* Quando c’era vita su Marte ….


Marte appare come un disco rosso sul quale si distinguono regioni più chiare e più scure. Quarto pianeta in ordine di distanza del Sole, deriva il suo nome dal dio romano della guerra proprio per il suo colore rosso con cui risulta visibile in cielo.

Nell’agosto 1911 Lowell pubblicava la notizia di vita su Marte…

Già all’inizio del ‘600, usando osservazioni a occhio nudo del moto di Marte visto dalla Terra, Keplero rilevò che l’orbita del pianeta non era una circonferenza, come aveva pensato Copernico, ma una ellissi.
Poi arrivò il telescopio. Francesco Fontana, avvocato napoletano e astrofilo, nel 1636 fu il primo a vedere delle disuniformità sulla superficie di Marte: non più un disco omogeneo, ma con zone chiare e scure.

Nel 1877 l’astronomo americano Asaph Hall scopre l’esistenza delle due lune marziane (Phobos e Deimos) e Giovanni Schiaparelli, direttore dell’osservatorio milanese di Brera, inizia sul pianeta una serie di osservazioni che continuerà fino al 1890.
Le osservazioni di Schiaparelli, pubblicate in italiano negli Annali dell’Accademia dei Lincei, hanno eco mondiale. L’ottimo telescopio di Schiaparelli gli permette di vedere alcune strisce che sembrano collegare vaste macchie scure sul pianeta, attribuite a mari o distese d’acqua. Non c’è ancora la fotografia astronomica, e l’astronomo disegna a mano quello che vede, o che crede di vedere.

il pianeta Marte nella notte del 20 settembre 1909 ( disegno)

Un ricco americano, Percival Lowell, è un appassionato di astronomia.In particolare è interessato agli studi sul pianeta Marte. Viste le mappe marziane, nel 1896 fa costruire un osservatorio su una montagna dell’Arizona: il Lowell Observatory, che esiste ancor oggi.

Ma Lowell, folgorato dalle mappe di Schiaparelli, prese una terrificante cantonata di traduzione. Tradusse «canali» con «canals», parola simile ma di significato alquanto diverso. Mentre in italiano «canale» può essere artificiale (Villoresi) o naturale (Canale di Sicilia), in inglese non c’è dubbio: «canal» è solo artificiale.

Lowell, scrittore dotato di ottima fantasia, si convince così che quello che vede, o crede di vedere, sono canali scavati da una civiltà avanzata, al lavoro su Marte. I canali sono per loro essenziali: sono l’unico mezzo per trasportare l’acqua della fusione dei ghiacci polari fino alle zone equatoriali.
Anche Lowell fa mappe di Marte, addirittura costruisce un mappamondo marziano, con canali dritti, lunghissimi, che si incrociano in punti che sembrano città.
Manda la notizia al «New York Times», che la pubblica con grande risalto proprio cent’anni fa, il 27 agosto 1911. Nessuno allora dubitava della vita su Marte, tutti erano pronti ad accettare che non fossimo soli nel Sistema solare, anzi, si fanno complimenti ai nostri vicini planetari per le loro capacità ingegneristiche.

Sarà la fotografia astronomica a togliere poco dopo l’elemento di fantasia dai disegni degli astronomi. La sonda Mariner 4, nel 1965, nelle prime foto prese da vicino, non mostra canali, ma crateri, canyon e letti secchi di grandi fiumi.

L’acqua su Marte c’è stata, oggi ne siamo sicuri, ma se n’è andata, forse insieme con gran parte dell’atmosfera di un pianeta troppo piccolo per trattenerla. Attualmente, l’atmosfera di Marte è così sottile che l’acqua non può scorrere liquida in superficie: evaporerebbe istantaneamente.

( da un recente articolo del Prof. Giovanni Bignami, astronomo e astrofisico)

Un miliardo di anni fa Marte era un pianeta blu, ricchissimo di acqua. Probabilmente un grande oceano nell’emisfero Nord lo occupava per un terzo, la terraferma era piena di laghi e i fiumi erano almeno 40.000.

Il panorama di Marte e’ il risultato della prima ricerca che riunisce i dati osservati dal 2001 ad oggi dai satelliti di Nasa e Agenzia Spaziale Europea (Esa) in orbita attorno a Marte.

Sembra ormai molto probabile che in passato un oceano profondo circa 550 metri copriva il 36% del pianeta e conteneva circa 124 milioni chilometri cubi di acqua.

