* La buona notizia del venerdì: Il gesto coraggioso di Amina: si scopre il capo davanti al giudice

Il gesto coraggioso di Amina: si scopre il capo davanti al giudice

images-21

Il sefsari è un particolare tipo di velo, dal colore chiaro e che avvolge per intero la donna; da decenni le detenute tunisine, giudicate quasi esclusivamente percondotta immorale, lo indossano per tradizione al momento di comparire in pubblico, per proteggersi agli occhi del mondo. 

Amina Sboui, meglio nota come Amina Tyler, invece la sua faccia combattiva, i suoi occhi di fuoco, il suo sorriso beffardo a quel mondo vuole sbatterlo in faccia.

Ha chiesto ai suoi legali se il sefsari fosse obbligatorio; le hanno detto di no. E così, entrata nell’aula del Tribunale di Sousse dove si svolgeva il processo d’appello in cui è imputata per detenzione di gas paralizzante – accusa per le quali è stata condannata ad una ammenda di 300 dinari (150 euro), ma non è stata mai scarcerata, perché le è stata contestata la condotta immorale – lo ha sfilato via davanti al giudice ed è rimasta così, a capo scoperto, in jeans e camicia a quadri: gli stessi che indossava lo scorso 19 maggio, quando fu arrestata a Kairouan per avere scritto  “Femen” sul muro di un cimitero e perché trovata in possesso di quella bomboletta di gas.

Ha sorriso ai fotografi, ha mostrato il pugno chiuso e ha fatto il segno della vittoria. Poi ha atteso in silenzio il parere della corte, che ha deciso di rinviare la sentenza al prossimo 11 luglio.

215046381-650c26e4-d787-4cf2-8a42-991b430ca886

In aula i legali della 18enne attivista, la celebre avvocatessa tunisina Radhia Nasraoui e l’avvocato Halim Meddeb, entrambi attivisti militanti anti-tortura e pro difesa dei diritti umani, hanno chiesto la non applicazione del testo di legge sulla detenzione di esplosivi, ribadendo la dichiarazione di innocenza della loro assistita e chiedendone la scarcerazione

La detenzione di Amina è arbitraria: non doveva essere arrestata, non ha commesso alcun crimine e alcuna infrazione alla legge – ha dichiarato Nasraoui -. Il dossier che è attualmente dal giudice Istruttore, al Tribunale di prima istanza di Kairouan, è vuoto”.

Malgrado ciò però, sul capo della blogger femminista che Il 1º marzo scorso ha diffuso in su Facebook una sua foto a seno nudo con la scritta “Il corpo appartiene alla donna” pesano le accuse di attentato la pudore, profanazione di cimitero e appartenenza ad un’associazione di “malfattori” colpevole di delitti contro cose o persone.

E’ in detenzione preventiva – una misura eccezionale adottata quando l’imputato viene ritenuto un pericolo per la società o quando si pensa che possa commettere un altro reato. Qui non abbiamo alcun crimine pericoloso: Amina è in prigione per un’opinione politica“.

Ad attenderla, all’uscita dal tribunale, non c’erano esponenti dei gruppi radicali; c’erano, invece, tanti sostenitori del Comitato FreeAmina, di associazioni come Amnesty International, dell’Organizzazione Mondiale Contro la Tortura, dell’Associazione delle donne democratiche tunisine e c’era suo  padre, che ha confessato alla stampa di essere fiero di lei “I giovani hanno iniziato a sostenere Amina, hanno capito che ha subito un processo politico, che non ha fatto niente, non si è svestita, non ha profanato alcun cimitero, è andata Kairouan per dire che la ‘Tunisia è uno Stato civile dove le donne sono libere’”.

In attesa della sentenza Amina rimane in carcere: se ne sta tranquilla, paziente e legge molto. Le hanno confiscato  dei libri che si era fatta portare. Lei ne ha chiesti degli altri.

Fonte:

http://www.repubblica.it

La colpa di Eva è stata quella di voler conoscere, sperimentare, indagare con le proprie forze le leggi che regolano l’universo, la terra, il proprio corpo, di rifiutare l’insegnamento calato dall’alto, in una parola Eva rappresenta la curiosità della scienza contro la passiva accettazione della fede.”

Margherita Hack

Altre buone notizie:

Progetto codice rosa

Prova costume 2

Malala

Niente più figli di serie B

6 thoughts on “* La buona notizia del venerdì: Il gesto coraggioso di Amina: si scopre il capo davanti al giudice

  1. Pingback: Prova costume 2 | unpodichimica

  2. Grazie carissima Laura per aver evidenziato questa notizia . Coraggio e determinazione: un modello per tutte noi e soprattutto un monito per quelle che credono che la battaglia per i diritti delle donne sia già finita e vinta.
    un abbraccio
    Margherita

    Mi piace

  3. Un esempio a cui molti dei nostri ragazzi dovrebbero guardare con ammirazione. Combattere per la libertà delle proprie idee per raggiungere uno stato di democrazia dove la distinzione di sesso e razza non ci sia più come scopo finale. La guerra è sempre lunga, ma è fatta di tante battaglie, spero vivamente che Amina torni a casa vincendo questa battaglia.
    Un grande abbraccio Laura.
    Angela

    Mi piace

  4. Pingback: LA BUONA NOTIZIA DEL VENERDÌ: NIENTE PIÙ FIGLI DI SERIE B | Marisa Moles's Weblog

  5. certo che ci vuole un gran coraggio a sfidare le convenzioni di una religione, specialmente là dove i confini tra religione e legge civile sono inesistenti… la gran differenza fra cristianesimo e islam è proprio questa.. il cristianesimo ha avuto la Riforma, e tutto quel che ne è seguito.. l’Islam no.. è una società monocratica, cristallizzata e dichiaratamente ostile a qualsiasi novità che vada a intaccare lo “statu quo”. Appare quindi tanto più meritevole questa giovane!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...