* La buona notizia del venerdì: Sebben che siamo donne: Dopo 149 anni è una donna la direttrice della rivista Nature

 

Magdalena Skipper è la nuova direttrice di Nature,

la prima donna a ricoprire questo incarico in 149 anni di esistenza della rivista

La genetista Magdalena Skipper è la nuova direttrice della rivista scientifica Nature, la prima donna a ricoprire questo incarico nei 149 anni di storia della pubblicazione, una delle più importanti al mondo.

La Skipper era stata finora responsabile di NatureCommunications, una pubblicazione secondaria di Nature Publishing Group.

Annunciando il suo nuovo incarico da direttrice di Nature, ha detto di volere mettere in risalto il lavoro dei ricercatori di nuova generazione, con meno storia accademica alle spalle.

Da quando esiste, Nature ha avuto otto direttori lei compresa : quello uscente si chiama Philip Campbell ed è rimasto in carica per 22 anni.

Philip Campbell, si trasferirà nel nuovo incarico di redattore capo presso l’editore Springer Nature il 1 ° luglio..

L’annuncio arriva dopo un lungo processo di selezione. e sono state valutate diverse personalità all’interno della casa editrice.
Magdalena ha lavorato alle riviste Nature da oltre 15 anni.

Ha iniziato a collaborare con l’editore nel 2001 come redattore di Nature Reviews Genetics, diventando in seguito il caporedattore della rivista.

Durante il suo mandato come redattore capo di Nature, Skipper dice che vuole continuare il lavoro svolto dalla rivista per garantire che i risultati scientifici siano riproducibili e solidi, in particolare nell’era dei big data.

Vorrebbe anche che la natura si concentrasse maggiormente sui giovani ricercatori all’inizio della carriera

“La scienza sta diventando sempre più analiticamente complessa e ricca di dati, quindi c’è una maggiore attenzione ai dati e al calcolo. Abbiamo fatto passi da gigante, “dice Magdalena , aggiungendo che c’è ancora molto lavoro da fare.

Aggiunge che mentre la ricerca si sta evolvendo, lo è anche la divulgazione della ricerca, e spetta agli editori lavorare con gli scienziati per affrontare le sfide che ci attendono.

“La scienza aalla portata di tutti è molto importante”, dice. “Questa è una direzione in cui seguiremo ulteriormente”..

Skipper dice che vuole continuare il lavoro svolto dalla rivista per garantire che i risultati scientifici siano riproducibili e solidi, in particolare nell’era dei big data.

Vorrebbe anche che la natura si concentrasse maggiormente sui giovani ricercatori all’inizio della carriera

“La scienza sta diventando sempre più analiticamente complessa e ricca di dati, quindi c’è una maggiore attenzione ai dati e al calcolo. Abbiamo fatto passi da gigante, “dice Magdalena , aggiungendo che c’è ancora molto lavoro da fare.

Aggiunge che mentre la ricerca si sta evolvendo, lo è anche la divulgazione della ricerca, e spetta agli editori lavorare con gli scienziati per affrontare le sfide che ci attendono.

“La scienza alla portata di tutti è molto importante”, dice. “Questa è una direzione in cui seguiremo ulteriormente”.

Campbell, che ha ricoperto il ruolo per oltre 22 anni, afferma che “non potrebbe essere più contento” dell’incarico alla sua collega.

“So che Nature e la sua squadra editoriale prospereranno sotto la sua guida. È appassionata di scienza e della sua accessibilità , e si è impegnata fortemente con la comunità di ricerca nel corso della sua carriera “, aggiunge.

“Magdalena ha già raggiunto un enorme popolarità in Nature e gode di grande rispetto e ammirazione all’interno dell’organizzazione e nella più ampia comunità scientifica”, afferma Kevin Davies, direttore esecutivo di The CRISPR Journal e fondatore di Nature Genetics.

“È bello vedere una scienziata che finalmente prende il timone di Nature dopo quasi 150 anni. “

Magdalena Skipper ha un dottorato in genetica presso l’Università di Cambridge, nel Regno Unito, e ha svolto un breve periodo come ricercatrice post-dottorato presso l’Imperial Cancer Research Fund di Londra.

https://www.nature.com/articles/d41586-018-05060-w

* La mamma è sempre tutti i giorni!

C_4_articolo_2043311_upiImagepp

La festa della mamma è una ricorrenza civile diffusa in tutto il mondo. In Italia come negli Stati Uniti si festeggia la seconda domenica di maggio.

