*La buona notizia del venerdì:Nonna Leo apre un home restaurant a 96 anni

4181590818001

Si chiama Leonilda Tomasinelli ma da tutti è conosciuta come Nonna Leo, ha 96 anni e per il suo compleanno si è regalata l’apertura del suo “Home restaurant”, proprio a casa sua.

Vive a Genova nel quartiere di Albaro da dove aprire le porte della sua abitazione per deliziare il palato dei clienti. 

Troppo spesso sento dire che è troppo tardi per prendere in mano la propria vita.

E a dirlo sono 40enni o 50enni.

Poi scopri storie come quelle di Nonna Leonilda e allora tutta la prospettiva cambia. Nonna Leo, come le piace farsi chiamare, ha 96 anni e ha deciso di impegnarsi in un progetto di sharing economy.

Davvero, non sto delirando. Complice la passione per la cucina e la tradizione, la nonnina genovese ha avviato un home restaurant nel cuore di Genova.

Le ricette vere, quelle della tradizione culinaria italiana, spesso si perdono. Ecco perché Nonna Leo ha deciso di dare voce a questi segreti della cucina con un progetto che personalmente amo alla follia.

20150416_95522_nonna_leo_inforna_il_pane

Nonna Leonilda, supportata dal nipote Fabrizio, ha messo in piedi un home-restaurant. 

Lei cucina per i suoi ospiti in cambio di un contributo alla spesa o una piccola cifra. L’idea è proprio quello della sharing economy: condividere cibo genuino fra sconosciuti a casa propria.

nonna-leonilda-opens-a-home-restaurant-at-96-in-genoa-interview-10

“Oggi le cene in casa sono una delle tante facce della sharing economy, un’economia di condivisione e socializzazione – spiega il nipote Fabrizio – grazie agli home-restaurant si condivide cibo genuino fra perfetti sconosciuti, contribuendo alla spesa o facendo pagare una piccola cifra all’ospite. Tutto viene fatto alla luce del sole perché il contatto fra chi apre un home-restaurant e chi vuole venire a mangiare in quell’abitazione si stabilisce sul web”. 

Di questi progetti abbiamo già sentito parlare in altre città, ma quello di Nonna Leo ha qualcosa in più. Per prima cosa perché lei ha 96 anni e poi perché le sue ricette arrivano anche dalla tradizione dell’Ottocento.

Cosa cucina la nonna genovese? Seppie con i piselli, stoccafisso accomodato, panissa, polpettone, torta Sacripantina, castagnaccio, focaccia al formaggio, coniglio alla genovese. Solo per citare qualche piatto.

home-restaurant-nonna-leo-genova-1-640x793

“Le mie ricette? Sono un segreto, non ve le dirò mai. Se volete assaggiare i miei piatti, però, potete venire a trovarmi nel mio home-restaurant”.

 Una nonnina social con tanto di sito internet, pagina facebook, twitter, google plus, instagram, youtube e pinterest.

Se vi trovate a passare da Genova (la casa di nonna Leo è in zona Albaro) approfittatene per vivere questa esperienza unica.

Potete prenotare la vostra cena attraverso il sito web di Nonna Leo o il suo profilo Nonna Leonilda.

3994b94

E’ la realtà della sharing economy, una forma di organizzazione socio-economica basata sull’accesso anziché sul possesso, sull’utilizzo anziché sull’acquisto.

Un modello di business da non confondere con il no-profit, perché non si basa sul volontariato ma sull’eliminazione dei soggetti intermediari grazie alla community e sulle opportunità del do-it-yourself.

Perno del sistema è l’Internet delle Cose: 13 miliardi di sensori che collegano tra loro persone, oggetti e dati e consentono di avere subito ciò che vogliamo e solo per il tempo in cui ci serve.

Secondo Collaboriamo.org, database sull’economia collaborativa, il13% degli italiani ha già utilizzato almeno un servizio di sharing

Fonti:

http://thatsgoodnewsblog.com/home-restaurant/

http://www.leggo.it/NEWS/ITALIA/nonna_leo_apre_ristorante_casa_96_anni_foto/notizie/1299503.shtml

http://www.wired.it/economia/business/2014/12/11/condividi-fai-cosi-sharing-economy-conquista-litalia/

7 thoughts on “*La buona notizia del venerdì:Nonna Leo apre un home restaurant a 96 anni

  1. Che bella nonnina e che idea stupenda, sono sicura che il cibo sara’ ottimo, e’ bravo anche suo nipote. Laura andro’ a trovarla quando vado da mia figlia, Genova non e’ lontana! 🙂 quasi quasi apro anch’io un home-restaurant, 😉 un abbraccio a te e buon weekend, ❤

    Liked by 1 persona

  2. Avevo visto un servizio al tg su questa speciale nonnina. E’ vero quel che dici, che a volte i 40-50enni non hanno la verve che dovrebbero, data l’ancor giovane età. Però ti confesso che anch’io mi sento stanca e priva di qualsiasi slancio. Forse ciò è dovuto al fatto che il mio lavoro è snervante (ultimamente più a causa dei genitori che degli allievi … eppure non mi era mai successo. I genitori non sono più quelli di una volta 😦 ). Comunque a 96 anni non vorrei arrivare (anche il solo vivere stanca!) ma se dovessi arrivarci, mi piacerebbe essere piena di vita e intraprendente come nonna Leo.

    Liked by 1 persona

  3. E’ semplicemente fantastica!!!!pensa circa una 15 di anni fa volevo trasferirmi in Corsica ed aprire un piccolo ristorantino ( pochi tavoli) una deliziosa cittadina sul mare, indovina com’è finita? ……mio marito purtroppo si è spaventato all’idea e non ne ha voluto sapere 😦 😦 ed eccoci qui oggi con la fatidica frase……e si se ti avessi dato retta!!!!!
    Pazienza ho fatto comunque tante altre cose belle!
    un grande abbraccio Laura a presto.
    Angela

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...