tante culture millenarie come gli Hopi   e tanto altro ancora che già conoscete e che parlarne sarebbe inutile  …

Inoltre 3600 anni fa eravamo alle porte del Nuovo regno in Egitto che vide l’avvento di Akenathon  il faraone eretico che portò il culto di ATON il  Sole cambiando  profondamente il paradigma culturale e religioso preesistente…

Quindi ogni 3600 anni siamo alle porte di un profondo cambiamento epocale e le lune ne tramandano la memoria…

La verità è che questa eclissi porta alla luce tutto quello che tu sei stato e  che per eoni hai ripetuto e tramandato ,porta al tuo sguardo quello che questa volta andrà via per sempre se solo lo lascerai andare…questa eclissi non chiude  solo quello che è accaduto un anno fa chiude quello che hai iniziato migliaia di anni fa e che adesso finalmente troverà il suo compimento e la sua risoluzione …la sua potenza non ha paragoni… la sua storia diventerà una leggenda …lei sta per chiudere un ciclo che si è aperto quasi 3600 anni fa… lei dà fiato alle trombe e ci avverte che il nuovo è alle porte… che il tempo di transizione sta quasi per terminare che la NUOVA ERA non aspetta altro che fare il suo ingresso. 

Si questa eclissi è immensa e  divina è un segno sceso dal cielo…d’altronde gli antichi seguivano la luna e ne conoscevano tutti i suoi significati e i suoi moti  e di certo non seguivano le date del calendario gregoriano…

Questa ricerca su questa eclissi mi ha dato la consapevolezza che quello che lasceremo andare in questo momento è qualcosa che ha oppresso e segnato tante nostre  vite passate  e quindi non dobbiamo fare altro che accogliere tutto quello che verrà a galla  dalle nostre profondità… fango compreso… come un dono …ci stiamo liberando dall’ impossibile …ci stiamo liberando di una storia che ha il sapore di un Karma che comincia a non esistere più resettato anche esso dalla grande e inarrestabile purificazione universale …

E allora accogliamo con grande amore  questo momento che ha il sapore della liberazione noi dobbiamo solo comprendere l’errore millenario  che reiteriamo da vite e vite e non farlo più…l’universo ci sta offrendo un jolly…  l’eclissi di  super luna  blu di sangue… indiscussa  regina nel suo vestito rosso  …una regina che ritorna dopo millenni per permetterci finalmente di diventare gli unici sovrani  del nostro regno interiore … padroni assoluti della nostra vita …

Che la Sorgente divina ci benedica tutti

CON AMORE

fonte:

Cammina nel Sole (Maria Rosaria Iuliucci)

Testi di Maria Rosaria Iuliucci

Fonti per la ricerca

http://moonblink.info/Eclipse/lists/luncat

http://fourmilab.ch/earthview/pacalc.html

*Le performances della Luna di Gennaio : Super, Blu ed Eclissi totale…

Una superluna è la coincidenza di una luna piena con la minore distanza tra Terra e Luna.

L’effetto è un apparente aumento delle dimensioni della Luna visto dalla Terra.

super-luna-300x300
La Luna raggiunge il perigeo, (il termine  deriva dal greco perigeion, che indica “vicino alla Terra.”) cioè il punto della sua orbita più vicino alla Terra, più o meno ogni due settimane: l’orbita della Luna attorno al nostro pianeta è ellittica quindi la sua distanza dalla Terra oscilla tra i 354.000 km del perigeo e 410.000 km dell’apogeo, il punto più lontano.
La Luna impiega 27,3 giorni per completare una rotazione attorno al nostro pianeta: apogeo e perigeo si alternano quindi ogni 14 giorni circa e l’azione gravitazionale del Sole, interferendo sull’orbita della Luna, fa sì che la loro distanza dalla Terra non sia costante. 
Ma quando la Luna, oltre che particolarmente vicina a noi, è anche piena, ci appare del 14% più grande e del 30% più luminosa rispetto al solito.

Ma cosa è esattamente una superluna?

