* cosmicomiche

*********************************************

Quando ero piccola mi affascinavano i cieli stellati.
Mi domandavo chi erano tutti quei punti luce che guardavano verso la terra. Erano sicuramente vivi e volevano dirci qualcosa.
Ad ognuno una cosa diversa, perchè ognuno è diverso.


Ma ciò che più mi incuriosiva era dove andassero di giorno, dato che nel cielo, di giorno non si vedeva nessuno di loro.
Così immaginavo di perdermi tra tutti quei globi luminosi che mi apparivano vibranti di colori. E quando tornavo sulla terra era come se fossi inghiottita da uno zoom.
E pensavo…
” mica male queste scarpe…voglio tornare in quel negozio e comprare anche quelle altre che mi piacevano…”
Questo è un esempio di  stare con i piedi per terra .
Mentre l’opposto,quello di prima, è stare con la testa tra le nuvole.
E qui , dato che sono sempre io, viene spontaneo affermare come sopra così sotto .
Un’altra curiosità avevo, da bambina ..
( Eh! Sì, ero una bambina “ molto riflessiva” diceva la mia maestra…)
Quando io sono al Polo Nord, ben piantata in verticale sulla terra, c’è qualcun altro che, ben piantato sulla terra in verticale, sta al Polo Sud.
A parte il fatto che mi chiedevo come mai quello al polo sud, dato che stava sotto, al sud, non cadesse nello spazio…
Ma…

Chi, quando, dove e come aveva deciso quale fosse il Sud e il Nord?
E quindi il Sotto e il Sopra? E la Destra e la Sinistra ? E che la terra girasse in questo senso e non in quell’altro?


Più tardi ho letto un libro sull’argomento, che consiglio e che ho trovato molto divertente.
Le cosmicomiche “ di Italo Calvino.
Il protagonista  Qfwfq è privo di una vera identità, sembra che sia sempre esistito, non viene mai descritto con una fisionomia precisa, non si sa da dove venga, per quale motivo sia lì, ma diventa in ogni circostanza il testimone e protagonista indiscusso dell’ evento narrato.

“In quel periodo, Qfwfq cadeva. Ma non era una caduta così come la intendiamo noi adesso, innanzi tutto perché non c’era nessun punto di riferimento e quindi non si sapeva se si cadeva o si era fermi, oppure se si stava salendo. In ogni modo l’impressione era di cadere.”

Poi l’universo diventa un non luogo a misura di essere umano, un posto familiare dove abitano madri, padri, nonne, zii, cugini gemelli, signore del piano di sopra e così via…

“All’inizio di tutto, Qfwfq stava concentrato in un punto insieme a tutte le altre persone esistenti. Anzi, non insieme ma sovrapposti, tutti nello stesso punto: ogni punto di una persona coincideva con gli altri punti di tutte le altre persone. La situazione non favoriva la socievolezza perché alla fine ci si riduceva solo al “buongiorno” e “buonasera”, e si legavano amicizie solo con un ristretto numero di conoscenti.
E proprio in quel momento il punto che conteneva tutti s’espanse, catapultò tutti ai quattro angoli dell’universo e dissolse la signora Ph(i)Nko in luce e calore, proprio lei che in un impeto d’amore generale aveva dato il via al tempo, allo spazio, all’universo e alla gravitazione universale.”

Un posto che non ha un inizio e una fine, ma rassicurante e amichevole.
Ci sono altri posti dove altri esseri scambiano messaggi da una lontananza inimmaginabile di anni luce, il che dimostra che ci sono e ci vedono.

“ Una notte, osservando il cielo, Qfwfq notò un cartello in una galassia lontana. Questo cartello diceva “TI HO VISTO”. Facendo un rapido calcolo, si accorse che si riferiva ad un pessimo episodio che aveva compiuto duecento milioni di anni fa. Non sapendo cosa dire, espose un cartello difensivo con la scritta “E CON CIO’”?. Nei giorni seguenti continuarono ad apparire questi cartelli, e Qfwfq rimase sempre sulle difensive.
Si accorse, però, che ora molte persone nell’universo avevano una pessima idea di lui. Si ricordò allora di un episodio in cui era stato veramente se stesso, e voleva vedere le reazioni della galassia a questo proposito. Attese il giorno giusto, ma si accorse che quasi nessuno lo aveva notato o lo aveva collegato al rincrescioso episodio precedente.
Decise allora di costruire due cartelli, uno che attirava l’attenzione sui fatti positivi che compiva e un altro che la distoglieva nei momenti in cui non voleva essere visto. Spesso, però, li usava in modo errato, e l’universo lo vedeva sempre nei momenti sbagliati.
Fu sollevato sapendo che ad una certa distanza le galassie lontane non sarebbero più state in grado di vederlo.”

Insomma un modo di vedere l’universo con tutti i suoi  misteri e gli interrogativi che per ora non hanno risposta attraverso una ottica fiduciosa che tutto ha un senso.
E’ una interpretazione molto personale della realtà.
Ma cosa ho mai detto… Realtà ?
Quale Realtà?  La mia visione del mondo? O la tua? O la sua?
Se io chiedo ad un gruppo di persone che hanno vissuto la stessa esperienza, nello stesso momento e nello stesso luogo, ognuno di loro mi darà una versione diversa. Secondo il suo punto di vista.
Secondo i suoni che ha percepito.
Secondo la sua emozione del momento.
Esiste una Realtà Oggettiva? Esiste una Realtà condivisa che è il risultato delle esperienze di tutta l’umanità ed è la base dello sviluppo della Civiltà .
Questa Realtà condivisa è ciò che tutti credono che sia in quanto la loro visione è determinata da un modo di pensare comune, una credenza secondo la quale le cose stanno proprio così …e solo così.
E sono proprio le credenze che hanno contribuito allo sviluppo della  la civiltà!
Sarebbe molto, ma molto lungo elencarle e studiare l’effetto che hanno ottenuto sull’andamento del pensiero  e …

…to be continued!

3 thoughts on “* cosmicomiche

  1. Le credenze cambiano con le Civiltà. Esse hanno un loro ciclo vitale come tutte le forme di vita della natura, poi muoiono, e poi rinascono sotto forma dii nuove credenze e idee nuove condivise.

    E così le “realtà” cambiano continuamente con esse, assieme alle singole e tante diverse percezioni che ne ha l’essere umano.

    In questo continuo divenire però l’essere umano necessita, e inconsciamente cerca disperatamente di non perdere, dei punti di riferimento immortali che possano aiutarlo ad evidenziare la giusta direzione del suo difficile cammino.

    Forse questi punti di riferimento immortali sono il cielo stellato che ti parlava quando eri piccola e la tua curiosità, ammirazione e rispetto per le meraviglie del creato. Queste due cose, assieme, plasmano il pensiero dell’uomo e danno respiro alla sua anima.

    Abbiamo pertanto necessità di rivalutare il cielo perduto negli ultimi millenni!!

    Bellissimo articolo, denso di significati ed ispirazioni!

    Bravissima!!!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...