* Pioggia di meteore per il fine settimana

6169070020_a029500eb4 

Tra l’ottobre e il novembre del 902 dopo Cristo, riferiscono le antiche cronache, l’invasione della Sicilia e della Calabria da parte dei saraceni e le stragi che ne seguirono furono seguite da un abbondante pianto divino.

Oggi è accertato che si trattò di una pioggia particolarmente fitta di stelle cadenti dello sciame delle Leonidi, visibile ogni anno a novembre.

55p-Tempel-Tuttle

Le Leonidi sono uno dei più importanti sciami meteorici: è causato dalla Cometa Tempel-Tuttle. Lo sciame è visibile ogni anno intorno al 17 novembre ed è formato da particelle emesse dalla cometa durante il suo passaggio accanto al Sole.

Devono il loro nome alla posizione del radiante, il punto cioè da cui sembrano provenire, localizzato nella costellazione del Leone: le meteore infatti sembrano irradiarsi proprio da quel punto del cielo.

Le Leonidi presentano un ciclo di 33 anni, pari al periodo orbitale della cometa Tempel-Tuttle: tra le piogge meteoriche ad esse associate vanno ricordate quelle del 1698, 1799, 1833[6], 1866, 1966[7], e 2001.

Leonidas_sigloXIX

La tempesta delle Leonidi del 1833 in una famosa stampa del tempo.

Se siete così fortunati da avere il cielo libero di nuvole questo fine settimana, potete tentare di vedere queste stelle cadenti tra il 16 ed il 17.

La pioggia delle “Leonidi” dovrebbe toccare il picco proprio tra questi due giorni. Il primo picco dovrebbe favorire il Nord America, mentre il secondo, sei ore dopo, dovrebbe favorire il centro dell’Oceano Pacifico. Sfortunatamente noi siamo più o meno dall’altra parte del pianeta, e ancor più sfortunatamente, c’è anche la Luna di mezzo.
In media dovrebbero garantire 10-20 meteore all’ora, ma ogni 33 anni circa, scatenano strepitose tempeste di oltre 1000 meteore all’ora (ZHR -zenithal hourly rate).

L’ultima volta che c’è stata una tempesta simile era il 1998-1999, e adesso ci avviciniamo al periodo di mezzo tra le due tempeste, cioè 2014-2016. Insomma, non vi aspettate la fine del mondo, ma se avette dei desideri nel cassetto, potrebbe essere l’occasione giusta per trovare un po’ di stelle cadenti che ve li facciano esaudire.

Potreste chiedervi come mai questa ciclicità di 33 anni. L’origine dei frammenti di roccia e ghiaccio che vedete bruciare nell’atmosfera, è la Cometa 55p/Temple-Tuttle, che ha un’orbita di 33 anni e dovrebbe tornare al perielio nel 2031.

leonidi-17-novembre-2013-700x429

Il consiglio comunque è quello di cercare di osservare le meteore già questi giorni, prima dell’arrivo della Luna, o comunque appena si intravede un po’ di cielo chiaro. Gli orari migliori sono dopo le 23 (con però la Luna di mezzo) e di nuovo dopo le 3:30, dopo che la Luna è passata. 

Fonte: http://www.link2universe.net/index.php?s=leonidi

3 thoughts on “* Pioggia di meteore per il fine settimana

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...