E’ quando la luna, nella sua orbita è un po’ piu’ vicina del solito alla Terra, cosa che si nota piu’ facilmente quando c’è luna piena.

apogeo_1177306
Cosi la luna puo’ sembrare piu’ grande sebbene, in queste fasi, la differenza nella sua distanza  dalla Terra sia solo una minima percentuale” ha detto il dr. James Garvin, capo scienziato al Goddard Space Flight Center della NASA , sul sito dell’agenzia spaziale.
“Viene chiamata superluna, perchè questo è un allineamento molto visibile che a prima vista sembrerebbe avere un certo effetto. In questo caso il ‘super’ nella superluna riguarda semplicemente il fatto che essa appare piu’ vicina” Data questa vicinanza, la superluna nel cielo puo’ sembrare piu’ grande e piu’ luminosa ai nostri occhi , rispetto al sua grandezza e luminosità minima,” questo secondo la NASA.

Il termine superluna deriva dall’astrologo Richard Nolle, che cosi la defini’ 30 anni fa ma è solo ora che il termine sta diventato di uso corrente, secondo EarthSky.  Nolle disse che la superluna è “una luna nuova o piena che avviene quando la luna è piu’ vicina (del 90% i) alla Terra in una data orbita.”
Questo significa mediamente 4 o 6 superlune all’anno. .

Il 31 gennaio prossimo ci sarà  una particolare eclissi totale di Luna: oltre a essere la prima eclissi di questo 2018, si verificherà in condizioni di super Luna e questa, sarà anche la seconda luna piena del mese, chiamata anche Blue Moon (l’origine di questo termine è piuttosto controversa, ma va precisato che il colore blu non è indicativo dell’effettivo colore della Luna). 

Una combinazione di fenomeni, questa, che non si verificava da oltre 150 anni: l’ultima si era verificata il 31 marzo 1866, mentre la prossima, visibile anche dall’Italia, sarà nella notte del 31 dicembre 2028.

La prima volta che l’espressione blue moon comparve fu nel 1932. In un articolo del Maine Farmer’s Almanac, veniva data tale definizione alla terza luna piena che si verifica in una stessa stagione. Nei paesi anglosassoni, l’origine del nome affonda nell’antichità. Partendo dal presupposto che blu era la terza luna piena delle quattro verificatesi in una sola stagione, si iniziò ad attribuire al fenomeno un alone mistico e misterioso. L’espressione passò così a indicare un evento raro che potrebbe tradursi con l’italiano “ogni morte di papa”. Ad ogni modo, l’espressione vuole indicare un’assurdità o un’impossibilità.

Nel 1946, l’astronomo James Hugh Pruett interpretò erroneamente tale definizione e utilizzò l’espressione per riferirsi invece alla seconda luna piena dello stesso mese. Ed è da questo “errore” che ancora oggi persiste il termine.

Andando però indietro nei secoli, fermandoci nella linea del tempo al 16esimo secolo, il termine fu usato per la prima volta dal Cardinale Wolsey, noto consigliere del celeberrimo Enrico VIII. Il cardinale in questione, scrivendo dei propri nemici intellettuali, si riferì loro affermando che “avrebbero persino creduto che la luna sia blu”.

Tuttavia, ci sono dei casi in cui effettivamente la luna diventa blu. Quando qualche anno fa il vulcano Krakatoa esplose violentemente, l’atmosfera e l’aria circostante si impregnarono delle ceneri vulcaniche. La sera dell’esplosione, i raggi lunari si tinsero di sfumature bluastre. Chi osservò il satellite in quell’occasione ebbe l’opportunità di assistere ad una luna verosimilmente blu.

Ma non solo. Anche monsoni particolarmente violenti conseguenza di stagioni molto secche o incendi di grosse proporzioni possono contribuire a rendere la luna blu. Fenomeni comunque rari che coincidono anche con la rarità del significato.

