* La Papessa

447px-Päpstin-Johanna-Schedelsche-Weltchronik

LA PAPESSA GIOVANNA

Una delle più strane e tipiche leggende sorte dalla fantasia del medioevo, è quella di una bella fanciulla inglese che studiò alla scuola di Magonza e, amata da un giovane monaco, vestì nel suo convento l’abito benedettino. Frequentò poi, seguendolo, tutte le scuole d’Europa e divenne una tale esperta di dottrina teologica che, alla morte di Leone IV ( IX secolo) i cardinali, ignorando la sua natura, la elessero al soglio pontificio, ed ella prese il nome Giovanni VII.
Ma la papessa si innamorò di un suo cameriere segreto ed un giorno, proprio durante la processione sullo stradone di San Giovanni, fra il colosseo e San Clemente, fu colta dalle doglie e mise al mondo un bimbo.
Scopertone il segreto, la papessa Giovanna fu fatta trascinare per i piedi da un cavallo, attraverso le strade di Roma, e lapidata a morte dalla folla inferocita nei pressi di Ripa Grande.
Fu sepolta nella strada dove la sua vera identità era stata svelata, tra San Giovanni in Laterano e San Pietro in Vaticano.
La leggenda della papessa Giovanna ha riempito pagine e pagine da Boccaccio a Gregorovius, e pur essendo priva di qualsiasi fondamento storico, è stata invece oggetto di contrasti furiosi soprattutto nel periodo più aspro dello scontro tra cattolici e protestanti.
Il racconto sembra essersi formato intorno alla metà del XIII secolo, da allora in poi fu riportato da tutti i cronisti fino ad acquistare credito così certo che nel duomo di Siena fu collocato un busto della papessa Giovanni e vi rimase fino quando Clemente VIII lo fece rimuovere.

ar02

ARCANO II : LA PAPESSA


Significato: La Bocca

Simbolo Esoterico: La Scienza

Valore Occulto: La Custode

Elemento: Acqua

Pianeta: Luna 

Numero pitagorico: 2

Lettera Ebraica: Beth

Nome Divino: Bachour

Motto dell’Arcano: 
“Sono colei che resta nel tempio. Cerca il mio volto dentro la tua essenza”

Astrologicamente la Papessa corrisponde alla Luna. 
La sua costellazione è Cassiopea, la regina di Etiopia. 
E’ la sacerdotessa del mistero, Iside, la dea della notte profonda, che lo spirito umano non potrebbe penetrare senza il suo aiuto.

Con la mano destra tiene socchiuso il Libro dei Segreti, che nessuno potrebbe mai scoprire se la Papessa non gli affidasse le chiavi che tiene nella mano destra.
Di queste due chiavi che aprono l’interno delle cose, una è d’oro ed connessa al Sole; quindi rappresenta il Verbo, la Ragione. 
L’altra chiave è d’argento ed è connessa alla Luna; quindi rappresenta l’immaginazione, la lucidità intuitiva.
Ciò significa che bisogna unire la logica all’immaginazione, se si aspira a conoscere ciò che è nascosto.

La divinazione ispirata dalla Papessa si applica al discernimento della realtà che si nasconde dietro al velo delle apparenze sensibili.

Sul sagrato del Tempio di Salomone, dove si innalzano le due colonne Jakin e Boaz,  troneggia la Papessa, davanti ad un velo che nasconde l’ingresso del santuario. 
Una delle due colonne è rossa, l’altra azzurra. La prima corrisponde al Fuoco; è l’ardore vitale divorante, l’attività maschile, lo zolfo degli alchimisti; significa solidità. La seconda corrisponde all’Aria, ed è il soffio che alimenta la vita, la sensibilità femminile, il Mercurio dei saggi; significa sicurezza.
Tutta la creazione proviene da questo dualismo; padre e madre, creatore e creazione, Dio e natura, Iside ed Osiride. 
La facciata del tempio è tenuta nascosta da un velo: la cortina che bisogna sollevare per poter entrare nel sacro recinto, lo schermo sul quale si proiettano le immagini viventi del pensiero.
Ma questa luce è ingannevole, porta  solo a vedere l’immagine esterna degli oggetti, senza penetrarne il profondo significato. 
         Il vero iniziato non si ferma davanti a questo; egli vuole andare oltre le apparenze esteriori.
Se egli se ne dimostrerà degno, la Papessa solleverà per lui il secondo velo ed egli potrà leggere nel suo viso e nel suo sguardo.
Il vero iniziato non sarà schiavo dei miraggi, poiché possiederà il segreto delle cose, dato che egli si sarà esercitato ad immaginare nel modo giusto.
Infatti l’insegnamento della Papessa si basa sull’intuizione, come mostra la falce di luna che sovrasta la sua tiara.
La Papessa è vestita di azzurro, il colore della spiritualità pura, e lei, infatti, la trasmette all’iniziato facendogli comprendere quanto questa dote sia importante per la sua crescita spirituale.
E’ avvolta in un ampio manto di porpora dai grandi bordi d’oro e dalla fodera verde. Quest’ultimo è il colore della vitalità posseduta interiormente dalle idee che traducono per noi le verità trascendenti. 
La Papessa rappresenta il subconscio, l’intuizione, il principio femminile per eccellenza. Lei insegna all’iniziato l’intuizione che gli permette di comprendere le situazioni e le persone in modo istintivo, riuscendo sempre a sapere come comportarsi correttamente.

