* La buona notizia del venerdì: Lo Stop alle pellicce di Giorgio Armani

resize

Stop alle pellicce.

La notizia è di quella ad alto impatto mediatico e ha subito fatto il giro del mondo: la maison di moda Giorgio Armani ha annunciato l’abolizione totale dell’uso di pellicce nei suoi capi d’abbigliamento. A partire dalla stagione autunno inverno 2016-17 tutte le collezioni saranno al 100% fur free. 

La Lav ha definito la scelta dello stilista una svolta storica destinata a fare tendenza, anche se non è certo la prima in assoluto nel mondo della moda dove in tanti sono da tempo sulla strada dell’ecofur.

“Sono  lieto  di  annunciare  il  concreto  impegno  del  Gruppo  Armani alla  totale  abolizione  dell’uso   di  pellicce animali nelle proprie collezioni.  Il progresso  tecnologico raggiunto  in questi  anni ci  permette  di avere  a disposizione valide alternative  che rendono inutile  il  ricorso  a  pratiche  crudeli  nei confronti  degli animali.  Proseguendo il processo virtuoso intrapreso da tempo – ha dichiarato Giorgio Armani –  la mia azienda compie  quindi  oggi un  passo importante a testimonianza  della particolare attenzione verso le delicate problematiche relative alla salvaguardia e al rispetto dell’ambiente e del mondo animale.

(Premium Pricing - DOUBLE RATES APPLY) Attitude by Giorgio Armani smiling, sitting on two sculptures representing felines, holding her cat in her arms, in his apartment in Milan, via Borgonuovo. (Photo by Sebastien Micke/Paris Match via Getty Images)

Una scelta strategica, un aggiornamento obbligato, imposto anche dalla sensibilità collettiva crescente su pelli e pellicce, che dimostra come sia possibile coniugare mercato ed etica secondo le associazioni animaliste, e che sarà premiata dai consumatori.

Una decisione che fa onore  alla Maison  Armani  e  rafforza  una  strada  già   tracciata  e  consolidata  dalla  Lav in anni  di  campagne antipellicce  in tutto il mondo,  in  favore  della moda etica,  responsabile  e  sostenibile, e dunque  senza utilizzo di  animali “– ha commentato  Simone Pavesi, responsabile  Lav  Moda Animal Free –

Gli estimatori dello stile Armani saranno entusiasti: una scelta di vero stile per  il  ‘Re’ della  moda, amato e apprezzato in tutto il mondo.

La Lav, dal canto suo, ha avviato il progetto Animal Free Fashion col quale attribuisce una valutazione etica alle aziende che si impegnano a non utilizzare materiali animali.

Armani. giunto a questo traguardo in accordo con la Fur free Alliance (coalizione internazionale di oltre 40 importanti associazioni di protezione animali), non è  certo il primo a intraprendere la via ecologica.

Armani1-654678

Basti pensare alla stilista Stella McCartney, che da sempre non fa uso di pelli e pellicce per le sue collezioni, e a marchi di fascia alta come Hugo Boss, Tommy Hilfiger e Calvin Klein certificati ‘fur free’ da tempo, esattamente come catene più commerciali quali Zara, American Apparel, Bershka, H&M e ASOS.

Ricordiamo che circa 95 milioni tra visoni, volpi e altri animali sono uccisi ogni anno in tutto il mondo per la loro pelliccia; Europa e Cina restano i maggiori produttori a livello mondiale.

100

 

Fintanto che l’uomo continuerà a distruggere gli esseri viventi inferiori non conoscerà mai né la salute né la pace.

Fintanto che massacreranno gli animali, gli uomini si uccideranno tra loro.

Perchè chi semina delitto e dolore non può mietere gioia e amore.

Pitagora

Fonte 

lav.it

http://www.tuttozampe.com/stop-alle-pellicce-la-svolta-di-giorgio-armani/72994/

3 thoughts on “* La buona notizia del venerdì: Lo Stop alle pellicce di Giorgio Armani

  1. Pingback: * La buona notizia del venerdì: Lo Stop alle pellicce di Giorgio Armani | LE PORTE DELLA PERCEZIONE: Blog di Irene Belloni

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...