 

2611761170_aaf385d43c_b_587837
Molti hanno attributo alla superluna la capacità di scatenare terremoti, violente onde di marea, eruzioni vulcaniche. Tutto questo è privo di fondamento scientifico.
In effetti l’attrazione gravitazionale della Luna sulla Terra è responsabile dell’andamento delle maree e di una debole variazione nel livello della crosta terrestre. Si tratta di un fenomeno noto come “marea solida” che, al pari delle maree oceaniche, provoca un movimento della crosta terrestre di alcuni centimetri.
Durante i periodi di luna piena e nei perigei questa influenza si fa sì più intensa, ma rimane comunque troppo debole per scatenare terremoti, che sono invece innescati dalle zolle tettoniche quando scivolano sotto l’altra o una accanto all’altra.

alta+marea


James Garvin, scienziato della NASA e responsabile del Goddard Space Flight Center, tranquillizza: «Gli effetti della superluna sono di scarsa portata e tutti gli studi più accreditati compiuti da sismologi e vulcanologi sono concordi nel sostenere che il perigeo lunare, anche in combinazione con una Luna piena , non possono influire sul bilancio energetico del pianeta più di quello che accade ogni altro giorno dell’anno».

Vale la pena ricordare che l’11 marzo 2011, mentre uno dei terremoti più potenti dell’era moderna scatenava la sua furia sul Giappone, la Luna si trovava a oltre 400.000 km da noi, ben più lontano della sua distanza media.

P.S. Questa Superluna è la prima del 2018! Ce ne sarà un’altra il 31 Marzo!

Continua….

* Nel 2018…Superlune,e lune di tutte i colori,eclissi solari e lunari, comete e stelle a pioggia …nel 2018 … e c’è pure Saturno che mette tutti e tutto in fila!

 

Io penso che l’universo è un insieme vivo e pulsante di energie che agiscono, collaborano, scambiano qualità ed intensità in un continuo divenire secondo un ordine implicito da sempre e per sempre.

Queste energie pervadono e determinano una coscienza in tutto ciò che è manifesto, dal granello di sabbia, alle piante, agli animali, agli esseri umani fino alle più lontane e complesse galassie.

Le energie delle stelle ci sostengono e ci spingono verso le scelte che fanno della vita la nostra vita.

* L’energia della Luna Nuova di Gennaio in Capricorno per procedere verso la nostra destinazione…

Alle 3.17 del 17 gennaio, la Luna si farà nuova nel Capricorno, letteralmente assediato: oltre ai luminari, nel segno ci sono Mercurio, Venere, Saturno e Plutone.​ Urano ed Eris sono ancora nell’Ariete, contribuendo ad innalzare la frequenza legata all’energia dei segni Cardinali: è il momento di passare all’azione, sostenuti tra l’altro dal moto diretto di tutti i pianeti fino al 9 marzo!

Guardate dove cadono i 27° del Capricorno nella vostra carta natale: in quel settore ci potrà essere un nuovo inizio! Mettete un intento nella vostra vita, come un seme che nei prossimi mesi germoglierà, e fatelo con un piccolo gesto: una telefonata, un incontro, un’idea.

Il Capricorno è il segno più legato alla manifestazione, quindi il momento è particolarmente propizio!

Tuttavia, il fatto che Marte e Giove facciano un aspetto armonico di sestile con i luminari, indica che l’intento dovrà essere allineato con le nostre passioni più autentiche affinché l’Universo lo ascolti e lo realizzi…

Il Capricorno è un segno molto convenzionale, e tende ad allinearsi al potere istituzionalizzato, che in effetti rappresenta, segue logiche razionali ​e difficilmente osa uscire dalla zona di comfort, prediligendo le abitudini e la sicurezza.

Ma in occasione di questo novilunio, i luminari, Venere e Plutone sono quadrati da Eris e Urano, due archetipi rivoluzionari, che premiano l’energia dell’individuo al servizio di libertà e indipendenza. Urano rappresenta la mente superiore, ciò che è sconosciuto: spinge verso il caos e contrasta l’ordine voluto da Saturno. 

Questo è il momento di svegliarsi, e di creare la propria realtà assecondando la voce dell’anima. 