Costituisce una festa molto antica, legata al culto delle divinità della fertilità degli antichi popoli politeisti, che veniva celebrato proprio nel periodo dell’anno in cui il passaggio della natura dal freddo e statico inverno al pieno dell’estate dei profumi e dei colori (e della prosperità nelle antiche civiltà contadine) era più evidente.

Nell’antica Grecia gli Elleni dedicavano alla madre un giorno dell’anno: la festa coincideva con le celebrazioni in onore della dea Rea, la madre di tutti gli Dei.

Gli antichi romani, invece, festeggiavano una settimana intera la divinità Cibele, simbolo della Natura e di tutte le madri.

In Inghilterra le celebrazioni legate alla festa della mamma risalgono al XVII secolo.

Originariamente il “Mother’s Day” non era un’occasione per festeggiare la propria madre con fiori o regali, ma assumeva un significato completamente diverso coincidendo con la quarta domenica di Quaresima. In quell’occasione, tutti i bambini che vivevano lontano dalle loro famiglie potevano ritornare a casa per un giorno. A poco a poco si è diffusa la tradizione di riunirsi a metà del periodo di Quaresima per festeggiare la propria famiglia e soprattutto la mamma, considerata un elemento fondamentale della famiglia.

La tradizione del “Mothering Sunday” sopravvive ancora oggi in Inghilterra,

 

3293671953_74c2e08c75

Negli Stati Uniti nel maggio 1870, Julia Ward Howe, attivista pacifista e abolizionista (della schiavitù), propose di fatto l’istituzione del Mother’s Day (Giorno della madre), come momento di riflessione contro la guerra.

1119379849_1630381173_gahq-amer-joan-lunden-broadband

Nello stesso anno negli Stati Uniti ci fu la proposta di Anna M. Jarvis. Anna era molto legata alla madre, un’insegnante della Andrews Methodist Church di Grafton,nel West Virginia.

Dopo la morte della madre, Anna si impegnò inviando lettere a ministri e membri del congresso affinché venisse celebrata una festa nazionale dedicata a tutte le mamme. Questa festa doveva rappresentare un segno d’affetto di tutti nei confronti della propria madre mentre questa era ancora viva.
Grazie alla sua tenacia e determinazione, la prima festa della mamma fu celebrata a Grafton e l’anno dopo a Filadelfia: era il 10 maggio 1908.
Anna Jarvis scelse come simbolo di questa festa il garofano, fiore preferito dalla madre: rosso per le mamme in vita, bianco per le mamme scomparse.

mrs-woodrow-wilson-ellen-louise-axson-everett

Fu ufficializzata nel 1914 dal presidente Woodrow Wilson e sua moglie Ellen Louise con la delibera del Congresso di festeggiarla la seconda domenica di maggio.

La festa si è diffusa in molti Paesi del mondo, ma cambiano le date in cui è festeggiata.

In Italia è stata introdotta per la prima volta negli anni cinquanta da Raul Zaccari, senatore e sindaco di Bordighera (la cui idea maturò insieme a Giacomo Pallanca, presidente dell’Ente Fiera del Fiore e della Pianta Ornamentale di Bordighera-Vallecrosia), su iniziativa del quale venne celebrata a Bordighera la seconda domenica di maggio del 1956 (al Teatro Zeni e successivamente al Palazzo del Parco).

9fd1557c486ed5bf57b9d6da94269f67

 

In Norvegia viene celebrata la seconda domenica di febbraio , in Argentina la seconda di ottobre ; in Francia la festa della mamma cade l’ultima domenica di maggio ed è celebrata come compleanno della famiglia.

Mamma-africana-con-figlio

In molti Paesi la ricorrenza è stata imitata dalla civiltà occidentale: in Africa, ad esempio, alcuni Stati istituirono la festa della mamma ispirandosi al concetto britannico della stessa.

In generale i simboli di questa festa sono il rosso, il cuore e la rosa, che più di ogni altro fiore rappresenta l’amore e la bellezza e sa testimoniare l’affetto e la riconoscenza dei figli.

micetti1

 

Fonte: Wikipedia

* Saturno in Capricorno entra in retrogradazione : consolidiamo le certezze acquisite per raggiungere i nostri sogni

saturno in capricorno entra in retrogradazione 

 

 

Dal 20 dicembre 2017 Saturno ha iniziato il suo transito in Capricorno, Segno di Terra di cui è Governatore, e per tre anni, fino al 17 dicembre 2020, ci insegnerà a radicarci nel nostro qui e ora, consolidando le posizioni conquistate nel triennio precedente quando si trovava nel Segno di Fuoco del Sagittario.

