* La buona notizia del venerdì: A 13 anni usa Facebook per salvare i cani randagi

A-Story-Worth-Sharing-For-Ana-Maria-Ciulcu-The-Teenager-Who-Uses-Facebook-in-Saving-Stray-Dogs-in-Romania1

La condizione dei cani randagi in Romania è ancora molto delicata: tanti gli esemplari che vengono prelevati brutalmente dalla strada e rinchiusi in canile, dove trovano la morte per soppressione. Nonostante gli appelli di svariate associazioni animaliste, come Save The Dogs, ma anche di personaggi famosi come Brigitte Bardot, i cani continuano a morire. Spesso per fame e inedia, ma spesso anche a causa dei rastrellamenti di gruppo che vengono sistematicamente messi in atto

 

680

Questa ragazza si chiama Ana-Maria Ciulcu ed ha aperto una pagina Facebook (clicca qui) dove posta tutte le immagini dei randagi che incontra.

Il dramma dei randagi in Romania è purtroppo ormai noto: nel settembre scorso viene approvata una legge che mira a ridurre drasticamente il problema del randagismo, ma che, di fatto, è una strage quotidiana di animali: invece di sterilizzare gli animali come hanno fatto per anni molte associazioni animaliste, vengono rinchiusi in canili in attesa solo di essere soppressi.

Ana-Maria vede in prima persona, quotidianamente la situazioni per le vie del Paese.

Ana Maria pubblica la foto su Facebook e non appena qualcuno si fa vivo dicendosi disponibile all’adozione lei parte con un’analisi attenta dell’interlocutore. Vuole sapere tutto perché vuole essere sicura di affidare il suo amichetto alla famiglia giusta.

Ogni giorno Ana-Maria passa due ore del suo tempo a selezionare chi si fa avanti per l’adozione perché ci tiene molto al futuro dei “suoi cani”: «Mi piace pensare che i miei cani andranno a coricarsi sul divano di casa – racconta la ragazza alla Reuters -. Per questo motivo la prima domanda che faccio è: “Lo terrai alla catena?”».

romania-strays

Ana-Maria parla perfettamente tedesco e anche per questo è stato più facile riuscire a far trovare casa a 150 cani in Germania e Austria.

Ana Maria è mossa da una grande passione ed è sostenuta dai suoi genitori che pagano tutte le spese (circa 150 euro a cane)per medicine, vaccinazioni, sterilizzazioni, microchip ed eventuali passaporti per l’espatrio. Il trasporto del cane alla nuova famiglia è a carica di chi effettua l’adozione.

Da settembre i cani pronti per un’adozione sono già 30, destinazione: Germania e Inghilterra. Certo, sono ancora tanti, troppi gli animali in attesa di soppressione… ma di certo è una soluzione migliore rispetto ai soldi spesi dallo Stato per la cattura e la soppressione dei cani.
Questa storia dimostra che la passione muove il mondo e che anche a 13 anni e utilizzano un
social media è possibile fare qualcosa di importante.

Ana Maria ha messo sulla terra un piccolo semino che può fare molto.

 

La grandezza di una nazione e il suo progresso morale si possono giudicare dal modo in cui essa tratta gli animali.
M. K. Mahatma Gandhi

 

http://www.tuttozampe.com/cani-randagi-romania-salvati-ragazzina-13-anni/51266/

http://www.lastampa.it/2014/04/21/societa/lazampa/romania-a-anni-usa-facebook-per-salvare-i-cani-randagi-VXZmpjdS4MLIfCr0ywDAWP/pagina.html

4 thoughts on “* La buona notizia del venerdì: A 13 anni usa Facebook per salvare i cani randagi

  1. Pingback: LA BUONA NOTIZIA DEL VENERDÌ (IN RITARDO): ADOTTARE UNA VILLA DI ROMA ANTICA | Marisa Moles's Weblog

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...