* La buona notizia del venerdì: Amici animali nuove leggi

Amici animali

 

378a4c0dbbfba7b8920f8ed0b9feee5c_thumb_600x600

I nostri amici a quattro zampe saranno liberi di andarsene a spasso in spiaggia quest’estate.

Ma non solo, anche nei bar, nelle biblioteche e in qualunque altro luogo pubblico o aperto al pubblico, senza alcuna autorizzazione prevetiva e nessun divieto potrà più fermare il loro libero passeggiare.

Grazie al nuovo regolamento-tipo, presentato ieri dall’AnciAssociazione nazionale comuni italiani, di cui è presidente Alessandro Cattaneo — e dalla Fiadaa — Federazione italiana diritti animali e ambiente i comuni italiani avranno uno strumento per tutelare i diritti degli animali da compagnia.

Il regolamento elenca doveri e responsabilità dei proprietari di cani e gatti— ad esempio, la custodia, il controllo della riproduzione, le precauzioni contro danni a terzi o aggressioni — e alcuni significativi divieti: «Come quello di legare gli animali alla catena, di venderli a minorenni, di detenerli se si sono riportate condanne, o è stato accolto il patteggiamento, per maltrattamento o uccisione, di lasciarli cronicamente soli, di condurli al guinzaglio da qualsiasi mezzo di locomozione, di utilizzarli per l’accattonaggio, di offrirli in omaggio o in premio».

animals_school1-720x540

 

L’iniziativa dà seguito ad un percorso di collaborazione iniziato l’anno scorso con la presentazione di ordinanze-tipo per il libero accesso degli animali a spiagge e luoghi pubblici, ma è più ambiziosa, perché il regolamento-tipo, pensato come esempio per l’applicazione al maggior numero possibile di casi concreti, affronta tutte le principali questioni attinenti alla convivenza uomo-animale nelle città e, per la prima volta, si occupa di tutti gli animali, dal gatto, all’iguana, all’elefante obbligato a “lavorare” sotto il tendone del circo.

Questo regolamento rovescia completamente l’impostazione adottata finora: si parte non dai divieti, ma dall’idea che – in linea generale, con motivate eccezioni – l’animale domestico possa accompagnare il proprietario dovunque, senza ledere i diritti di nessuno. L’intento è quello di migliorare la qualità della vita di tutti: i cittadini e i loro piccoli amici”.

«È tutelato il libero accesso degli animali domestici sulle spiagge, nei luoghi pubblici, nei luoghi aperti al pubblico (compresi case di riposo, ospedali, cimiteri) e sui mezzi di trasporto pubblico».

Il regolamento ribalta la tradizionale prospettiva proibizionista e punta a migliorare la qualità della vita di tutti, proprietari di animali o meno.

Secondo il testo proposto, il regolamento riconosce “la valenza sociale” del rapporto tra esseri umani e animali d’affezione ed opera perché il rispetto verso i nostri amici a quattro zampe sia promosso anche nel sistema educativo, a partire dalla scuola dell’infanzia ed elementare..

Qualora il detentore, “per seri e comprovati motivi”, non sia più in grado di tenere l’animale, è previsto che ne dia comunicazione all’Asl e al Comune affinché le strutture pubbliche o private convenzionate possano gestire l’accoglienza. Il regolamento, inoltre, riconosce e promuove, quale strumento alternativo per la lotta al fenomeno del randagismo, la figura del “cane di quartiere” o, più propriamente, del “cane libero accudito”.

«Il nostro auspicio è che possa essere adottato, o utilizzato come modello, nel maggior numero possibile di Comuni. Questo regolamento rovescia completamente l’impostazione adottata finora: si parte non dai divieti, ma dall’idea che in linea generale, salvo motivate eccezioni, l’animale domestico possa accompagnare il proprietario dovunque, senza ledere i diritti di nessuno».

dscf6496_640x4261

Per coloro che non rispetteranno i nuovi diritti degli animali — nei comuni dove verrà adottato il regolamento e per le violazioni non punite già dalla legge — sono previste sanzioni amministrative da 150 a 500 euro e, nei casi previsti, la confisca degli animali.

Fonti:

http://infosannio.wordpress.com

http://www.anci.it/…/Ordinanza%20tipo%20Animal%20frie…

10 thoughts on “* La buona notizia del venerdì: Amici animali nuove leggi

  1. Bellissima notizia e la mia bulldogghina approva con entusiasmo.
    Pensa che non ho potuto visitare la riserva naturale di Tor Caldara perchè il Comune di Anzio vieta l’accesso ai cani anche se custoditi e al guinzaglio,
    Ho scritto una mail all’assessore al turismo del Comune di Anzio per chiedere le motivazioni per tale divieto ma non mi ha neanche risposto….prima si fa la campagna per le adozioni dei cani e poi si rende la vita difficile ai loro padroni!
    Ciao

    Mi piace

  2. Notizia meravigliosa Laura, spero solo che ogni comune dal più piccolo al più grande in tutta Italia si adegui subito, naturalmente grande plauso a tutte quelle persone che hanno portato avanti questa grande battaglia, un grandissimo abbraccio, a presto.
    Angela

    Mi piace

  3. Questo regolamento mi sembra molto giusto ma devo fare qualche osservazione.
    Gli animali in spiaggia, per esempio, a me personalmente non fanno piacere. Ci sono degli stabilimenti loro dedicati e in cui il regolamento è piuttosto rigido, ma è per il bene degli animali stessi e la salvaguardia dei padroni. Mentre poterli portare indiscriminatamente in ogni spiaggia potrebbe creare problemi sia d’igiene sia di sicurezza. Ad esempio io ho paura dei cani perché mio figlio da piccolo è stato aggredito da un cane e da allora non mi fido a meno che non siano animali che conosco bene, Poi, al supermercato va bene che entrino anche i cani, a me non danno fastidio, ma non tollero che i padroni li mettano dentro il carrello (non sul seggiolino dei bambini) dove poi si ripone il cibo che si acquista. Forse sarò fissata con l’igiene ma trovo che sia doveroso per i padroni osservare delle regole per non incorrere in spiacevoli episodi che possono anche sfiorare l’intolleranza (non da parte mia, io sono piuttosto paziente).

    Ciao, Laura. Un bacione.

    Mi piace

  4. questa è veramente una buona notizia… basti pensare a tutte le persone che la vita ha portato alla soltudine, per le quali la compagnia di un animale domestico vuol dire la differenza fra una vita di sofferenza e una vita di serenità… naturalmente bisogna vedere come sarà applicata, in Italia c’è la tendenza a fare tante leggi e a dimenticarle in un cassetto.. o ad applicarle a sproposito… speriamo che questa non faccia la stessa fine di tante altre..

    Mi piace

  5. Anni fa per trovare un posto in cui i cani fossero ben accetti ho scoperto la Bretagna e me ne sono innamorato. Sei sicuro che negli autogrill finiranno per togliere il divieto d’ingresso per gli animali e metteranno quello per chi pratica tacchinaggio?

    Mi piace

  6. Pingback: Energie rinnovabili alla riscossa | unpodichimica

  7. Per Artù (compagno di giochi dei nipotini), sarebbe una tristezza infinita rimanere nel cestino della bicicletta.Lui vuole correre a fianco del “capobranco”…vuol fare la sua parte e avere il suo ruolo nella famiglia.
    Condivido il regolamento…fino al vero rispetto della personalità degli animali.
    Buona notte di prima estate!
    Nives

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...