Tutta la maestria acquisita allora va ora consolidata, messa a frutto, elaborata, integrata. 

QUI un approfondimento sull’argomento.

I tre anni di Saturno in Capricorno possono essere sfruttati per sperimentare limiti, confini e radici, che diventano le basi del sé essenziale, uno stato di coscienza a cui arriviamo quando cominciamo a stare comodi dentro di noi, quando c’è sempre meno differenza tra progetti, sogni e realtà. 

Ogni anno, per alcuni mesi, Saturno intraprende il suo viaggio di retrogradazione, dal 18 aprile al 06 settembre, dai 09° ai 02° del Capricorno.

Quando questo accade, tutto ciò che stava prendendo un avvio potrebbe apparentemente fermarsi.

Perché arriva il tempo in cui il Nuovo fa crescere delle piccole radici per accompagnare la crescita verticale, che altrimenti non sarebbe ben supportata. Si tratta dunque di un processo molto importante di attesa.

Saturno è un pianeta lento, è lontano dal Sole, e si trattiene circa 2/3 anni in un Segno.

Ogni volta questo Archetipo del Maestro dell’Anima va ad illuminare un settore diverso della nostra mappa, inviando una chiamata che scuote dal torpore.

Come sempre, ci vuole tempo per l’umano per rendersi conto di ciò che succede, per vedere le situazioni in modo lucido.

La retrogradazione serve a rivedere le posizioni, prendere decisioni che ci aiutino a eliminare il vecchio, e questo movimento è particolarmente attivo con il transito di Saturno in Capricorno, perché la qualità comune è il senso di essenzialità, di verità nuda e cruda. 

Di nuovo, pensiamo alla resistenza che facciamo al cambiamento, alla paura dell’ignoto.

E’ lì che veniamo accompagnati, a guardare l’abisso del nuovo per abituarci all’idea di compiere un dato passo necessario ad allinearci con noi stessi oltre la paura.

La retrogradazione ci permette di diventare consapevoli della necessità; tutto rallenta così non ci sentiamo pressati dall’ansia di dover andare, permettendoci di dire addio con tutto l’amore possibile. 

A livello profondo, Saturno in Capricorno porta in luce la relazione con gli Antenati, soprattutto con la Linea del Femminile, nonne, bisnonne, prozie.

Questa retrogradazione ci aprirà alla consapevolezza di quanto i loro sogni siano dentro il nostro DNA, di quanto le loro battaglie sono diventate le nostre. Molti di noi non hanno idea della storia familiare passata, ma non importa.

E’ probabile che improvvisamente arrivino notizie che permettono di mettere insieme pezzi che danno un contesto a tante intuizioni. 

Alla fine di questo processo ci sentiremo sicuramente più in pace rispetto a tante risposte che stavamo cercando da tempo.

Il viaggio è abbastanza lungo, dura tutta l’estate, per cui entriamo sul nuovo sentiero e stupiamoci!

 

Stefania Gyan Salila

http://ashtalan.blogspot.it/2018/04/saturno-in-capricorno-entra-in.html

 

* La buona notizia del venerdì: Vittoria senza precedenti per le donne sudafricane ai massimi riconoscimenti globali

 

Vittoria senza precedenti per le donne ai massimi riconoscimenti globali

 

Le vincitrici del premio ambientale più importante del mondo hanno affrontato Vladimir Putin e il leader deposto recentemente, Jacob Zuma, per ribaltare un accordo nucleare multimiliardario

 

Le attiviste di base delle donne – una nera, una bianca – stanno insieme contro due degli uomini più potenti del mondo – uno nero, uno bianco – su un affare nucleare segreto, antidemocratico e multimiliardario.

Se questa fosse la trama di una serie Netflix, potrebbe essere liquidata come troppo ordinata, troppo perfettamente simbolica e simmetrica. 

Ma questa è la vera storia delle due vincitrici sudafricane del premio ambiente Goldman di quest’anno, che hanno sfruttato le loro radici nella lotta anti-apartheid per assumere e battere un accordo dal leader deposto recentemente della loro nazione Jacob Zuma e dal presidente russo Vladimir Putin. 