Dobbiamo accedere alla parte più autentica di noi stessi e avere il coraggio di affermarla nel mondo, contrastando le forze esterne, che ci vorrebbero sempre uguali a noi stessi e prigionieri di un sistema che pensa solo ad alimentare se stesso, senza curarsi della ricchezza interiore dei singoli individui.

Il Simbolo Sabiano per i 27° del Capricorno, secondo Dane Rhudyar​, è:

pellegrini che salgono i gradini ripidi ​di una scalinata che conduce a un santuario sulla montagna. L​’elevarsi della coscienza individualizzata verso le più alte realizzazioni raggiunte dai capi spirituali della sua cultura. Noi siamo testimoni di come aumenta il livello della coscienza umana

Pertanto, questa Luna Nuova è un’ulteriore, preziosa opportunità per innalzare la nostra frequenza, e poiché il Capricorno è associato al raggiungimento degli obiettivi, possiamo approfittarne per mettere a fuoco quello che desideriamo veramente e agire nella direzione giusta per realizzare i nostri sogni.

La congiunzione tra Saturno e Mercurio aiuta a focalizzarsi sull’obiettivo.

Inoltre, durante il ​​Novilunio, il Nodo Nord sarà congiunto a Cerere – Demetra, la divinità della Terra: proteggere il nostro pianeta è indispensabile per procedere verso la nostra “destinazione”​.

Questo tema sarà molto forte durante tutto il 2018 e oltre…Forse finalmente si comprenderà l’importanza di ridurre l’uso della plastica…?

Il ciclo della trasformazione che conduce al nuovo paradigma dell’Era dell’Acquario continua, e la prossima tappa sarà la Luna Blu con l’eclissi Lunare in Leone del prossimo 31 gennaio…

Seminate bene! 

Un abbraccio di luce,

Roberta

Fonte : https://lastronellamanica.com/2018/01/12/17-gennaio-2018-luna-nuova-in-capricorno-e-tempo-di-agire-di-roberta-turci/

* 2+0+1+8 = Maestro 11 archetipo del Genio

 2018 anno dell’11, il genio, il lampo e la luce!

 

 

Ed eccoci ormai approdati al 2018, anno all’insegna del numero Maestro 11 archetipo del Genio, infatti la somma dei numeri 2+0+1+8 genera questo numero, lo si potrà vivere anche come un 2 archetipo del Fanciullo ed avere meno turbamenti ma ognuno vivrà ciò che la vita porterà e soprattutto ciò per cui si è impegnato.
La meritocrazia è in vigore da sempre nel nostro mondo benché la maggior parte di noi inveisca contro il fato, anch’esso è meritocratico che ci piaccia o no, sia che ne siamo consapevoli o meno! Le energie portate dall’anno appena nato tramite gli archetipi che lo caratterizzano, sono interpretabili anche secondo la propria sensibilità e questo può aiutare nel decifrare gli eventi che ci coinvolgono e a calibrare il nostro agire.

Il numero 11 ha una forte energia di rinnovamento, nel 2017 la somma dava un 1 questo nuovo anno ha un doppio uno, anche questo è un numero primo indivisibile, stabile, ben radicato nella sua unicità, può essere un chiaro monito facilmente interpretabile.

L’11 è un naturale collegamento con lenergia intuitiva, ovvero la sensibilità del 2 esasperata fino alla sensitività, ecco perché porta intuizioni ma come ben sappiamo essere nella presenza è doveroso per poter cogliere questi messaggi che giungono da una dimensione alla quale pochi sono avvezzi e molti colgono occasionalmente.

Un anno che ci porterà eventi inaspettati, occasioni ed incontri da cogliere nonostante possano apparirci inusuali, la riflessione è sempre consigliata e se ci troveremo nel caos, sarà più utile usare il “sentire” che dovrà essere affinato ed amplificato, avremo poco tempo per prendere decisioni. Infatti il Genio ha come simbolo “il lampo”, l’emblema della velocità e della chiarezza intuitiva, l’illuminazione improvvisa nel cogliere la verità.