tumblr_lh6bjv77wU1qzx5lqo1_400

Nella Cabala alla Papessa è associata la seconda Sephira, la Saggezza.
Essa corrisponde al pensiero creatore emanazione immediata del Padre, il suo primogenito, il Figlio, il Verbo, il Logos o la Suprema ragione.
Dal punto di vista divinatorio questa Lama rappresenta il Giudizio, la volontà che ritiene o governa la vita donata. Essa è la coscienza, il dovere, la legge morale, la scienza religiosa, la metafisica, la Cabala, l’insegnamento.
E’ il sapere contrapposto al dovere, l’autorità, la certezza, la sicurezza, l’assenza di dubbio, l’influenza suggestiva esercitata sul sentimento e sul pensiero altrui. Significa affabilità, benevolenza, bontà e generosità.

La Papessa dei Tarocchi è una carta estremamente positiva, in quanto rappresenta la porta da superare per arrivare alla Verità. Il successo assicurato dalla carta, tuttavia, non riguarda tanto il piano materiale dell’esistenza, quanto piuttosto la crescita interiore e le questioni dello spirito.

Fonti: Marcello Teodonio:” Tutti i sonetti di G.G.Belli”
http://www.leggere-i-tarocchi-per-crescere.com

http://www.esperienzediluce.com/

6 thoughts on “* La Papessa

  1. buongiorno laurin
    ho sempre pensato che di “papesse” occulte ce ne siano molte nel percorso storico della chiesa!
    oltre a tutta la tua precisa descrizione credo che la papessa dei tarocchi rappresenti anche la madre del il mistero trino.
    🙂
    un saluto di buona giornata
    dif
    …..
    grazie dei versi laurin 😀
    amo molto i fiori,
    direi che sono una necessità vitale al mio essere, le mimose poi con il loro colore solare mi creano sempre una atmosfera di calda allegria però detesto il loro uso che ormai ha più un sapore feticcio che di grande valore simbolico legato alla lotta delle donne.

    Mi piace

  2. Bellissimo articolo, ispirato da Luce Divina!!
    Nel descriverci le qualità della Papessa, prerogative uniche della Donna, indispensabili al raggiungimento della comprensione della perfezione cosmica, risalta la loro assenza dalle concezioni religiose della Chiesa di Roma che, senza ciò riconoscere, mai potrà aspirare alla universalità del suo messaggio.
    Universalità che significa una concezione religiosa ove la Donna goda della stessa dignità dell’Uomo, nella peculiarità dei descritti meriti spirituali.
    Bravissima!!!

    Mi piace

  3. sentii e lessi di questa strana storia (ci tornero’..)

    Laurin anche a me.. Mi piacciono i fiori ma non le divisioni in categorie… ho scritto proprio questo, in alcuni commenti: “il mio augurio per l’8 marzoe’ che scompaia questa festa, nel senso che auguro che arrivi un tempo in cui…non ce ne sara’ bisogno, perche’ la donna avra’ raggiunto l’obiettivo di essere considerata e riconosciuta, quale essa e’: pari all’uomo, integrata in una unica umanita’, con i “sessi ” che sono solo due “generi” dell’unica razza, quella umana….”
    Ciao Laurin.

    Marghian

    Mi piace

  4. Ciao Laurin. Io lessi questa storia, che ritenevo “possibilmente vera” fino all’eta’ di 30 anni. Leggevo “il giornale dei misteri”, una rivista non proprio esoterica, non in maniera approfondita almeno, ma c’erano le “rubriche” ed in “esoterismo e magia” lessi della “papessa” che fu smascherata dal…bambino, durante una processione.
    Ci sono storielle che prendono piede da essere credute – ancora- vere. Storielle che pero’ non sono buttate cosi’, dato che (seppure a posteriori) vengono rivestite di significati esoterici presi addirittura da epoche antichissime come dalla cultura egizia e da altre culture.

    Mi piace, nell’arcano, il sinificato del “dualismo”, perche’ sembra che proprio esista, in tutte le cose, un dualismo, come “buio-luce”, “bene-male”, “forza-debolezza”, “positivo-negativo”, ed ogni cosa esista in base al suo “contrario”, si appoggi addirittura al suo contrario. Come puo’ esistere il grande se non rapportato al piccolo? Od il bello se non confrontato con il brutto? L’agile con il goffo, il buono con il cattivo, e via dicendo.

    Io non sono un cultore di esoterismo, e non credo a magia e simili, ho notato semplicemente che anche in natura, in scienza, vi sono cose che, magari a posteriori, possono essere legate ad antiche credenze, quasi che l’uomo avesse da sempre “intuito” certe realta’, e ci sia arrivato, approssimativamente. Un esempio: non esiste il fuoco dell’Inferno, pero’…sotto la crosta terrestre c’e la lava, gli antichi ci arrivarono..”vicini”, in senso scientifico. Cosi’ come, credendo che ogni cosa ha il suo contrario ecco che in scienza..ogni particella ha la sua antiparticella, eccetera. Un post interessante. Ciao.

    Marghian

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...