Makoma Lekalakala e Liz McDaid sono state le uniche firmatarie di una sfida legale di successo contro il piano per il Sudafrica di acquistare fino a 10 centrali nucleari dalla Russia a un costo stimato di 1 tonnellata (76 miliardi di dollari). 

Dopo una battaglia legale durato cinque anni, un tribunale superiore ha dichiarato illegale l’accordo lo scorso aprile e ha accettato le affermazioni dei querelanti secondo cui era stata concordata senza un’adeguata consultazione con il parlamento. 

A parte le immense ramificazioni geopolitiche, la sentenza è stata una rivendicazione per il movimento della società civile che mira ad ampliare la partecipazione pubblica, soprattutto da parte della donna, nel processo decisionale energetico.

C’erano rischi nell’affrontare il presidente, l’elettricità e gli interessi di una potenza straniera. Le due donne sono state avvisate di poter affrontare violenze e attacchi alla loro reputazione, ma hanno firmato i documenti legali a prescindere. 

“È importante che questa campagna sia guidata da donne”, ha detto Lekalakala in un’intervista a Cape Town. “Stiamo ottenendo questo premio [Goldman] perché ci siamo davvero sacrificate mettendo i nostri nomi sulla linea. Altri erano spaventati. Ma abbiamo passato così tanto che eravamo disposte a correre il rischio “.

McDaid, che lavora per l’Istituto per l’ambiente delle comunità religiosedell’Africa australe, ha affermato che la campagna è un riconoscimento del fatto che l’azione popolare può funzionare. “I governi di tutto il mondo amano dare l’impressione che i cittadini non abbiano potere. Non è vero. Abbiamo dei pesi e contrappesi e dobbiamo usarli. “

Entrambe hanno affilato i denti come attiviste nella lotta anti-apartheid degli anni ’80.

McDaid, allora insegnante, fu coinvolta nel massacro di Troia Horse ad Athlone, a Città del Capo. Ha nascosto gli studenti cercati dalla polizia a casa sua e ha usato la sua auto per bloccare le truppe che inseguivano gli studenti. 

Lekalakala è cresciuta a Soweto, il cuore del movimento per la coscienza nera.Quando aveva 19 anni serviva come maggiordomo in un grande magazzino. Ha anche assistito ad alcune delle peggiori violenze, sia da parte delle autorità bianche che da conflitti di fazioni black-on-black. 

Verso la fine degli anni Ottanta, un’epoca in cui presunti collaboratori dell’apartheid venivano puniti con “collane” di pneumatici bruciati, fu svegliata da urla nel cuore della notte e corpi scossi sul pavimento al mattino. “Quello è stato il momento più difficile della mia vita”, ricorda. 

Questo background ha reso le due donne relativamente senza paura. Sono stati entrambe minacciate e hanno subito irruzioni in cui i sistemi di allarme sono stati smantellati con abilità e solo i loro laptop (piuttosto che oggetti di valore come gioielli o macchine fotografiche) sono stati rubati, suggerendo che gli intrusi erano alla ricerca di informazioni piuttosto che di denaro.

“Sono molestie”, ha detto Lekalakala. “Ma sono molto coraggiosa. Sono abituata alle minacce. “

Le due donne hanno iniziato a lavorare insieme nel 2009 quando si sono unite a Earthlife , un gruppo progettato per incoraggiare le donne a diventare più coinvolte nel processo decisionale in materia di energia e clima.

Per Lekalakala è stata un’esperienza d’apertura. “Quando ho iniziato con Earthlife ero la sola donna nera . Pensavo che fosse sbagliato. Sono le povere donne di colore che sono più colpite ma sono i ricchi uomini bianchi che prendono tutte le decisioni “. 

Si sono rivelate influenti, fornendo input nella National Energy Act e nella politica energetica del clima.

Hanno sfidato la visione a lungo termine secondo cui l’energia è una questione tecnica e ingegneristica per specialisti piuttosto che per la gente comune.”Abbiamo rotto quella barriera e stiamo continuamente rompendo le barriere”, ha detto Lekalakala, che ha anche partecipato alla campagna contro i piani per una miniera di carbone a Thabametsi.

Sono stati informate sull’accordo nucleare da parte del gruppo russo EcoDefence .