Potremmo viverlo anche come disorientamento dell’impatto tremendo con la rivelazione, ecco che l’essere fermi e radicati come raffigura il segno grafico dell’1 sarà vantaggioso.

Vivremo un anno molto speciale e magico, potremo vedere prodigi e miracoli; grazie all’epoca che stiamo vivendo “l’apocalisse ovvero Rivelazione” vedremo aberrazioni di vecchia data che saranno ora rivelate, tutto verrà rischiarato dalla Luce, altro simbolo del Genio. Le zone d’ombra saranno illuminate, le nostre e quelle più eclatanti a livello mondiale, tutto è collegato.

L’essere ben radicati nella nostra unicità ed operare il divino distacco ci toglierà dal giudizio per comprendere meglio quanto in effetti siamo tutti attori in questa dimensione, ciò non ci solleva dall’assunzione di responsabilità nel nostro operato e ad una presa di coscienza. 

Essere fermi nel nostro sentire e non scendere a compromessi sarà il tema di quest’anno, essere tolleranti senza cadere nel buonismo, essere attenti osservatori senza cadere nei mentalismi, essere d’aiuto a chi lo chiede senza porsi come i salvatori del mondo, essere umili senza cadere nella svalutazione di se stessi, essere invece leali ed onesti con noi stessi per portare questo valore nelle relazioni.
Questo cambiamento può senz’altro portare dei risultati nel macro che naturalmente non conosceremo neppure.

Questo numero Maestro ci spinge a non arrenderci alle avversità, donandoci l’opportunità di sviluppare intuizioni a livelli incredibilmente elevati con una profonda connessione interiore. Porta ispirazione questo archetipo e la creatività sarà ampliata, le idee fluiranno meravigliosamente per creare ciò che ancora non riusciamo ad immaginare. 

La ricchezza si creerà nascendo da ciò che siamo, dal potere realizzante che assorbiremo dal Genio, la Luce ci penetrerà e filtrando attraverso i nostri talenti ci porterà ad esprimerli più facilmente.

E’ l’anno del risveglio dello Spirito Intelligente, come lo definisce Gustavo Rol.

Ringraziamo l’anno trascorso per ciò che ci ha portato e fluiamo in questo 2018 con fiducia e apertura di mente e di cuore. Il 2 che deriva dalla somma dell’11 è di buon auspicio per le unioni di coppia nell’Amore e le relazioni in genere.

A conferma di quanto espresso: Nel libro Numerologia e Sciamanesimo Runico l’11 è abbinato alla runa EH che rappresenta l’incontro armonico della dualità, nella metafora il Dio e la Dea si incontrano, e nella loro diversità si completano. La dualità è stimolo di vita e motore attivo per ricondursi alla Sorgente, riflesso del’Unità dalla quale proveniamo e alla quale noi tutti ritorniamo.

L’11 nell’albero della Vita è il numero che rappresenta la sefirà Da’at, l’undicesima, la più misteriosa, essa svolge un ruolo essenziale nell’Albero della Vita, in quanto le spetta il compito di unificare le tre Sefirot superiori (Keter, Chokhmà e Binà), come pure quello di unificare queste tre Sefirot con le sette inferiori. In termini umani,

Da’at ha il compito di unificare tra di loro le varie modalità di pensiero di cui è capace la mente umana, sia nel loro aspetto intuitivo sia razionale. Inoltre, Da’at, si incarica di legare tutto ciò col sentimento.

L’undicesima lettera dell’alfabeto ebraico è Kaf che indica transizione, nuove sfide e grandi cambiamenti sospinti da forze formidabili. Forme che esprimono la Kaf possono essere il dardo, la freccia, l’intelligenza ecc. Il simbolo della Kaf è la mano aperta in atto, in assimilazione.

Patrizia Pezzarossa

Namastè
Om Shanti Amen


Scopri di più su http://www.visionealchemica.com/2018-anno-dell11-il-genio-il-lampo-e-la-luce/#OP4izZq4o7EWPoGG.99