Non si può quindi escludere che un ambiente come questo possa avere ospitato forme di vita. Il ciclo dell’acqua su Marte era molto simile a quello della Terra, con piogge, acqua che scorreva sulla superficie, si accumulava in laghi e in un oceano, formava ghiacciai ed evaporava.

I mesa a forma di lacrima presenti nella Ares Vallis sono tra le strutture più famose su Marte, e secondo nuovi studi potrebbero indicare la passata presenza di un’oceano nella zona.

Jack Farmer, ricercatore dell’Arizona State University di Tempe ha detto di essere ”ottimista” sull’ipotesi che su Marte c’e’ stata o c’e’ vita.

Un altro scienziato Bill Schopf, ricercatore della University of California di Los Angeles ha aggiunti: ”Grazie alle sonde ed alle immagini orbitali e’ chiaro che ci sono letteralmente vaste aree di Marte tapezzate con vari tipi di solfati, tra cui il gesso”. A questo si deve aggiungere anche la presenza di metano rilevata su Marte.

Oggi sulla superfice di Marte c’è Curiosity…

 

*****************************************************************************************

*Guardando il cielo stellato nelle notti di agosto, lontano dalle luci dell’abitato,udendo il canto dei grilli, e la brezza estiva sulla pelle calda, le stelle sembrano di più.*

Stelle, pianeti, asteroidi, costellazioni, si riconosce facilmente il grande carro e più in sù la stella polare…più giù…più su…qui brilla di più…là lampeggia…lì è rossa…là un pò viola…come un’orchestra il cielo vibra ed invita, anzi attrae a naufragare in quel mare blu scuro…***

*Come resistere all’immaginazione che porta alla velocità della luce su una stella, o un pianeta…magari su Marte…**

E chi può stabilire quale è il sogno e quale la realtà?*****

************************************************************************************************

fonti:

http://www.timestars.org/spazio/spazio_oceani_fiumi_su_marte.html

http//link2universe.it 

3 thoughts on “* Quando c’era vita su Marte ….

  1. Complimenti per il tuo articolo in avanscoperta di un problema che, per quanto noto, è lontano dall’essere assimilato.
    La natura invia da sola i suoi messaggi di allarme e sta all’uomo doverli interpretare.
    L’uomo moderno sta ricevendo vari segnali dalla natura che gli dicono continuamente che egli deve urgentemente cambiare il suo stile di vita dettato da pura follia del pensiero occidentale degli ultimi secoli basato sull’idea della disponibilità di risorse infinite del nostro pianeta, cosa naturalmente che non è.
    E i guai quando arrivano, arrivano sempre tutti assieme.
    Assieme ad un futuro vicinissimo senza acqua saremo anche assaliti da un futuro senza petrolio fra pochi anni con tante catastrofiche conseguenze se arriveremo impreparati a quest’appuntamento che è ormai certo davanti a noi.

    Per quanto riguarda l’acqua il problema potrebbe essere affrontato seguendo, indicativamente, il sistema delle vecchie case di legno coloniali australiane che erano tutte provviste di contenitori cilindrici metallici di circa 3 metri di diametro che raccoglievano l’acqua piovana che era tutta l’acqua disponibile per uso domestico. Se ce l’hanno fatta loro potremmo farcela anche noi.
    E nulla vieterebbe ad una residenza di avere due o più di questi contenitori.
    Bisognerebbe abbandonare il vigente sistema dell’acqua centralizzata per tutti, tranne forse per gli ospedali.
    Bisognerebbe abbattere tutti i grattacieli. E ripristinare i pozzi di palazzo o di condominio alimentati preferibilmente da acqua piovana.
    L’utilizzo dell’acqua piovana, lasciando le acque degli acquedotti naturali per il solo uso pubblico di fontane e fontanelle, sembra la sola alternativa a disposizione adatta a fronteggiare una catastrofe da apocalisse.
    Decidere sembra necessario, per evitare di trovarci all’appuntamento come degli sprovveduti.
    Diminuire i consumi, razionalizzandoli, fermare lo sfruttamento dell’acqua e della natura ad eccezione di quello che la natura spontaneamente produce, sembra imperativo per gli anni e secoli a venire.

    Mi piace

  2. Hai toccato punti dolenti, caro amico, e l’umanità è più proiettata verso altri mondi anzichè risolvere i problemi di casa Terra.
    La ricetta più saggia sarebbe quella che tu suggerisci e mostrare maggiore considerazione per le risorse che abbiamo.
    Ma si sa…siamo fatti della stessa materia dei sogni…lo ha detto qualcuno,o no?
    Utilissimo per la riflessione il tuo commento, come sempre!
    L

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...