Sebbene il governo sudafricano non avesse comunicato al pubblico il piano, il suo socio in affari, Rosatom, di proprietà statale, ha inizialmente pubblicato un annuncio sul proprio sito web . Ciò è stato rapidamente eliminato, ma non prima che Earthlife ne facesse una copia e la pubblicasse alle associazioni di ambientalisti, gruppi religiosi , avvocati e media.

La vittoria della loro corte fu un duro colpo per i piani di Putin di aumentare il reddito e l’influenza della Russia, e potrebbe aver contribuito alla caduta di Zuma dopo nove anni al potere. 

Secondo quanto riferito, il presidente aveva licenziato due ministri delle finanze in parte perché non erano disposti ad approvare il costo di 76 miliardi di dollari del progetto. E ‘stato anche un tema di rivendicazioni di corruzione da parte di nemici politici e rivali nell’ANC, dato che il figlio di Zuma era un direttore dell’unico miniera che forniva l’uranio. 

Il nuovo governo ha segnalato uno spostamento di direzione. Il presidente Cyril Ramaphosa ha detto a Davos quest’anno che il piano per aggiungere 9,6 gigawatt di energia nucleare era fuori dal tavolo. 

Più recentemente, il ministro dell’Energia Jeff Radebe ha firmato accordi che promuoveranno l’energia eolica e solare.

“I segnali politici sono buoni che il nucleare non sta andando avanti in tempi brevi”, ha detto McDaid. “Ma penso che questo sia solo un passo nel cammino verso un Sudafrica senza nucleare. C’è una lunga strada da percorrere. Il successo sarebbe che il nostro unico impianto esistente fosse distrutto e che il governo facesse una dichiarazione per abolire il nucleare “.

Lekalakala concorda sulla necessità di rimanere vigili perché il carbone – insieme al nucleare – rimane una preoccupazione e il governo rivedrà la sua politica energetica in cinque anni.

“La società civile può rivendicare un po ‘di credito per garantire che il governo non abbia percorso un percorso nucleare che avrebbe mandato in bancarotta il paese”, ha detto. “Useremo il premio Goldman per promuovere la nostra lotta e costruire una nuova generazione di attivisti”.

Fonte:

https://www.theguardian.com/world/2018/apr/23/goldman-prize-awarded-to-south-african-women-who-stopped-an-international-nuclear-deal?CMP=share_btn_fb

* La buona notizia del venerdi : Sebben che siamo donne : così cambieremo il mondo

Afghanistan, il test della mamma-matricola

L’immagine che la mostra concentrata sul test d’ammissione alla facoltà di medicina, col pargolo accucciato sulle sue gambe, ha reso famosa Jahantab Ahmadi.

E’ andata così.

Per partecipare alla prova dell’università privata di Nasir Khusraw, la venticinquenne Jahantab ha fatto due ore di strada, dal villaggio dove abita nella provincia di Daikundi sino a Nili.

S’è portata dietro l’ultimo figlio di pochi mesi, non poteva far diversamente, mentre i primi due venivano accuditi da parenti. S’è seduta in fila come altri concorrenti, ma a un certo punto il piccino ha iniziato a frignare, non smetteva, probabilmente non gradiva l’ambiente.

Per la madre, però, quella era un’occasione importantissima, alla quale dedicava un’attenzione speciale in un Paese dove l’accesso all’istruzione per tante donne rappresenta tuttora una chimera. Figurarsi il livello di studi universitario…

Allora Jahantab, pur non rinunciando al suo cuore di mamma, s’è ricavata una nicchia dietro la sedia di un’altra candidata. In quella cuccia ha placato l’ansia del bimbo, e soprattutto il pianto dirotto che disturbava la prova di tutti e rassicurando il figliolo s’è dedicata alle domande del test.

In quella posizione l’ha intravista un docente e ne è rimasto colpito a tal punto da cercare uno strumento per fotografarla, fosse pure l’obiettivo d’un telefono portatile. La mamma-studentessa è stata immortalata in quel crogiuolo di appunti e veli.

Conosciuta la vicenda, un’associazione che s’interessa ai giovani afghani l’ha avvicinata.

Jahantab appartiene all’etnìa hazara, desidera diventare dottoressa per mettere il sapere al servizio della gente e soprattutto dei bambini. Poter proseguire il sogno dell’istruzione che le si era interrotto a 18 anni con il matrimonio è per lei  una speranza immensa. Così la catena della solidarietà ha raccolto dei fondi per agevolarla negli studi, comunque costosi per una famiglia media. Le è stato trovato, assieme a marito e figli, un alloggio a Kabul dove potrà continuare a studiare, evitando di percorrere due ore di strada al giorno fra il villaggio e il capoluogo provinciale.

Ma questa storia a lieto fine è un’eccezione in un Paese tuttora oppresso dal fondamentalismo e da un sedicente governo democratico che non aiutano né donne né giovani a emanciparsi attraverso lo studio e il lavoro. Il suo 36% di alfabetizzazione continua a essere fra i più bassi del mondo.

eppure un sassolino alla sorgente può modificare il corso di un fiume

http://incertomondo.libreriamo.it/incertomondo/afghanistan-test-della-mamma-matricola/

* La buona notizia del venerdì: Una mamma e un figlio di 80 anni …

Mamma di 98 anni, si trasferisce nella  casa di cura per guardare il figlio di 80 anni perché “non smette mai di essere una mamma”


Non c’è niente di più forte dell’amore tra una madre e un figlio, e questa storia è l’esempio perfetto di quanto sia indissolubile questo legame. Ada Keating, 98 anni, si è riunita al figlio maggiore Tom, 80 anni, nella casa di cura  Moss View a Liverpool per prendersi cura di lui.
Ada e suo marito Harry hanno avuto quattro figli – Tom, Barbara, Margi e Janet.

L’unico ancora in vita è Tom,che prima di andare in pensione ha lavorato come pittore e decoratore presso i servizi di costruzione di HE Simm. Tom si è trasferito in una casa di cura a Moss View nel 2016 perché bisognoso di assistenza.

Ada e suo figlio sono inseparabili e amano trascorrere il tempo insieme – soprattutto a giocare e a guardare Emmerdale. “Io Gli dico buona notte tutte le sere nella sua stanza e poi me ne vado e il giorno dopo gli dò il buongiorno”. “Quando vado dal parrucchiere,mio figlio Tom aspetta il mio ritorno.

Quando ritorno, mi viene incontro e mi accoglie con un affettuoso abbraccio “.
Tom è contento di come stanno andando le cose,infatti,dice:”Sono molto felice di vedere la mia mamma di più, adesso che vive qui. È molto brava a prendersi cura di me “.

È molto commovente vedere la stretta relazione tra Tom e sua madre Ada e siamo così contenti di essere in grado di soddisfare le esigenze di entrambi”, ha detto il direttore della struttura, Philip Daniels. “È molto raro vedere le madri e i loro figli insieme nella stessa casa di cura e certamente vogliamo rendere il loro tempo insieme il più speciale possibile”.
Come ha detto Ada, “Non smetti mai di essere  mamma”.

 

Fonte: www.boredpanda.com 

http://www.pianetablunews.it/2017/11/05/mamma-di-98-anni-si-trasferisce-nella-casa-di-cura-per-guardare-il-figlio-di-80-anni-perche-non-smette-mai-di-essere-una-mamma/

Non solo mimose

Mi piacciono le mimose soprattutto sui loro alberi.  Non mi piacciono i fiori recisi.

Mi piacciono tutte le ricorrenze che riguardano l’Essere. Non mi piace che si celebri un Essere per volta.

Mi piace ricordare chi siamo tutti i giorni. Non mi piace solo un giorno e poi più niente per tutto l’anno.

Mi piace festeggiare Essere tutti insieme nel gruppo Umanità!

L’albero della Mimosa

La Mimosa (Acacia dealbata) è una pianta che appartiene alla famiglia delle Mimosaceae (Fabaceae secondo la classificazione APG). con foglie pennate di colore verde opaco e frutti a legume, nome comune di alcune varietà di acacia coltivate a scopo ornamentale per le caratteristiche infiorescenze a capolini gialli e vellutati.

La mimosa è un albero ornamentale che a miti temperature si sviluppa molto velocemente, il fiore dalle palline morbide a grappoli gialle è molto delicato e di breve durata, il suo profumo è inconfondibile, proprio al fiore è dovuta la notorietà della mimosa. È una pianta originaria dell’isola di Tasmania in Australia e per le sue meravigliose caratteristiche come pianta ornamentale ha avuto un facile sviluppo in Europa a partire dal XIX secolo dove oggi prospera quasi spontanea.

Nelle sue terre di origine arriva a svilupparsi fino a 30 metri di altezza, mentre da noi non supera i 12 metri. In Italia è molto sviluppata lungo la Riviera ligure in Toscana e in tutto il meridione, ma anche sulle coste dei laghi del nord. È una pianta molto delicata che desidera terreni freschi, ben drenati, tendenzialmente acidi soprattutto per una buona fioritura. Cresce preferibilmente in aree con clima temperato, teme inverni molto rigidi per lungo tempo sotto lo zero che possono provocarne la morte.

Il significato della mimosa per la festa delle donne

La mimosa è simbolo di innocenza, di libertà e nello stesso tempo il suo delicato nasconde forza e vitalità.

L’origine è tutta italiana, quando la partigiana Teresa Mattei decise nel primo dopoguerra di associare un fiore bello, diffuso (poco costoso quindi) e già in fioritura nei giorni intorno all’8 marzo e la scelta ricadde sulla mimosa, come simbolo per la festa della donna.
Si contrappose vincente alla proposta di Luigi Longo (segretario all’epoca del PCI, noto antifascista) che voleva proporre come simbolo per la festa della donna delle violette.
L’idea di trovare un fiore veniva a sua volta dal garofano rosso, simbolo della festa dei lavoratori.
La tradizione della mimosa per l’8 marzo nasce in Italia e resta un simbolo tipicamente solo italiano. l suo dono significa anche che il mondo sarebbe grigio, triste, povero senza la creatività e vitalità femminili.
In Inghilterra, nel secolo scorso, le ragazze meno carine erano solite infilare un fiore d’acacia nell’occhiello della giacca, della camicetta oppure fra i capelli per esibire la loro ideologia.
Diverso significato veniva attribuito alla mimosa dagli indiani d’America; in base ad una vecchia usanza un ramoscello d’acacia era donato da ogni giovane alla ragazza che gli aveva infuocato il cuore.
Il loro aspetto delicato nasconde forza e vitalità; per questo è simbolo di forza e femminilità

La Mimosa nei sogni non è un’immagine così rara.

Dato che nella nostra cultura è associata all’ 8 marzo, festa della donna, il suo essere presente nei pensieri ed nell’immaginazione collettiva, fa sì che compaia facilmente anche nei sogni.
La mimosa, con la sua fioritura precoce, è un anticipo di primavera e la primavera è l’inizio di un nuovo ciclo naturale che nel sogno rimanda ad una nuova fase della vita.
Preparare dei mazzetti di mimosa è partecipare attivamente di questo cambiamento, favorirlo, esserne consapevoli.
Anche Il colore giallo intenso della mimosa nei sogni va considerato, sia per le sue specifiche qualità simboliche, che per il suo associarsi al 3° chackra, ruota di energia legata alla espressione di se’. Alla capacità e possibilità di avere il proprio spazio nel mondo e di realizzarsi.
Sognare la mimosa può essere, allora, un modo per prendere coscienza di se’ e per accedere al proprio potenziale, oltre a mettere in evidenza i doni della femminilità.
Un segnale di successo e di realizzazione dei propri obiettivi.
Uno stratagemma usato dall‘inconscio per “catturare l’attenzione” del sognatore con la bellezza e la grazia della mimosa nei sogni e riconnetterlo al proprio potere personale.

Come conservare al meglio la Mimosa

La mimosa è un fiore molto delicato ed ha purtroppo vita breve. Basta però un piccolo trucco per allungare la vita a questo fiore così primaverile e profumato. Utilizzando una forbice, eliminate tutte le foglie che si sino rovinate e quelle che crescono in basso: Queste infatti marciscono rapidamente perché a contatto con l’acqua del vaso. Riempite il vasetto con dell’acqua tiepida in modo da far fiorire i capolini non ancora aperti e a rendere più soffici quelli già sbocciati. Inoltre tenere il vasetto lontano da fonte di calore altrimenti l’aria secca peggiorerebbe l’aspetto della mimosa.

Altri significati della mimosa

Mimosa: innocenza. pudore, libertà, autonomia, libertà.
Mimosa gialla: stima
Mimosa Rosa: Apprezzamento per la sensibilità della persona.

La Mimosa in cucina

I fiori della mimosa, sono un ottimo ingrediente per fare delle frittelle deliziose, basta aggiungerli e mescolarli ad una pastella fatta con farina, sale, lievito di birra e dopo aver formato delle parti con un cucchiaio, friggerli in olio bollente.

E per fare questa torta
http://ricette.giallozafferano.it/Torta-mimosa.html

Leggi anche:

“Che senso ha scrivere dell’0tt0 marzo”

” Se non ora, quando?”